45.155.159
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL PRESIDENTE TEDESCO SMENTISCE LA MERKEL SULL'ACCOGLIENZA MIGRANTI: ''LIMITARE I PROFUGHI E' MORALMENTE ACCETTABILE''.

giovedì 21 gennaio 2016

BERLINO - Alla cancelliera tedesca Angela Merkel capita un guaio dopo l'altro: prima i paesi dell'Est Europa non hanno mosso un dito per aiutare Berlino nel tentativo di accoglienza comunitaria dei migranti. Successivamente i paesi del Nord Europa hanno reintrodotto i controlli, veri e propri blocchi, di frontiera. Ed ora l'Austria ha stabilito un tetto massimo per l'accoglienza dei "profughi".

E tutto questo accade nel centro dell'Europa, scrive l'editorialistaThomas Sigmund sul quotidiano "Handelsblatt".

La decisione di Vienna pesa sulla Cancelliera da diversi punti di vista: il collega cancelliere austriaco Werner Faymann e' sempre stato dalla parte di Angela Merkel e ha difeso la sua linea del "ce la facciamo". Faymann, pero', si e' dovuto piegare alle realta' della crisi migratoria e alle pressioni interne.

Ma cio' che preoccupa ancora di piu' la Cancelliera tedesca e' la prospettiva sempre piu' remota di una soluzione comune alla crisi, che ha portato in Germania oltre un milione di migranti in un anno.

Mentre la Merkel cerca di tenere l'Europa unita di fronte a una crisi che molti vicini imputano alle sue improvvide dichiarazioni improntate all'apertura, gli altri Stati dell'Unione euroepa prendono ognuno la propria strada. Non manca molto, avverte il quotidiano "Handelsblatt", dall'ammissione che il progetto storico di un'Europa unita sia fallito di fronte agli "egoismi", ma si possono anche definire "principi di salvaguardia nazionale" dei singoli Stati della Ue. O ex Ue,forse.

Per questo motivo, il discorso pronunciato dal presidente tedesco Joachim Gauck al forum mondiale dell'economia di Davos assume un significato particolarmente importante. Secondo Gauck, una "limitazione del flusso di profughi e' moralmente accettabile, e sarebbe anzi utile a preservare l'accettazione delle politiche di accoglienza da parte dei cittadini europei".

Parole come veleno, per la Merkel che solo l'estate scorsa spalancò - senza se e senza ma - le frontiere della Germania a un milione di migranti, più del 60% economici e senza diritto d'asilo, secondo le regole Ue.

"Non esiste formula matematica che garantisca il sostegno dell'opinione pubblica all'accoglienza", ha spiegato il presidente tedesco. Venire a capo di misure che limitino il fenomeno migratorio e' anzi secondo Gauck dovere di un governo responsabile.

Che queste parole siano state concordate o meno a Berlino tra l'Ufficio di presidenza e il cancellierato, una cosa e' chiara: dopo le dichiarazioni di Gauck, Merkel non puo' piu' resistere senza un piano B che inverta almeno in parte la linea dell'accoglienza strenuamente difesa sinora.

Ufficialmente, pero', la cancelliera non ha fatto inversione di marcia, non ancora. La decisione di Vienna non ha alcuna influenza sull'obiettivo di trovare una soluzione europea, fa sapere il cancellierato. Ma i funzionari della Merkel stanno sicuramente gia' lavorando ad un progetto che pur evitando il termine "tetto massimo", predisponga all'inizio dei respingimenti al confine tedesco. Tutto il resto, avverte il quotidiano tedesco, sarebbe poco realistico.

Ma quello che più preoccupa, in Germania, è l'alternativa: Angela Merkel ce l'ha? Se il "piano B" non ci fosse o se fosse includente, l'unica soluzione sarebbero le elezioni anticipate che porterebbero a un periodo di estrema turbolenza politica in Germania e soprattutto in Europa. Se cala il sipario su Angela Merkel, assieme cala sulla Ue e sull'euro.

Redazione Milano


IL PRESIDENTE TEDESCO SMENTISCE LA  MERKEL SULL'ACCOGLIENZA MIGRANTI: ''LIMITARE I PROFUGHI E' MORALMENTE ACCETTABILE''.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN GERMANIA ORMAI SI PARLA APERTAMENTE DI CRISI DI GOVERNO. LA MERKEL CADRA' A BREVE, TRAVOLTA DA UN MILIONE DI MIGRANTI

IN GERMANIA ORMAI SI PARLA APERTAMENTE DI CRISI DI GOVERNO. LA MERKEL CADRA' A BREVE, TRAVOLTA DA
Continua

 
LE MONDE ATTACCA RENZI: E' COLPA SUA SE LA UE STA PER CROLLARE PER COLPA DEI MIGRANTI, L'ITALIA E' UNA ''BOMBA IN EUROPA''

LE MONDE ATTACCA RENZI: E' COLPA SUA SE LA UE STA PER CROLLARE PER COLPA DEI MIGRANTI, L'ITALIA E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!