45.064.169
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?

lunedì 8 febbraio 2016

I numeri non mentono: dal 2011 a oggi l'insieme delle banche italiane ha perso - perso da intendesi come perdite iscritte come tali a bilancio -  circa 50 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti altri 200 miliardi di euro di sofferenze non ancora tramutatesi contabilmente in perdite, ma tali a tutti gli effetti già ora. 

Che sia una catastrofe, non può sfuggire a nessuno, ma la domanda è un'altra: solo l'Italia è combinata così, nella Ue, o ha compagni di disavventura?

Cominciamo col dire che questi 50 miliardi totali di euro di perdite delle banche italiane sono meno di quanto ha perso la sola Royal Bank of Scotland, che dal 2008 ha messo insieme 48 miliardi di sterline di buco nei suoi conti, per salvare i quali è stata nazionalizzata. Per le casse britanniche, è stato necessario un esborso di pubblico denaro pari a oltre 150 miliardi di sterline e nonostante ciò la banca scozzese ha continuato ad accumulare perdite, tornando all'attivo (modesto) solo nel 2015.

E rimanendo per il momento in Gran Bretagna, vogliamo parlare del Lloyds Banking Group? Il colosso bancario londinese ha accumulato quasi 6 miliardi di sterline di perdite dal 2010 al 2013 e benchè dopo sia tornato a far quattrini,  oggi, nel 2016, non è ancora tornato a recuperare i valori del 2008. 

Ma il vero buco nero delle banche d'Europa non è la scalcinata MPS, bensì la tedeschissima Deutsche Bank, la quale ha chiuso il bilancio del 2015 con la colossale perdita di 6,8 miliardi di euro, e per capire esattamente lo stato di "salute" della suddetta basti sapere che dal 2010 ad oggi Deutsche Bank ha perso il 70% - settanta per cento! - del suo valore in Borsa a Francoforte. Chi aveva investito 100 euro in azioni Deutsche Bank nel 2010 oggi si ritrova con in mano 30 euro.

A ciò si aggiunge che questa banca tedesca ha dovuto accantonare fino a questo momento quasi 4 miliardi di euro per cause legali contro di lei in mezzo mondo,  a partire dagli Stati Uniti.

E chi pensasse che si tratti di una caso - per quanto enorme - isolato nel panorama bancario tedesco, è completamente fuori strada

E ci possiamo scordare della Commerzbank? Ovviamente, no. Ha ricevuto ingentissime sovvenzioni pubbliche e nonostante ciò, questa, che per importanza è la seconda banca di Germania dietro la pericolante Deutsche Bank, prima ha causato un buco nei suoi conti da 4,5 miliardi di euro, poi non è più tornata ad essere profittevole. Di fatto, è una banca morta, che non produce utili e che non ha ripianato le perdite suddette. 

Tuttavia, pochi sanno che il sistema bancario tedesco, alla faccia delle "privatizzazioni"  e del "divieto di aiuti di stato alle banche" urlato ai quattro venti dalla Commissione europea, per il 40% - quaranta per cento! - è pubblico.  Stiamo, nello specifico parlando dei circuiti  Landesbank e Sparkasse. Le Landesbank tra il 2009 e il 2012 hanno accusato perdite per 14 miliardi di euro, e nel suo insieme il circuito delle banche "pubbliche" tedesche ha ricevuto 80 miliardi di euro in contanti dalle casse dello Stato tedesco, più garanzie sempre statali su altri 230 miliardi di euro. Se lo stato tedesco non l'avesse fatto, altro che Grexit, sarebbe avvenuto il Germanexit con il default della Germania tutta intera.  

E ora la Commissione europea vieta all'Italia la bad bank! E impone in bail in! 

Bad bank che invece la Germania ha permesso alla Spagna, altrimenti un'altra volta le banche tedesche sarebbero fallite, dato che avevano prestato enormi capitali al settore edilizio spagnolo, tramite banche spagnole, finito a carte e quarantotto dopo il crack del sub prime americani.

Su tutte, è svettata Bankia, in Spagna, velocemente nazionalizzata dopo il buco di 19 miliardi di euro emerso nel 2012. La bad bank spagnola si chiama Sareb e ha incamerato sofferenze delle banche spagnole per 51 miliardi pari a 100 miliardi di crediti marci del settore edilizio. 

Ma comunque, nonostante il poderoso aiuto,  Caixabank, Santander e Bbva hanno dimezzato gli utili, mentre il Banco Popular è riuscito a chiudere il 2015 con il bilancio in rosso. per 172 milioni di euro. Per meno, Banca Etruria è finita a gambe all'aria.  

Ora, alla luce di questi fatti - incontestabili - per quale stramaledetta ragione il ministro Padoan ha chinato il capino e ha firmato l'accordo-capestro con la Commissione europea sulle sofferenze delle banche italiane?

Non pensiamo d'essere i soli che vogliono saperlo.

Redazione Milano


INCHIESTA BANCHE UE / TEDESCHE SULL'ORLO DEL BARATRO, SPAGNOLE VANNO MALE, E SONO LE SOFFERENZE ITALIANE, IL PROBLEMA?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE BANK VA IN DEFAULT

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ORA FA PAURA ALLA FINANZA (MARCIA) TEDESCA: SE CADE L'EURO LA DEUTSCHE
Continua

 
IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE PER IL DEBITO PUBBLICO

IL NEW YORK TIMES PUBBLICA UNO STUDIO DELLA BCE CHE DICE: AUMENTARE LE TASSE E' CONTROPRODUCENTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!