48.338.135
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL WALL STREET JOURNAL LANCIA L'ALLARME: L'AZIONE DELLA BCE METTE IN PERICOLO I RISPARMIATORI DI TUTTA L'EUROZONA

giovedì 4 febbraio 2016

NEW YORK - Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha recentemente respinto le critiche al programma di easing quantitativo dell'Eurotower, dichiarando che i tassi di interesse ultrabassi e il programma di acquisto di asset della Banca non costituiscono affatto un danno per i risparmiatori.

In Italia, sia per motivi campanilistici, sia perchè la Bce a trazione Draghi sta comprando a man bassa titoli di stato italiani e quindi lo spread - nonostante gli sfracelli borsistici del settore bancario e l'esorbitante mole delle sofferenze -  non è schizzato alla stelle come in epoca berlusconiana, nessuno ha osato mettere in discussione questo assunto.

Viceversa, a parere dell'editorialista economico del "Wall Street Journal" Michael Heise, "la verità riguardo gli effetti del Qe per i risparmiatori e' assai piu' complessa: la politica monetaria espansiva della Bce non e' un problema solo se si e' ricchi e si dispone di un portafoglio di investimenti diversificato".

Riguarda i risparmi e gli averi di tutti i cittadini dell'eurozona.

Non a caso, sottolinea nell'articolo pubblicato oggi, "Draghi ed altri affermano che anche se i depositi bancari e altri asset liquidi simili garantiscono ora interessi quasi nulli o addirittura negativi, le azioni o in alcuni casi l'immobiliare hanno performato bene grazie alle politiche espansive".

In questo senso, un portafoglio d'investimenti assai diversificato e' ben posizionato per assorbire gli effetti del Qe; ed e' anche vero - almeno in teoria - che un beneficio indiretto dovrebbe giungere dalle politiche espansive a crescita economica e occupazione.

Invece, l'unico effetto che puo' essere univocamente ricondotto al Qe, secondo Heise, e' il calo dei rendimenti delle obbligazioni sovrane, e dunque dei costi di rifinanziamento del debito pubblico, specie per i paesi dell'eurozona gia' finanziariamente piu' solidi, come la Germania, le cui obbligazioni costituiscono l'acquisto privilegiato del programma di Qe dell'Eurotower.

Quel che i vertici della Bce tendono a trascurare - scrive a chiare lettere il Wall Street Journal - , e' che gran parte dei cittadini europei accumulano i loro pochi risparmi in depositi bancari: in media, il 40 per cento degli asset finanziari detenuti dalle famiglie dell'eurozona assumono proprio la forma di depositi e per le fasce di reddito piu' basse, tale percentuale sale al 60 per cento".

"Molti europei, dunque - specialmente i meno abbienti - hanno rimediato dalla Bce perdite considerevoli sotto forma di mancati redditi da interesse. I risparmiatori piu' abbienti e meglio preparati a diversificare i loro portafogli in risposta alle politiche della Banca centrale hanno probabilmente evitato queste perdite, ma anche nel loro caso, resta da vedere se la loro situazione sara' sostenibile": tutto, conclude Heise, dipendera' dalla capacita' dell'economia dell'eurozona di crescere abbastanza da giustificare le quotazioni raggiunte dagli asset piu' rischiosi. 

Tradotto in parole povere: per colpa del QE della Bce, il denaro liquido non rende più nulla, e anzi è eroso nel suo potere d'acquisto, quello investito in obbligazioni idem, senza voler infierire parlando del rischio ormai conclamato per le obbligazioni bancarie, come i recenti default di banche italiane insegnano, e il denaro investito dai risparmiatori in fondi comuni che a loro volta operano nei mercati azionari per poter produrre un qualche utile, sono oggi ad alto rischio: sono sostenibili nel tempo questi valori raggiunti? Infatti, non è un caso se tutti i valori azionari di tutte le banche italiane sono in pesantissima flessione, mentre gli altri? Quelli non bancari, reggeranno? Questa è la domanda del Wall Street Journal. 

La risposta, dati alla mano, non è tranquillizzante: se si fa riferimento all'ultima grande "collocazione" in Borsa, quella della Ferrari, c'è da concludere proprio no. Chi ha comprato azioni Ferrari, al momento ha perso oltre il 20%. Ma il vero rischio sta proprio nel QE: i risparmiatori, finchè la Bce agirà così, continueranno a perdere denaro sia perchè non incassano nulla di interessi, e quindi non ottenendo utili contraggono la propria capacità di spesa, sia perchè il valore in sè dell'euro si deprezza. E' una doppia perdita.

Redazione Milano

 

 


IL WALL STREET JOURNAL LANCIA L'ALLARME: L'AZIONE DELLA BCE METTE IN PERICOLO I RISPARMIATORI DI TUTTA L'EUROZONA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BCE   WALL STREET   JOURNAL   WSJ   QE   PERICOLO   ITALIA   BANCHE   RISPARMI   FONDI   COMUNI   DRAGHI   INVESTIMENTI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GERMANIA PAGA AMBASCIATE DI PAESI DEL TERZO MONDO PER RISPEDIRE A CASA LORO I MIGRANTI ECONOMICI (MA LA UE LO SA?)

GERMANIA PAGA AMBASCIATE DI PAESI DEL TERZO MONDO PER RISPEDIRE A CASA LORO I MIGRANTI ECONOMICI
Continua

 
LA SVEZIA OFFRE AL MAROCCO DENARO PER RIMPATRIARE FALSI ''PROFUGHI'' E LA NORVEGIA VUOL COSTRUIRE ''CAMPO'' IN AFGHANISTAN

LA SVEZIA OFFRE AL MAROCCO DENARO PER RIMPATRIARE FALSI ''PROFUGHI'' E LA NORVEGIA VUOL COSTRUIRE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!