73.692.569
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)

venerdì 15 gennaio 2016

Le frizioni tra Italia e Francia sullo scacchiere libico, smentite ieri dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, esistono eccome, e sono legate agli "interessi contrastanti" sul piano anche economico, in primis a quelli di Eni, secondo il generale Fabio Mini. Sulla diffidenza e le incomprensioni tra Roma e Parigi oggi l'agenzia France Presse pubblica un ampio servizio, rimettendo sul tavolo anche i raid su Sirte, disconosciuti dalla Francia.

Per l'ex capo dalla missione Kfor, il generale Mini, appunto, i misteriosi bombardamenti di cui nessuno si assume direttamente la paternità sono comunque "più che altro a scopo dimostrativo": azioni da spendere sul tavolo negoziale del futuro libico e di un possibile intervento militare internazionale. "Ci sono frizioni tra interessi - ha spiegato il generale Mini - interessi contrastanti perchè la Libia è stata da sempre vista come un campo di gioco dell'Italia. La nostra Eni storicamente non è mai stata una semplice impresa commerciale o estrattiva in Libia, ma molto molto di più, nel bene e nel male. Questi interessi contrastanti, quindi, arrivano al livello dirigenziale più alto di uno Stato quando le imprese, in questo caso petrolifere, sono controllate anche parzialmente dallo Stato".

Detto questo, "il ministro Gentiloni diplomaticamente fa il suo mestiere, ma bisogna guardare in faccia realtà, da come verranno risolte queste questioni dipenderà chi ha perso e chi ha vinto la partita". Per l'Italia è fondamentale che la richiesta di intervento militare arrivi dal governo di unità nazionale che sarà guidato dal premier libico incaricato dall'Onu Fajaz Serraj, la cui formazione dovrebbe avvenire entro il 17 gennaio. Roma ha intenzione, infatti, di restare nel solco della risoluzione delle Nazioni Unite secondo cui "la Comunità internazionale è chiamata a rispondere alle domande di sicurezza del governo libico", ha ricordato Gentiloni anche ieri. Ma secondo Mini "fino a quando Eni non si presenterà dal governo per chiedere un intervento" la posizione dell'Italia su questo piano non cambierà, perché "i nostri interessi in Libia sarebbero compromessi con un'azione militare a caso".

Per Jean-Pierre Nardis, esperto di questioni di difesa all'Istituto per gli affari esteri a Roma, intervistato da France Press, la questione economica, la presunta volontà di Parigi di acquisire il controllo del petrolio libico, nascosta dietro la richiesta di intervento militare, è invece "una paranoia italiana" che deriva da un "malinteso" tra i due Paesi nato in occasione dell'intervento franco-britannico in Libia nel 2011. Questo "malinteso", ha aggiunto Nardis, si è ulteriormente esacerbato a causa del "silenzio" del premier Matteo Renzi alle richieste di sostegno militare del presidente francese François Hollande dopo gli attentati di Parigi.

La posizione dell'Italia, più volte difesa dal ministro Gentiloni, che comunque prevede un futuro ruolo di coordinamento per evitare una "Somalia a trecento chilometri dalle nostre coste", si oppone alla linea più chiaramente interventista di Parigi. Ma aspettare l'Onu, per il generale Mini, è "una castroneria" perché le Nazioni Unite "hanno un complesso burocratico e politico-diplomatico che è lento e non in grado di mettere insieme le volontà oltre il livello politico-diplomatico in cui tutti si dicono d'accordo. Quando si arriva alla parte organizzativa e sul campo, vengono fuori gli interessi personali, le questioni di bottega e le difficoltà oggettive".

Per trovare una via d'uscita alla crisi libica, quindi, "bisogna dare un po' più di tempo per raggiungere un atteggiamento politico-diplomatico che consenta un intervento anche armato sul terreno, questa cornice è necessaria se non vogliamo fare come Francia e Gran Bretagna, cioè sparacchiare e andare via e chi c'è c'è e chi ha preso batoste se le tiene". Resta però da chiarire chi siano gli interlocutori con cui dialogare, e tra questi, secondo Mini, bisogna escludere l'Egitto: "In Libia bisogna cercare di rafforzare questa fragilissima intesa da quattro soldi che non sta in piedi. Un'intesa in cui l'Egitto è un interlocutore di primo piano è fasulla. Il Cairo ha i suoi interessi come altri, è un mestatore di faide interne, e come l'Egitto ci sono anche altri Paesi che hanno questo atteggiamento".

I passi sono obbligati, secondo il generale: prima rafforzare l'intesa in tempo per organizzare la missione militare che "imponga, anche con la forza, il dialogo tra tutti", per arrivare a un "accordo che possa diventare un punto di partenza per un nuovo avvio".

L'esperto di relazioni franco-italiane Nardis, è convinto che i rapporti tra Italia e Francia si siano effettivamente raffreddati: "Fino ad ora sono stati fatti raid soltanto a scopo dimostrativo - ha spiegato l'ex capo di stato maggiore del Comando Nato per il Sud Europa - non ci sono stati interventi armati o raid aerei o aerei senza pilota o forze speciali. Anche se bisogna sottolineare che è falso affermare che in Libia non c'è nessuno: sul terreno ci sono già forze speciali di diverse nazioni. Chiunque li compia, i raid in questione sono interventi di carattere dimostrativo da spendere sul tavolo negoziale con i propri interlocutori per trovare sostegno internazionale. E' quindi su su questo livello che si sviluppano le cosiddette frizioni tra Italia e Francia". 

Mancava solo questo, nel caos della Libia: lo scontro Italia Francia. 

Redazione Milano


SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LIBIA   ITALIA   FRANCIA   HOLLANDE   RENZI   GOVERNO   ESERCITO   GENERALI   ATTACCO   BOMBARDAMENTO   AEREI   SEGRETO   ONU   MINI   KFOR   ENI   PETROLIO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO L'ITALIA (PAZZESCO)

LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO
Continua

 
LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE DI CLANDESTINI

LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »