43.345.473
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE DI CLANDESTINI

venerdì 22 gennaio 2016

BRUXELLES - Il braccio di ferro (o di gomma, a seconda delle opinioni) tra Renzi e la Commissione europea è arrivato al dunque: ci sono solo due possibilità. La prima, Renzi s'arrende.La seconda, finisce Schengen e l'Italia diventa un grande parcheggio di clandestini, dato che più nessuno di loro potrebbe varcare le frontiere italiane verso l'Europa.

"Se viene riconosciuta lo 0,2% della clausola dei migranti bene, domani mattina firmiamo per i tre miliardi alla Turchia", ha detto Renzi, mentre a Bruxelles diventa ufficiale l'ipotesi del ritorno dei controlli alle frontiere interne di Schengen fino almeno al 2018, ed il premier britannico David Cameron si scaglia contro una revisione del regolamento di Dublino che scardini il principio dell'onere di asilo per i Paesi di primo ingresso.

Capita, la situazione?

Il tempo per salvare l'area di libera circolazione è ridotto ormai quasi a zero e con la possibile attivazione dell'articolo 26 del codice Schengen che prevede espressamente la sospensione per anni del trattato in caso di minaccia "sistemica" alle frontiere dell'Unione europea. Esattamente quanto sta accadendo.

Secondo l'articolo 26, in caso di "carenze gravi e persistenti" nei controlli alle frontiere esterne, la Commissione Ue puo' proporre al Consiglio di raccomandare che uno o piu' Stati reintroducano i controlli alle frontiere interne, fino ad un massimo di due anni. Nel linguaggio contorto degli euroburocrati significa: fine della libera circolazione.

Teoricamente si tratterebbe di una strada da imboccare quale "ultima risorsa", a cui guardare se entro le prossime settimane le misure decise a 28 non inizieranno davvero a funzionare, e gli arrivi a diminuire.

Ma secondo fonti Ue il punto potrebbe essere gia' discusso al summit Ue di febbraio. Anche perche' dopo il 14 maggio i controlli reintrodotti da  Berlino saranno fuori tempo massimo e l'unica possibilita' per continuare a condurli in un quadro di legalita' sarebbe appunto l'articolo 26.

Il ministro dell'Interno tedesco Thomas de Maizière ha fatto sapere di volere i controlli di polizia a tutte le forntiere tedesche, indistintamente per chiunque voglia superarle, a tempo indeterminato.

"Al momento - dice - non vedo una data per sospenderli". La situazione politica interna resta complicata, col leader della Csu e presidente della Baviera Horst Seehofer che insiste sulla possibilita' di portare la cancelliera Angela Merkel di fronte all'Alta Corte se non ridurra' i flussi, in pratica intende incriminarla per violazione delle leggi della Germania, fosse poco.

Dal Forum di Davos il premier olandese Mark Rutte a nome dell'Olanda che è in carica per i rituali sei mesi alla presidenza del consiglio Ue ha dichiarato: "Restano sei-otto settimane per salvare Schengen. Se tutti i tasselli della costruzione messa in piedi dall'Europa per far fronte alla crisi dei profughi non andranno al posto in fretta, la primavera portera' nuovi picchi di arrivi che scardineranno il sistema".

Infatti, le orde africane e mediorientali che si muovono sulla rotta balcanica al momento sono rallentate dal freddo dell'inverno, oltre che dagli sbarramenti lungo tutti i confini di Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, e in parte Croazia e Slovenia.

Gli stessi toni li ha usati l'ambasciatore olandese nella riunione dei diplomatici dei 28 Paesi Ue in vista del consiglio informale dei ministri dell'Interno di lunedi' ad Amsterdam. Fonti della presidenza riassumono cosi' il messaggio: "E' passato il tempo della contemplazione (dell'invasione di clandestini in Europa). Dobbiamo agire in fretta".

Bruxelles intanto continua il pressing su Roma per i tre miliardi per i rifugiati in Turchia. Il portavoce Margaritis Schinas ha ripetuto come l'impegno politico sia stato preso a 28. Ma secondo il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni si tratta "di discussione che si risolvera' molto rapidamente".

David Cameron come detto prima, tutto al contrario affonda la proposta di revisione del regolamento di Dublino. Il suo portavoce ha precisato che ancora non c'e' una proposta formale ma il premier britannico "vuole mantenere questo meccanismo" che assicura a Londra il diritto di espulsione dei richiedenti asilo verso i Paesi europei dove e' avvenuto il loro primo approdo. E ha sottolineato anche che la Gran Bretagna "ha il diritto di opt out" in questa materia e che e' pronta ad usarlo in futuro. 

Ormai, è chiaro a tutti, tranne che ai vertici dell'italiano Pd, che Schengen è finito. La Ue com'era è finita. E inq uesto quadro, anche l'eurozona in quanto tale non ha più senso d'esistere.

Redazione Milano


LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE DI CLANDESTINI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)

SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI
Continua

 
TUTTI I GIORNALI TEDESCHI PRENDONO A SCHIAFFONI L'ITALIA DI RENZI CHE HA COPERTO STATUE AI MUSEI CAPITOLINI: VERGOGNA!

TUTTI I GIORNALI TEDESCHI PRENDONO A SCHIAFFONI L'ITALIA DI RENZI CHE HA COPERTO STATUE AI MUSEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »