44.203.678
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL PARTITO CONSERVATORE SI SCHIERA PER IL BREXIT, META' GOVERNO FA CAMPAGNA PER LASCIARE LA UE, CAMERON IN BILICO

giovedì 14 gennaio 2016

LONDRA - In un articolo pubblicato sul quotidiano britannico "The Telegraph", il deputato conservatore Chris Grayling, leader della Camera dei Comuni del Regno Unito, si esprime contro l'appartenenza all'Unione Europea alle attuali condizioni e contro la direzione presa dall'Ue, che la Gran Bretagna non dovrebbe seguire.

Benche' pesi con prudenza le parole, sostenendo la rinegoziazione del primo ministro, David Cameron, e la sua permanenza a Downing street anche in caso di sconfitta, ed esorti gli euroscettici a condurre una battaglia responsabile e rispettosa, il parlamentare di primissimo piano nel partito Conservatore britannico mette in guardia il premier, candidandosi a giocare un ruolo da protagonista nella campagna referendaria per il fronte del "no". E c'è anche chi dice sia pronto a sostituirlo se vincerà il Brexit.

Con lui potrebbero già esserci altri quattro membri del governo Cameron: AIain Duncan Smith, John Whittingdale, Theresa Villiers e Priti Patel. Di fatto, metà governo.

Grayling esordisce sul Telegraph ricordando l'adesione del Regno Unito alla Comunita' Economia Europea nel 1973, per concludere che poi, "lungo la strada, tutto e' cambiato. Invece di un mercato comune, abbiamo avuto un'Unione Europea. Invece di regole sensate per incoraggiare il commercio, abbiamo avuto leggi europee che ci dicono quante ore possiamo lavorare o come dobbiamo gestire il nostro paese".

Ricorda, quindi, la creazione dell'unione economica e politica, i diritti del "cittadino europeo", diventati "un mantra a Bruxelles"; l'invocazione "piu' Europa" per risolvere qualsiasi problema; l'esperimento fallimentare dell'euro e infine il dibattito sulla cooperazione giudiziaria e militare.

Grayling critica gli ex primi ministri del Labour Tony Blair e Gordon Brown per aver sottoscritto il Trattato di Lisbona e la Carta dei diritti fondamentali senza coinvolgere i cittadini in una consultazione referendaria. Cosa che per altro neppure l'Italia governata dalla sinistra ha fatto.

Ora, a suo parere, il paese e' di fronte a "un crocevia decisivo": "La gravissima crisi dell'eurozona e la sfida delle migrazioni hanno portato a invocare un'ulteriore integrazione e a muovere verso una piu' stretta unione politica. Un sentiero che il Regno Unito non dovrebbe percorrere e non percorrerà".

Parole scelte con cura, molta cura, quelle scirtte da Grayling.

"Siamo una nazione sovrana. Ma grazie ai cambiamenti introdotti dal Trattato di Lisbona possiamo essere messi in minoranza ogni volta dai paesi membri dell'area dell'euro sulle nuove leggi europee. Non possiamo essere lasciati in una posizione in cui non siamo in grado di difendere i nostri interessi nazionali", prosegue il politico Tory.

"Rimanere semplicemente nell'Ue a condizioni di appartenenza invariate sarebbe disastroso per la Gran Bretagna", conclude, confidando nei negoziati di Cameron e in un adeguato dibattito dopo che il governo avra' assunto formalmente la sua posizione, un dibattito "maturo", che non metta a rischio il lavoro svolto dall'esecutivo e la sicurezza nazionale. 

Questo articolo, l'autore e il momento in cui viene reso pubblico rappresentano a detta di molti osservatori britannici un vero "punto di svolta": se Cameron non appoggerà il Brexit, il Partito Conservatore gli sfuggirà di mano e insieme alla vittoria degli euoscettici si celebrerà l'irrimediabile sconfitta dell'inquilino del 10 di Downing Street.

Redazione Milano.


IL PARTITO CONSERVATORE SI SCHIERA PER IL BREXIT, META' GOVERNO FA CAMPAGNA PER LASCIARE LA UE, CAMERON IN BILICO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CAMERON   TELEGRAPH   BREXIT   REFERENDUM   CONSERVATORI   GOVERNO   CAMPAGNA   ELETTORALE   VOTO   UE   EUROPA   MEC   GIUSTIZIA   EUROZONA   EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL 26 GENNAIO PROSSIMO I PARLAMENTARI DELLA CDU-CSU VOTERANNO LA ''SFIDUCIA'' AD ANGELA MERKEL (MAI ACCADUTO PRIMA)

IL 26 GENNAIO PROSSIMO I PARLAMENTARI DELLA CDU-CSU VOTERANNO LA ''SFIDUCIA'' AD ANGELA MERKEL (MAI
Continua

 
DOPO LA DANIMARCA, ANCHE LA SVIZZERA HA DECISO DI SEQUESTRARE DENARO E BENI AI MIGRANTI CHE CHIEDONO ''ASILO''.

DOPO LA DANIMARCA, ANCHE LA SVIZZERA HA DECISO DI SEQUESTRARE DENARO E BENI AI MIGRANTI CHE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!