67.634.915
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTA UN'ALTRA STORIA / I LUOGHI DELLA VERA PRIGIONIA DI ALDO MORO, DI SICURO NON IN VIA MONTALCINI...

mercoledì 15 maggio 2013

 

Un documento dimenticato nei cassetti del Tribunale che racconta una vicenda diversa rispetto alla versione ufficiale della prigionia e poi della morte di Aldo Moro. Si tratta del verbale dell'autopsia.

Leggiamo alcuni passaggi: 

"Durante la sua prigionia, Aldo Moro transitò in una zona sul litorale tirrenico "tra il settore nord di Focene e Marina di Palidoro (provincia a nord di Roma). Nel corso dei campionamenti di sabbie lungo il litorale laziale effettuati nel quadro di queste indagini sono stati prelevati nuclei di bitume in questi tratti che apparivano maggiormente indiziati come area di provenienza della sabbia rinvenuta sugli abiti del de cuius. I campioni di bitume conservati in laboratorio hanno mostrato avere aspetti di insieme e comportamento nel tempo analoghi a quelli dell'incrostazione della scarpa. Lo stato di freschezza osservato nei primi giorni di esame indicherebbe che il bitume ha aderito alla suola della scarpa nei giorni immedietamente precedenti al ritrovamento del cadavere. Inoltre, il suo aspetto fresco e intatto  e la sua scarsa consistenza indicano che, presumibilmente, colui che indossava la scarpa in oggetto non ha camminato a lungo dopo che il bitume ha aderito alla suola delle scarpe".

A riscrivere completamente la storia del sequestro Moro è dunque un documento messo agli atti ma dimenticato negli archivi del Tribunale di Roma che Diritto di Critica è in grado di riproporvi: l'autopsia effettuata sul cadavere del presidente Aldo Moro e il relativo esame scientifico dell'automobile e dei vestiti. 

Vediamo.

"All'epoca - ci ha detto un esperto che non vuole comparire - la parola di un perito valeva molto meno di quella di un brigatista e quindi questo documento venne dimenticato durante il processo che invece avvalorò in toto la tesi delle BR" e cioè che l'onorevole Aldo Moro fosse stato tenuto per cinquantacinque giorni al buio, nel covo di via Montalcini. La sabbia rinvenuta nei risvolti dei pantaloni del presidente della Democrazia Cristiana - dissero i brigatisti - era stata presa dal litorale di Ostia e poi usata per depistare le indagini. Tutto falso. Secondo la perizia, infatti, la sabbia è riferibile come provenienza da un'area di spiaggia del litorale tirrenico, compresa tra il settore nord di Focene e Marina di Palidoro. Lo denunciano i caratteri di composizione, granulometria morfoscopia dei granuli e la natura degli organismi identificati nella sabbia in esame e paragonati con una serie di campioni prelevati tra Terracina e Marina di Tarquinia nei giorni immedietamente successivi al ritrovamento dell'auto Renault4.

Secondo il verbale di analisi geologica, inoltre: "Materiale del tipo di quello esaminato si rinviene, per i luoghi sopraesaminati, ad una distanza dal bagnasciuga molto ridotta, variabile da pochi metri ad un massimo, solo per limitatissimi settori del litorale indicato, di più di un centinaio di metri". La presenza di bitume fresco sotto la suola delle scarpe e tracce analoghe rinvenute nel materiale repertato all'interno della vettura confortano quanto appena affermato. Inoltre, alcune peculiarità lasciano presumere che, entro due-tre settimane, prima del ritrovamento dell'auto, la vittima abbia camminato in una zona molto prossima al bagnasciuga ove massima è la frequenza di bitume".

A questo proposito, onde fugare qualsiasi dubbio, ci siamo fatti spiegare se esistanodifferenze tra il bitume stradale e quello che si raccoglie sulle spiagge. Il secondo ha una consistenza "espansa", ben diversa da quello utilizzato nel manto stradale ed ha una composizione unica e inconfondibile. Particolamente importante, poi, è la datazione di alcuni elementi vegetali rinvenuti sotto le suole e nell'automobile in cui è stato abbandonato il corpo dell'onorevole Aldo Moro.

"Anche gli elementi vegetali  rinvenuti sugli indumenti  del de cuius sono specifici dell'ambiente del litorale tirrenico ed indicano che essi sono stati raccolti in un'epoca compresa tra la fine di aprile e il maggio 1978. Una parte del materiale rinvenuto sotto la suola delle scarpe indica che la vittima, in epoca anteriore a quella in cui è transitata sulla sabbia del litorale, ha camminato su un terreno vulcanico, tipico delle zone interne e peritirreniche del Lazio [...] infatti, granuli di sabbia e di bitume appaiono chiaramente sovrapporti ad un'associazione di granuli e frammenti di rocce che per caratteri granulometrici e morfoscopici mostrano non aver subìto che minime azioni di trasporto, onde l'adesione alle suole deve aver avuto luogo nella stessa sede di provenienza, peraltro diversa da quella elettiva della sabbia".

Di sicuro, dunque, Aldo Moro non è stato tenuto prigioniero in un unico covo. A dimostrarlo, anche il buono stato di conservazione dei muscoli, ben diversi da quelli che ci si sarebbe aspettati in un uomo tenuto per cinquantacinque giorni in una stanzetta. I brigatisti hanno affermato che a Moro era consentito muovere alcuni passi nell'appartamento, circostanza inverosimile data la pericolosità di un simile comportamento in relazione alle possibilità di essere scoperti. Gli esami effettuati sul cadavere, dimostrano invece che l'onorevole Aldo Moro è stato probabilmente tenuto in una zona prossima al mare, ben lontano da Roma, sul litorale.

Fonte: No Censura - Diritto di Critica.

 


TUTTA UN'ALTRA STORIA / I LUOGHI DELLA VERA PRIGIONIA DI ALDO MORO, DI SICURO NON IN VIA MONTALCINI...




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
E' MORTO LUCIANO LUTRING. IL SOLISTA DEL MITRA HA RAGGIUNTO LA SUA YVONNE. IN CIELO.

E' MORTO LUCIANO LUTRING. IL SOLISTA DEL MITRA HA RAGGIUNTO LA SUA YVONNE. IN CIELO.

 
GRILLO: ''TRA UN ANNO REFERENDUM SU EURO E EUROPA''. (LEGA SE CI SEI BATTI UN COLPO...)

GRILLO: ''TRA UN ANNO REFERENDUM SU EURO E EUROPA''. (LEGA SE CI SEI BATTI UN COLPO...)


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »