50.695.761
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

IL 26 GENNAIO PROSSIMO I PARLAMENTARI DELLA CDU-CSU VOTERANNO LA ''SFIDUCIA'' AD ANGELA MERKEL (MAI ACCADUTO PRIMA)

giovedì 14 gennaio 2016

BERLINO -  Presto, molto prima di quando anche i più fieri aversari potessero pensare, Angela Merkel potrebbe perdere il posto di Cancelliera tedesca.

I gruppi parlamentari di Cdu e Csu (nel loro insieme formano il Gruppo Unione di centro-destra nel parlamento tedesco) intendono tenere entro fine gennaio un voto di fiducia - ovvero di sfiducia, dato che è richiesto dagli oppositori interni al suo stesso partito - sulla cancelliera Angela Merkel, al centro delle critiche per la controversa gestione della crisi migratoria.

Non era mai accaduto, in tutti gli anni del cancellierato Merkel, che venisse richiesto un voto di fiducia proprio dai suoi colleghi della Cdu-Csu.

I tanti critici della Cancelliera presenti all'interno dei gruppi parlamentari hanno gia' raccolto le firme necessarie a presentare la richiesta di voto il 26 gennaio prossimo.

La domanda, sottoscritta da alcune decine di parlamentari, si rifa' ad una decisione della delegazione regionale della Csu presa al congresso di Wildbach Kreuth poche settimane fa. Gli esponenti cristiano-sociali chiedono "la possibilita' di fare entrare gli stranieri in Germania solo dietro presentazione di un documento d'identita' valido: in caso contrario queste persone dovrebbero essere respinte al confine".

Nella richiesta, il governo viene accusato di aver violato la legislazione della Germania che detta le procedure legate alla concessione dell'asilo politico. E' un'accusa molto grave che potrebbe avere anche serissime conseguenze sul piano penale.

Quanto alle misure europee di protezione dei confini esterni, si tratterebbe di progetti "importanti, ma che ancora non sono stati adottati", scrivono i richiedenti il voto di fiducia.

"Fino a quando non e' accertato che i confini esterni di Schengen sono protetti a sufficienza, e' necessario adottare misure per la protezione dei confini di stato tedeschi", si legge nel testo della Csu.

Intanto il governo di Berlino e' sempre piu' vicino alla decisione di introdurre un documento di identita' unitario per tutti i richeidenti asilo in Germania: oggi il Parlamento di Berlino discutera' proprio un progetto di legge in materia.

Con questo documento d'identità speciale, l'esecutivo tedesco della Merkel punta a risolvere i problemi di registrazione dei richiedenti asilo e migliorare lo scambio di dati tra le autorita' competenti, ma molti osservano che il provvedimento arriva con grande ritardo e quindi è inefficace.

Infatti, nei piani del governo Merkel ci sarebbe l'introduzione della nuova carta d'identità per migranti a partire addirittura dalla prossima estate, senza neppure sia precisato il mese. Questo, per la politica e l'opinione pubblica tedesca è assolutamente inaccettabile. 

Tra pochi giorni, quindi, arriverà un voto che può cambiare sia il futuro della Germania che quello dell'intera Europa.

Redazione Milano.


IL 26 GENNAIO PROSSIMO I PARLAMENTARI DELLA CDU-CSU VOTERANNO LA ''SFIDUCIA'' AD ANGELA MERKEL (MAI ACCADUTO PRIMA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ANGELA   MERKEL   SFIDUCIA   VOTO   PARLAMENTO   CDU   CSU   GERMANIA   MIGRANTI   DOCUMENTI   CONFINI   POLIZIA   DIMISSIONI   BERLINO   INVASIONE   EUROPA   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA POLONIA DENUNCIA LA UE: SIAMO AGGREDITI E CALUNNIATI DA BRUXELLES! IL GOVERNO E' STATO ELETTO DEMOCRATICAMENTE!

LA POLONIA DENUNCIA LA UE: SIAMO AGGREDITI E CALUNNIATI DA BRUXELLES! IL GOVERNO E' STATO ELETTO
Continua

 
IL PARTITO CONSERVATORE SI SCHIERA PER IL BREXIT, META' GOVERNO FA CAMPAGNA PER LASCIARE LA UE, CAMERON IN BILICO

IL PARTITO CONSERVATORE SI SCHIERA PER IL BREXIT, META' GOVERNO FA CAMPAGNA PER LASCIARE LA UE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!