44.199.636
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA MERKEL AL CAPOLINEA: ATTACCHI CONTEMPORANEI DELLA CSU BAVARESE, DELL'ALLEATO SPD E DELLA GRANDE STAMPA TEDESCA

giovedì 28 gennaio 2016

BERLINO - Rendere sicuri i confini sembra essere diventato un compito irrisolvibile non solo per la Grecia: all'interno della Grande Coalizione tedesca, infatti, la Csu minaccia adesso di appellarsi alla Corte Costituzionale e l'Spd agita lo spettro di una rottura della Coalizione, scrive l'opinionista Jasper von Altenbockum sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung".

E tutto questo, prima che si sapesse questa mattina che la Svezia espellerà con voli charter a catena a partire dalla prossima settimana oltre 60.000, probabilmente 80.000 ha detto il ministro dell'Interno svedese, migranti arrivati in Svezia via Germania ma senza alcun requisito per essere ospitati come profughi, perchè profughi non sono.

Spd e Csu, quindi, calcano a turno la scena di uno spettacolo non lontano dal "teatro di Tsipras", nel quale i toni sono appunto da "tragedia greca".

Nella lettera del governatore bavarese alla Cancelliera Merkel recapitatale esattamente 24 ore fa, la messa in sicurezza dei confini e' l'unico punto di cui Monaco e cioè la Baviera chiede l'immediata implementazione.

Si tratta in pratica, sottolinea von Altenbockum, di garantire la registrazione ordinata di tutti gli immigrati: apparentemente un'ovvieta', e non certo una ragione per considerare la pace europea in pericolo. Non e' invece una questione semplice, se associata a flussi migratori dell'attuale intensita' e all'idea di un tetto massimo agli ingressi, a cui proposito il governo bavarese della Csu ha sollevato una questione di fedelta' alle leggi della Germania, federalismo, nel senso che la Baviera si sente scavalcata e oppressa dal governo centrale della Merkel sulla questione migranti e anche di stato di diritto, visto che i diritti dei cittadini tedeschi vengono calpestati.

Gli elogi alla politica di accoglienza indiscriminata della cancelliera tedesca Angela Merkel spesso sono mossi da una sorta di "etica a distanza della convenienza" e da un "eccesso di moralismo globale", scrive l'opinionista Reinhard Mueller sullo stesso quotidiano, il potente Frankfurter Allgemeine Zeitung: a causa della propria colpa storica, scrive l'opinionista, Berlino si sente obbligata ad accogliere tutti, anche se nel concreto i distinguo e i particolarismi abbondano.

Certamente, sottolinea Mueller, il passato di questo paese sta alla base dei vincoli che oggi gravano su di esso. La sopravvissuta all'Olocausto Ruth Klueger ha sottolineato che la Germania, responsabile dei peggiori crimini del secolo, oggi ha "ottenuto il plauso del mondo" grazie ai suoi confini aperti e alla generosita' nell'accoglienza dei profughi. Il paese e' sotto stretta osservazione e vuole essere percepito a tutti i costi come un modello alternativo allo Stato nazionalsocialista.

A ragione Klueger definisce il "ce la facciamo" di Merkel uno "slogan eroico". L'accoglienza generalizzata, pero', per quanto eroica, cozza coi vincoli della realta', e la Cancelliera, ammonisce l'opinionista, e' tenuta a perseguire anzitutto il bene del popolo tedesco. Cosa che non sta più facendo.

L'accusa ad Angela Merkel dalle colonne della FAZ hanno risuonato in tutta la Germania, stamattina. E più di un esponente politico sia della Cdu che dell'Spd le hanno intese come delle campane a morto.

Il governo Merkel sembra arrivato al capolinea.

Redazione Milano.


LA MERKEL AL CAPOLINEA: ATTACCHI CONTEMPORANEI DELLA CSU BAVARESE, DELL'ALLEATO SPD E DELLA GRANDE STAMPA TEDESCA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   GOVERNO   FAZ   STAMPA   CSU   CDU   STAMPA   MIGRANTI   SVEZIA   CONFINI   FRANKFURTER   ALLGEMEINE   ZEITUNG   BERLINO   MAGGIORANZA   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PARTITO DELLA LIBERTA' IN TESTA AI SONDAGGI ANNUNCIA CHE SE VINCERA' LE ELEZIONI FARA' USCIRE L'OLANDA DALLA UE

IL PARTITO DELLA LIBERTA' IN TESTA AI SONDAGGI ANNUNCIA CHE SE VINCERA' LE ELEZIONI FARA' USCIRE
Continua

 
IL NEW YORK TIMES DISTRUGGE RENZI: SI CREDE UN GRANDE, MA E' COMICO E MARGINALE, IN PIU' ALIMENTA CONFLITTI DENTRO LA UE

IL NEW YORK TIMES DISTRUGGE RENZI: SI CREDE UN GRANDE, MA E' COMICO E MARGINALE, IN PIU' ALIMENTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!