44.199.573
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?

lunedì 8 febbraio 2016

I numeri non mentono: dal 2011 a oggi l'insieme delle banche italiane ha perso - perso da intendesi come perdite iscritte come tali a bilancio -  circa 50 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti altri 200 miliardi di euro di sofferenze non ancora tramutatesi contabilmente in perdite, ma tali a tutti gli effetti già ora. 

Che sia una catastrofe, non può sfuggire a nessuno, ma la domanda è un'altra: solo l'Italia è combinata così, nella Ue, o ha compagni di disavventura?

Cominciamo col dire che questi 50 miliardi totali di euro di perdite delle banche italiane sono meno di quanto ha perso la sola Royal Bank of Scotland, che dal 2008 ha messo insieme 48 miliardi di sterline di buco nei suoi conti, per salvare i quali è stata nazionalizzata. Per le casse britanniche, è stato necessario un esborso di pubblico denaro pari a oltre 150 miliardi di sterline e nonostante ciò la banca scozzese ha continuato ad accumulare perdite, tornando all'attivo (modesto) solo nel 2015.

E rimanendo per il momento in Gran Bretagna, vogliamo parlare del Lloyds Banking Group? Il colosso bancario londinese ha accumulato quasi 6 miliardi di sterline di perdite dal 2010 al 2013 e benchè dopo sia tornato a far quattrini,  oggi, nel 2016, non è ancora tornato a recuperare i valori del 2008. 

Ma il vero buco nero delle banche d'Europa non è la scalcinata MPS, bensì la tedeschissima Deutsche Bank, la quale ha chiuso il bilancio del 2015 con la colossale perdita di 6,8 miliardi di euro, e per capire esattamente lo stato di "salute" della suddetta basti sapere che dal 2010 ad oggi Deutsche Bank ha perso il 70% - settanta per cento! - del suo valore in Borsa a Francoforte. Chi aveva investito 100 euro in azioni Deutsche Bank nel 2010 oggi si ritrova con in mano 30 euro.

A ciò si aggiunge che questa banca tedesca ha dovuto accantonare fino a questo momento quasi 4 miliardi di euro per cause legali contro di lei in mezzo mondo,  a partire dagli Stati Uniti.

E chi pensasse che si tratti di una caso - per quanto enorme - isolato nel panorama bancario tedesco, è completamente fuori strada

E ci possiamo scordare della Commerzbank? Ovviamente, no. Ha ricevuto ingentissime sovvenzioni pubbliche e nonostante ciò, questa, che per importanza è la seconda banca di Germania dietro la pericolante Deutsche Bank, prima ha causato un buco nei suoi conti da 4,5 miliardi di euro, poi non è più tornata ad essere profittevole. Di fatto, è una banca morta, che non produce utili e che non ha ripianato le perdite suddette. 

Tuttavia, pochi sanno che il sistema bancario tedesco, alla faccia delle "privatizzazioni"  e del "divieto di aiuti di stato alle banche" urlato ai quattro venti dalla Commissione europea, per il 40% - quaranta per cento! - è pubblico.  Stiamo, nello specifico parlando dei circuiti  Landesbank e Sparkasse. Le Landesbank tra il 2009 e il 2012 hanno accusato perdite per 14 miliardi di euro, e nel suo insieme il circuito delle banche "pubbliche" tedesche ha ricevuto 80 miliardi di euro in contanti dalle casse dello Stato tedesco, più garanzie sempre statali su altri 230 miliardi di euro. Se lo stato tedesco non l'avesse fatto, altro che Grexit, sarebbe avvenuto il Germanexit con il default della Germania tutta intera.  

E ora la Commissione europea vieta all'Italia la bad bank! E impone in bail in! 

Bad bank che invece la Germania ha permesso alla Spagna, altrimenti un'altra volta le banche tedesche sarebbero fallite, dato che avevano prestato enormi capitali al settore edilizio spagnolo, tramite banche spagnole, finito a carte e quarantotto dopo il crack del sub prime americani.

Su tutte, è svettata Bankia, in Spagna, velocemente nazionalizzata dopo il buco di 19 miliardi di euro emerso nel 2012. La bad bank spagnola si chiama Sareb e ha incamerato sofferenze delle banche spagnole per 51 miliardi pari a 100 miliardi di crediti marci del settore edilizio. 

Ma comunque, nonostante il poderoso aiuto,  Caixabank, Santander e Bbva hanno dimezzato gli utili, mentre il Banco Popular è riuscito a chiudere il 2015 con il bilancio in rosso. per 172 milioni di euro. Per meno, Banca Etruria è finita a gambe all'aria.  

Ora, alla luce di questi fatti - incontestabili - per quale stramaledetta ragione il ministro Padoan ha chinato il capino e ha firmato l'accordo-capestro con la Commissione europea sulle sofferenze delle banche italiane?

Non pensiamo d'essere i soli che vogliono saperlo.

Redazione Milano


INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE BANK VA IN DEFAULT

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE
Continua

 
IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE PER IL DEBITO PUBBLICO

IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!