35.794.478
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?

lunedì 8 febbraio 2016

I numeri non mentono: dal 2011 a oggi l'insieme delle banche italiane ha perso - perso da intendesi come perdite iscritte come tali a bilancio -  circa 50 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti altri 200 miliardi di euro di sofferenze non ancora tramutatesi contabilmente in perdite, ma tali a tutti gli effetti già ora. 

Che sia una catastrofe, non può sfuggire a nessuno, ma la domanda è un'altra: solo l'Italia è combinata così, nella Ue, o ha compagni di disavventura?

Cominciamo col dire che questi 50 miliardi totali di euro di perdite delle banche italiane sono meno di quanto ha perso la sola Royal Bank of Scotland, che dal 2008 ha messo insieme 48 miliardi di sterline di buco nei suoi conti, per salvare i quali è stata nazionalizzata. Per le casse britanniche, è stato necessario un esborso di pubblico denaro pari a oltre 150 miliardi di sterline e nonostante ciò la banca scozzese ha continuato ad accumulare perdite, tornando all'attivo (modesto) solo nel 2015.

E rimanendo per il momento in Gran Bretagna, vogliamo parlare del Lloyds Banking Group? Il colosso bancario londinese ha accumulato quasi 6 miliardi di sterline di perdite dal 2010 al 2013 e benchè dopo sia tornato a far quattrini,  oggi, nel 2016, non è ancora tornato a recuperare i valori del 2008. 

Ma il vero buco nero delle banche d'Europa non è la scalcinata MPS, bensì la tedeschissima Deutsche Bank, la quale ha chiuso il bilancio del 2015 con la colossale perdita di 6,8 miliardi di euro, e per capire esattamente lo stato di "salute" della suddetta basti sapere che dal 2010 ad oggi Deutsche Bank ha perso il 70% - settanta per cento! - del suo valore in Borsa a Francoforte. Chi aveva investito 100 euro in azioni Deutsche Bank nel 2010 oggi si ritrova con in mano 30 euro.

A ciò si aggiunge che questa banca tedesca ha dovuto accantonare fino a questo momento quasi 4 miliardi di euro per cause legali contro di lei in mezzo mondo,  a partire dagli Stati Uniti.

E chi pensasse che si tratti di una caso - per quanto enorme - isolato nel panorama bancario tedesco, è completamente fuori strada

E ci possiamo scordare della Commerzbank? Ovviamente, no. Ha ricevuto ingentissime sovvenzioni pubbliche e nonostante ciò, questa, che per importanza è la seconda banca di Germania dietro la pericolante Deutsche Bank, prima ha causato un buco nei suoi conti da 4,5 miliardi di euro, poi non è più tornata ad essere profittevole. Di fatto, è una banca morta, che non produce utili e che non ha ripianato le perdite suddette. 

Tuttavia, pochi sanno che il sistema bancario tedesco, alla faccia delle "privatizzazioni"  e del "divieto di aiuti di stato alle banche" urlato ai quattro venti dalla Commissione europea, per il 40% - quaranta per cento! - è pubblico.  Stiamo, nello specifico parlando dei circuiti  Landesbank e Sparkasse. Le Landesbank tra il 2009 e il 2012 hanno accusato perdite per 14 miliardi di euro, e nel suo insieme il circuito delle banche "pubbliche" tedesche ha ricevuto 80 miliardi di euro in contanti dalle casse dello Stato tedesco, più garanzie sempre statali su altri 230 miliardi di euro. Se lo stato tedesco non l'avesse fatto, altro che Grexit, sarebbe avvenuto il Germanexit con il default della Germania tutta intera.  

E ora la Commissione europea vieta all'Italia la bad bank! E impone in bail in! 

Bad bank che invece la Germania ha permesso alla Spagna, altrimenti un'altra volta le banche tedesche sarebbero fallite, dato che avevano prestato enormi capitali al settore edilizio spagnolo, tramite banche spagnole, finito a carte e quarantotto dopo il crack del sub prime americani.

Su tutte, è svettata Bankia, in Spagna, velocemente nazionalizzata dopo il buco di 19 miliardi di euro emerso nel 2012. La bad bank spagnola si chiama Sareb e ha incamerato sofferenze delle banche spagnole per 51 miliardi pari a 100 miliardi di crediti marci del settore edilizio. 

Ma comunque, nonostante il poderoso aiuto,  Caixabank, Santander e Bbva hanno dimezzato gli utili, mentre il Banco Popular è riuscito a chiudere il 2015 con il bilancio in rosso. per 172 milioni di euro. Per meno, Banca Etruria è finita a gambe all'aria.  

Ora, alla luce di questi fatti - incontestabili - per quale stramaledetta ragione il ministro Padoan ha chinato il capino e ha firmato l'accordo-capestro con la Commissione europea sulle sofferenze delle banche italiane?

Non pensiamo d'essere i soli che vogliono saperlo.

Redazione Milano


INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EFFETTO BREXIT: PORTARE I RISPARMI IN GRAN BRETAGNA E VIVERE SERENI SENZA PIU' LA MINACCIA UE DI BAIL IN, TASSE E FISCO

EFFETTO BREXIT: PORTARE I RISPARMI IN GRAN BRETAGNA E VIVERE SERENI SENZA PIU' LA MINACCIA UE DI

martedì 28 giugno 2016
Alla fine il Brexit è giunto: i favorevoli all’uscita del Regno Unito hanno vinto contro ogni speranza degli eurocrati  e dei filo ue, che si sono lasciati andare al peggio del
Continua
 
IL SETTIMANALE TIME: ''LA UE NON E' MAI BRILLATA MA ADESSO SUONA LA CAMPANA A MORTO PER COLPA DI IMMIGRATI E DISOCCUPATI''

IL SETTIMANALE TIME: ''LA UE NON E' MAI BRILLATA MA ADESSO SUONA LA CAMPANA A MORTO PER COLPA DI

martedì 28 giugno 2016
L'Unione Europea non e' mai brillata per capacita' di introspezione, scrive Charlotte McDonald-Gibson sulla prestigiosa rivista americana Time. Per anni l'Unione si e' trascinata da una crisi
Continua
LE MONDE IN PRIMA PAGINA: ''MAGGIORANZA DEI FRANCESI STUFA DELLA UE QUANTO I BRITANNICI. IL FREXIT VINCERA' CON LA LE PEN

LE MONDE IN PRIMA PAGINA: ''MAGGIORANZA DEI FRANCESI STUFA DELLA UE QUANTO I BRITANNICI. IL FREXIT

lunedì 27 giugno 2016
PARIGI - Si conosce molto poco questa Inghilterra profonda che ha votato per la Brexit, anche se guardando la mappa finale dei collegi emerge che solo poche "isole" hanno preferito dare la
Continua
 
SONDAGGIO IN AUSTRIA: 38% VUOLE USCIRE DALLA UE (SE DOPO I BROGLI ELETTORALI SI RIVOTA IL BALLOTTAGGIO SARA' AUSTREXIT)

SONDAGGIO IN AUSTRIA: 38% VUOLE USCIRE DALLA UE (SE DOPO I BROGLI ELETTORALI SI RIVOTA IL

lunedì 27 giugno 2016
LONDRA - La clamorosa vittoria del Brexit avvenuta pochi giorni fa sta creando un effetto domino in tutta Europa visto che adesso in diversi paesi si fa sempre piu' forte la richiesta di un
Continua
I BRITANNICI HANNO DETTO NO ALL'IMPERO UE, QUESTA E' LA VERITA'.

I BRITANNICI HANNO DETTO NO ALL'IMPERO UE, QUESTA E' LA VERITA'.

sabato 25 giugno 2016
La Gran Bretagna non ha l'euro, non aderisce al Trattato di Schengen sulla circolazione e il referendum di ieri avra' effetto solo tra due anni, come prevede l'articolo 50 del Trattato di Lisbona.
Continua
 
MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E SALVINI: ORA REFERENDUM

MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E

venerdì 24 giugno 2016
Votare anche in Italia e in Francia per far decidere al popolo se restare nell'Unione europea. In due conferenze stampa parallele, una a Milano e l'altra a Parigi, il segretario della Lega Matteo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE BANK VA IN DEFAULT

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE
Continua

 
IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE PER IL DEBITO PUBBLICO

IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

JUNCKER: ''LAVORERO' FINO ALL'ULTIMO (COGNAC) PER L'UNIONE

28 giugno - ''Non sono ne' malato ne' stanco. Fino all'ultimo respiro lavorero' per
Continua

LA BORSA DI LONDRA IN FORTE RIALZO E LA STERLINA RIPRENDE QUOTA

28 giugno - LONDRA - Forte rialzo dei mercati della Gran Bretagna dopo due giorni di
Continua

+++BREXIT FA VOLARE LA BORSA DI LONDRA: APERTURA IN FORTE RIALZO+++

28 giugno - LONDRA - Là dove sarebbe dovuta avvenire una catastrofe finanziaria per
Continua

L'ASIA CHE SI STA LIBERANDO DELLE RISERVE DI EURO ADESSO TORNA COL

28 giugno - MILANO - Le Borse asiatiche iniziano a voltare pagina, dopo il Brexit e
Continua

PER IL FINANCIAL TIMES IL PROSSIMO AD USCIRE SARA' L'ITALIA A

27 giugno - Dopo la Brexit ''l'Italia potrebbe essere il prossimo tassello di domino
Continua

LA FINANZA E LE BANCHE DELL'ASIA SONO IN FUGA DALL'EURO, CHE CADE A

27 giugno - L'Euro ancora sotto pressione sui mercati asiatici per le incertezze
Continua

BORSE UE VANNO GIU' ANCORA, MALE MILANO -4% PER COLPA DELLE BANCHE

27 giugno - Le Borse europee hanno mandato in fumo altri 282 miliardi di euro nei
Continua

ENORMI ACQUISTI DI TITOLI DI STATO BRITANNICI (MA COME, NON

27 giugno - LONDRA - Invece della fuga, c'è la corsa all'acquisto dei titoli di
Continua

EASYJET CADE IN BORSA A LONDRA: PREVISIONE -5% FATTURATO PER

27 giugno - La compagnia aerea low cost inglese EasyJet ha lanciato un profity
Continua

LA BORSA DI MILANO CHE SEGNA +1,08% PREMIA IL BREXIT: MOLTO BENE

27 giugno - MILANO - Smentiti i catastrofisti. Il mercato azionario italiano in
Continua

NONOSTANTE LA ''FINE DEL MONDO'' PER COLPA DEL BREXIT RCS SEGNA

27 giugno - MILANO - Rcs corre in Borsa a Milano in una seduta di recupero del
Continua

BORSE EUROPEE SI RIPIGLIANO, EFFETTO BREXIT GIA' FINITO

27 giugno - Le borse europee aprono in moderato calo, quasi in parità. Non e' un
Continua

STALLO IN SPAGNA: LE URNE DISEGNANO UN PARLAMENTO PRATICAMENTE

27 giugno - MADRID - Il risultato delle elezioni politiche in Spagna consegna al
Continua

ENNESIMA ORDA DI AFRICANI ARRIVA IN ITALIA DALLA LIBIA, 655

26 giugno - MESSINA - Prosegue inarrestabile l'invasione di africani in Italia. Sono
Continua

BORSA DI MILANO: UNICREDIT -22,76% UBI -23,88% INTESA -20,28%

24 giugno - MILANO - BORSA - La Borsa di Milano non e' ancora a pieno regime. Quasi
Continua

LE PRINCIPALI BANCHE UE PRECIPITANO.

24 giugno - Raffica di vendite sui bancari europei, con l'Eurostoxx di settore che
Continua

DAVID CAMERON ANNUNCIA CHE SI DIMETTERA' AL CONGRESSO TORY: UN

24 giugno - Il premier britannico, David Cameron, parlando ai giornalisti in strada
Continua

DEUTSCHE BANK (PRIMA BANCA DELLA UE) E COMMERZBANK (SECONDA DI

24 giugno - Segnali fortemente negativi per i titoli bancari nei primi scambi
Continua

CATASTROFE ALLA BORSA DI MILANO: TUTTI I TITOLI BLOCCATI, CALO

24 giugno - MILANO - Praticamente tutti i titoli principali di Piazza Affari non
Continua

MATTEO SALVINI: ''EVVIVA IL CORAGGIO DEI LIBERI CITTADINI DI GRAN

24 giugno - ''Evviva il coraggio dei liberi cittadini di Gran Bretagna! Il cuore, la
Continua
Precedenti »