55.009.752
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FINANCIAL TIMES: ''L'ITALIA E' UNA GRAVE MINACCIA PER ZONA EURO E UNIONE EUROPEA: SOSTENIBILITA' INCERTA, COME LA GRECIA''

lunedì 1 febbraio 2016

Grecia e Italia accostate, sulle pagine del Financial Times, come Paesi le cui difficoltà a gestire le molteplici crisi in corso, da quelle finanziarie a quella umanitaria sui profughi, "mettono in rilievo le faglie dell'unione europea". L'Italia nell'Eurozona? La sua sostenibilità a lungo termine è incerta, un po' come quella della Grecia, scrive sul Financial Times Wolfgang Munchau, che giornale è anche condirettore, non solo editorialista.

L'analista tedesco mette in evidenza come, dopo i disastri della Grecia - che non sono affatto finiti, dato che è in difficoltà sia dal punto di vista economico sia da quello della gestione dell'immigrazione - l'Unione europea è messa a rischio anche dall'Italia. Oltre ai punti critici, Munchau parla degli sforzi del governo italiano nel cercare un'inversione di rotta alzando la voce nei confronti di Bruxelles e di Berlino, e non è affatto una tecnica, dato che alza ultriormente la tensione in Europa.

Secondo il Financial Times l'Italia è in grande difficoltà sia nell'affrontare l'immigrazione, sia per la crisi del sistema bancario.

Testualmente: "L'Italia è stata sopraffatta dalla crescita di profughi provenienti dal Nord Africa lo scorso anno. Oltre a questo, l'Italia si trova ad affrontare problemi economici irrisolti - la crescita della produttività ferma per 15 anni; un grande debito pubblico che lascia il governo praticamente senza margine di manovra; e un sistema bancario con 200 miliardi di crediti deteriorati, più altri 150 miliardi di debito classificato come problematico. Bisogna poi prendere in considerazione che i tre principali partiti di opposizione hanno, in vari momenti , messo in discussione l'appartenenza del paese all'Eurozona. Anche se nessuna di queste forze politiche sembra avere possibilità di arrivare al futuro nel prossimo futuro, è chiaro che l'Italia ha un tempo limitato per risolvere i suoi molteplici problemi".

Secondo Munchau se c'è un Paese che, come la Grecia, mostra che le capacità di intervenire su queste crisi contestuali ha raggiunto il limite "è l'Italia. Anche se i problemi di Roma sono diversi da quelli della Grecia, la sostenibilità di lungo termine del Paese nell'area euro è altrettanto incerta. A meno di non credere che la sua performance economica migliorerà miracolosamente, anche in assenza di motivi per cui dovrebbe farlo".

Non bastassero queste critiche, ecco cosa pensa il Financial Times della crisi delle banche italiane: "L'ingente mole del debito pubblico non lascia praticamente margini di manovra alle politiche bilancio. A questo si è aggiunto il problema di come smaltire i crediti deteriorati nelle banche. La difficoltà a riparare il sistema bancario è un buon esempio della pericolosità dell'Italia. L'Italia ha appena raggiunto un accordo con la Commissione europea che, per non utilizzare gli aiuti di Stato, fa ricorso a tutti i peggiori trucchi della Finanza moderna, anche se in questo caso - prosegue Munchau - più che espressione della finanza deviata si tratta di un segno di disperazione".

Parole come pietre.

"In pratica  - prosegue il Financial Times - c'era poco altro che gli italiani potessero fare sulla base delle rigide normative europee sugli aiuti di Stato. E ci si mette anche la sfortuna. Perché questa strategia europea di fare il meno possibile e rinviare i problemi, avrebbe potuto funzionare se i profughi fossero rimasti a casa. L'Ue si è esposta al rischio di incappare in ulteriori shock esterni che si sono regolarmente materializzati, come la crisi dei rifugiati, appunto. E ora si creano pesanti problematicità, come la chiusura unilaterale delle frontiere con la Grecia da parte della Macedonia". 

"La Grecia può essere l'esempio più brutale, ma non è l'unico paese esposto a crisi sovrapposte. Non è nemmeno il più importante. Lo è di gran lunga l'Italia. Benchè i problemi di Roma siano diversi da quelli della Grecia, la sostenibilità a lungo termine del paese nella zona euro è allo stesso modo incerta, a meno che non si creda - appunto - che la sua performance economica possa miracolosamente migliorare quando invece non c'è nessun motivo per pensarlo".

Dopo aver elencato come Roma sta affrontando le questioni economiche, giudicando l'azione del governo "non particolarmente efficiente", l'editorialista del Finacial Times ricorda come il governo italiano si stia rapportando in modo conflittuale con le istituzione europee: "Ci sono segnali che ci dicono che la pazienza dell'Italia con la Ue e la Germania, in particolare, si sta esaurendo. Il primo ministro Matteo Renzi ha attaccato apertamente le politiche della Ue in materia di energia, sulla Russia, sul deficit di bilancio e sul dominio tedesco dell'intero apparato. Non è solo la crisi dell'euro che ha portato l'Italia sull'orlo di mettere in discussione la sua posizione con l'euro, e cioè se rimanere o uscire dall'Eurozona. Si tratta di una combinazione di più crisi, ed è probabile che crescerà ancora il conflitto Italia-Ue durante l'attuale dibattito sulla Brexit".

L'articolo del Financial Times con le accuse dirette al governo Renzi e i pericoli di crollo dell'eurozona fino all'uscita - o alla cacciata - dell'Italia dall'euro, non ancora avuto repliche da Palazzo Chigi o dal Pd.

Redazione Milano


FINANCIAL TIMES: ''L'ITALIA E' UNA GRAVE MINACCIA PER ZONA EURO E UNIONE EUROPEA: SOSTENIBILITA' INCERTA, COME LA GRECIA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   UE   GRECIA   MUNCHAU   FINANCIAL   TIMES   CRISI   BREXIT   DEBITO   BANCHE   SOFFERENZE   ECONOMICA   RENZI   GOVERNO   ACCORDO   DISPERAZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA BANCHE / L'ACCORDO CAPESTRO CON LA UE SU CREDITI MARCI RENDE AD ALTISSIMO RISCHIO I FONDI D'INVESTIMENTO

INCHIESTA BANCHE / L'ACCORDO CAPESTRO CON LA UE SU CREDITI MARCI RENDE AD ALTISSIMO RISCHIO I FONDI
Continua

 
DI NUOVO ''GREXIT'' PER LA GRECIA: STALLO TRA UE-BCE-FMI E IL GOVERNO TSIPRAS MENTRE ARRIVA DOMANI LO SCIOPERO GENERALE

DI NUOVO ''GREXIT'' PER LA GRECIA: STALLO TRA UE-BCE-FMI E IL GOVERNO TSIPRAS MENTRE ARRIVA DOMANI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!