50.729.362
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)

venerdì 15 gennaio 2016

Le frizioni tra Italia e Francia sullo scacchiere libico, smentite ieri dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, esistono eccome, e sono legate agli "interessi contrastanti" sul piano anche economico, in primis a quelli di Eni, secondo il generale Fabio Mini. Sulla diffidenza e le incomprensioni tra Roma e Parigi oggi l'agenzia France Presse pubblica un ampio servizio, rimettendo sul tavolo anche i raid su Sirte, disconosciuti dalla Francia.

Per l'ex capo dalla missione Kfor, il generale Mini, appunto, i misteriosi bombardamenti di cui nessuno si assume direttamente la paternità sono comunque "più che altro a scopo dimostrativo": azioni da spendere sul tavolo negoziale del futuro libico e di un possibile intervento militare internazionale. "Ci sono frizioni tra interessi - ha spiegato il generale Mini - interessi contrastanti perchè la Libia è stata da sempre vista come un campo di gioco dell'Italia. La nostra Eni storicamente non è mai stata una semplice impresa commerciale o estrattiva in Libia, ma molto molto di più, nel bene e nel male. Questi interessi contrastanti, quindi, arrivano al livello dirigenziale più alto di uno Stato quando le imprese, in questo caso petrolifere, sono controllate anche parzialmente dallo Stato".

Detto questo, "il ministro Gentiloni diplomaticamente fa il suo mestiere, ma bisogna guardare in faccia realtà, da come verranno risolte queste questioni dipenderà chi ha perso e chi ha vinto la partita". Per l'Italia è fondamentale che la richiesta di intervento militare arrivi dal governo di unità nazionale che sarà guidato dal premier libico incaricato dall'Onu Fajaz Serraj, la cui formazione dovrebbe avvenire entro il 17 gennaio. Roma ha intenzione, infatti, di restare nel solco della risoluzione delle Nazioni Unite secondo cui "la Comunità internazionale è chiamata a rispondere alle domande di sicurezza del governo libico", ha ricordato Gentiloni anche ieri. Ma secondo Mini "fino a quando Eni non si presenterà dal governo per chiedere un intervento" la posizione dell'Italia su questo piano non cambierà, perché "i nostri interessi in Libia sarebbero compromessi con un'azione militare a caso".

Per Jean-Pierre Nardis, esperto di questioni di difesa all'Istituto per gli affari esteri a Roma, intervistato da France Press, la questione economica, la presunta volontà di Parigi di acquisire il controllo del petrolio libico, nascosta dietro la richiesta di intervento militare, è invece "una paranoia italiana" che deriva da un "malinteso" tra i due Paesi nato in occasione dell'intervento franco-britannico in Libia nel 2011. Questo "malinteso", ha aggiunto Nardis, si è ulteriormente esacerbato a causa del "silenzio" del premier Matteo Renzi alle richieste di sostegno militare del presidente francese François Hollande dopo gli attentati di Parigi.

La posizione dell'Italia, più volte difesa dal ministro Gentiloni, che comunque prevede un futuro ruolo di coordinamento per evitare una "Somalia a trecento chilometri dalle nostre coste", si oppone alla linea più chiaramente interventista di Parigi. Ma aspettare l'Onu, per il generale Mini, è "una castroneria" perché le Nazioni Unite "hanno un complesso burocratico e politico-diplomatico che è lento e non in grado di mettere insieme le volontà oltre il livello politico-diplomatico in cui tutti si dicono d'accordo. Quando si arriva alla parte organizzativa e sul campo, vengono fuori gli interessi personali, le questioni di bottega e le difficoltà oggettive".

Per trovare una via d'uscita alla crisi libica, quindi, "bisogna dare un po' più di tempo per raggiungere un atteggiamento politico-diplomatico che consenta un intervento anche armato sul terreno, questa cornice è necessaria se non vogliamo fare come Francia e Gran Bretagna, cioè sparacchiare e andare via e chi c'è c'è e chi ha preso batoste se le tiene". Resta però da chiarire chi siano gli interlocutori con cui dialogare, e tra questi, secondo Mini, bisogna escludere l'Egitto: "In Libia bisogna cercare di rafforzare questa fragilissima intesa da quattro soldi che non sta in piedi. Un'intesa in cui l'Egitto è un interlocutore di primo piano è fasulla. Il Cairo ha i suoi interessi come altri, è un mestatore di faide interne, e come l'Egitto ci sono anche altri Paesi che hanno questo atteggiamento".

I passi sono obbligati, secondo il generale: prima rafforzare l'intesa in tempo per organizzare la missione militare che "imponga, anche con la forza, il dialogo tra tutti", per arrivare a un "accordo che possa diventare un punto di partenza per un nuovo avvio".

L'esperto di relazioni franco-italiane Nardis, è convinto che i rapporti tra Italia e Francia si siano effettivamente raffreddati: "Fino ad ora sono stati fatti raid soltanto a scopo dimostrativo - ha spiegato l'ex capo di stato maggiore del Comando Nato per il Sud Europa - non ci sono stati interventi armati o raid aerei o aerei senza pilota o forze speciali. Anche se bisogna sottolineare che è falso affermare che in Libia non c'è nessuno: sul terreno ci sono già forze speciali di diverse nazioni. Chiunque li compia, i raid in questione sono interventi di carattere dimostrativo da spendere sul tavolo negoziale con i propri interlocutori per trovare sostegno internazionale. E' quindi su su questo livello che si sviluppano le cosiddette frizioni tra Italia e Francia". 

Mancava solo questo, nel caos della Libia: lo scontro Italia Francia. 

Redazione Milano


SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LIBIA   ITALIA   FRANCIA   HOLLANDE   RENZI   GOVERNO   ESERCITO   GENERALI   ATTACCO   BOMBARDAMENTO   AEREI   SEGRETO   ONU   MINI   KFOR   ENI   PETROLIO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO L'ITALIA (PAZZESCO)

LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO
Continua

 
LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE DI CLANDESTINI

LA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA UE STA PER FINIRE E L'ITALIA DIVENTERA' UN GRANDE PARCHEGGIO MONDIALE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!