63.997.317
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA DICE BASTA: NIENTE PIU' MIGRANTI E QUELLI ARRIVATI DEVONO ANDARE DOVE DECIDONO LE AUTORITA' (SIAMO AL CAOS)

lunedì 11 gennaio 2016

BERLINO - Il commissario europeo per l'Economia e la societa' digitali, Guenther Oettinger (della Cdu di Angela Merkel) chiede ufficialmente per il 2016 una piu' severa limitazione dell'afflusso di profughi in Germania. E la richiesta spiazza la Commissione europea, dato che non è stata "concordata".

"Dovremmo accogliere le persone venute da noi con dignita' umana e mantenere la nostra cultura dell'accoglienza. Ma l'arrivo di un altro milione di profughi non puo' essere sostenuto ne' dai comuni ne' dalle associazioni caritatevoli", ha dichiarato Oettinger ad una manifestazione elettorale del suo partito nella piccola cittadina del Baden-Wuerttemberg, Weinstadt-Endersbach.

Secondo Oettinger, inoltre, la "notte di Capodanno di Colonia", con le molestie perpetrate in massa da centinaia di immigrati nordafricani, esibisce i limiti della cultura dell'accoglienza tedesca ed europea.

"Se la crisi dei profughi dev'essere superata, allora bisogna migliorare il controllo dei confini esterni della Ue e aiutare finanziariamente le persone nelle regioni di crisi. In Europa abbiamo piu' bagnini che guardie di frontiera, e con 30 euro al mese possiamo aiutare molto le persone nei paesi di crisi", ha affermato Oettinger, sostanzialmente indicando una condotta della Germania e della stessa Unione euroepa diametralmente opposta a quella attuale. Basta accoglienza in Europa, vanno aiutati a casa loro, i "migranti".

E che la situazione migratoria in Germania sia diventata letteralmente incandescente lo dimostra anche la presa di posizione del principale partito socialdemocratico tedesco: l'Spd.

Proprio il segretario del Partito Socialdemocratico Sigmar Gabriel  si e' pronunciato in merito all'organizzazione interna dei profughi: secondo il vice-cancelliere, in futuro sara' lo Stato a dover imporre le localita' di residenza dei richiedenti asilo e dei profughi in Germania, e non come avviene ora, con masse di migranti che vanno dove vogliono.

"Credo che abbiamo bisogno di introdurre una serie di disposizioni sul domicilio di queste persone, altrimenti si recano tutte nelle grandi citta', anche i richiedenti asilo politico", ha dichiarato Gabriel, avvertendo che "in questo modo potrebbero sorgere problemi di ghettizzazione". Di recente anche la cancelliera Angela Merkel ha prospettato una direttiva sul domicilio dei profughi per suddividere equamente tra i lander il compito di accogliere queste persone, ma questi orientamenti hanno subito innescato forti proteste dei "richiedenti asilo" che hanno inscenato manifestazioni dentro e fuori i centri di accoglienza. La situazione in Germania è molto instabile.

Redazione Milano.


LA GERMANIA DICE BASTA: NIENTE PIU' MIGRANTI E QUELLI ARRIVATI DEVONO ANDARE DOVE DECIDONO LE AUTORITA' (SIAMO AL CAOS)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   MIGRANTI   COLONIA   PROTESTE   UE   COMMISSIONE   EUROPEA   MERKEL   SPD   BERLINO   EUROPA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SPECIALE SLOVACCHIA / IL PREMIER ROBERT FICO: ''FINANZIAMENTI UE PER I MIGRANTI LI SPENDEREMO INVECE PER LA SICUREZZA''

SPECIALE SLOVACCHIA / IL PREMIER ROBERT FICO: ''FINANZIAMENTI UE PER I MIGRANTI LI SPENDEREMO
Continua

 
L'ALBANIA SURCLASSA L'ITALIETTA RENZIANA: PIL 2015 +2,7% MENTRE PER IL 2016 COME MINIMO +3,4% (BARCONI DALL'ITALIA?)

L'ALBANIA SURCLASSA L'ITALIETTA RENZIANA: PIL 2015 +2,7% MENTRE PER IL 2016 COME MINIMO +3,4%
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!