52.863.416
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO L'ITALIA (PAZZESCO)

venerdì 8 gennaio 2016

LIBIA - In Libia è aumentato - se possibile -  il vortice di caos e violenza che sembra aver vanificato i progressi diplomatici delle ultime settimane: dopo l'assalto lanciato due giorni fa dallo Stato islamico contro il principale hub petrolifero costiero del paese, quello di Al Sidra, ieri un gravissimo attentato dinamitardo di fronte a un centro di addestramento della polizia a Zliten ha causato almeno 50 vittime.

L'attacco non e' stato ancora rivendicato, ma l'emittente panaraba "Al Jazeera" l'ha attribuito all'Isis, la cui presenza nel paese nordafricano e' andata via via rafforzandosi dopo la frattura politica che ha portato alla nascita di due governi libici contrapposti, nell'estate del 2014.

Fonti giornalistiche indipendenti libiche segnalano che ormai le milizie dell'isis controllano buona parte della costa orientale della Libia, soprattutto le aree molto redditizie per il traffico di clandestini diretti in Italia. Si stima che ogni barcone produca un introito, per l'isis in Libia, non inferiore ai 50.000 dollari americani, denaro indispensabile per pagare "gli stipendi" ai terroristi in loco.  E i barconi che partono dalle coste libiche controllate ora dall'isis sono almeno due al giorno, talvolta anche quattro al giorno.

Comunque, la domanda, dopo l'attentato di ieri, è "se ciò accelerera l'orologio di un intervento militare occidentale" nel paese, commenta Mattia Toaldo, analista per la Libia dell'European Council of Foreign Relations con sede a Londra.

Dopo che i governi dei due paesi hanno accettato di istituire un nuovo governo di unità nazionale in 40 giorni, l'Italia ha cominciato a pianificare l'intervento militare di una coalizione internazionale teso a stabilizzare il paese.

L'intervento militare, però, è complicato dall'estrema frammentazione dei soggetti politici e militanti in Libia: secondo Toaldo, è probabile che una risposta occidentale agli ultimi episodi di violenza, se mai dovesse esserci, sarebbe con ogni probabilità "perlopiu' simbolica, ad esempio attraverso l'impiego di droni o di nuclei delle forze speciali".

Anche secondo "Bloomberg", l'Europa finira' per lasciare che la Libia precipiti nel caos: "Nessuno vuole mettere gli stivali sul terreno, perciò qualunque coalizione internazionale sarà probabilmente limitata a piccole unità per l'addestramento e alcune forze speciali. C'e' troppa anarchia", spiega all'agenzia statunitense Arturo Varvelli, analista presso l'Istituto per lo studio della politica internazionale con sede a Milano.

La guerra della Nato al dittatore libico Muammar Gheddafi, nel 2011, è stata l'emblema di "tutto quanto può andare storto", e l'Europa ne ha ricavato un'esitazione che le impedisce di intervenire con decisione per porre rimedio alle conseguenze indesiderate di quell'intervento. Quindi, a meno di un intervento militare anglo-francese, come alcune fonti hanno riferito prima di Natale, l'isis continuerà a rafforzarsi in Libia ed ora ha addirittura messo le mani sull'intero "mercato" di clandestini verso l'Italia. 

E a fronte di tutto questo, il governo italiano guidato da Matteo Renzi ha intenzione di cancellare il reato di clandestinità. Questa decisione, se sarà presa, sarà accolta con gioia, dall'isis in Libia, perchè servirà per facilitare e potenziare il traffico di esseri umani verso l'Italia che sta gestendo. I guadagni si moltiplicheranno, nolti più terroristi potranno essere pagati per combattere e la conquista di tutta la Libia sarà a portata di mano. Sempre che l'isis volgia fermarsi alla Libia, ovviamente. Perchè in molti messaggi di propaganda i terroristi islamici inneggiano invece alla conquista - armi in pugno - di Roma.

E' allarmante? Probabilmente sì...

Redazione Milano


LIBIA NEL CAOS E L'ISIS ADESSO CONTROLLA TUTTO IL TRAFFICO DI CLANDESTINI SUI BARCONI VERSO L'ITALIA (PAZZESCO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   LIBIA   BARCONI   TRAFFICO   ITALIA   LONDRA   AZIONE   MILITARE   ZLITEN   MILIZIANI   DENARO   COSTE   CONTROLLO   TRAFFICO   FORZE   SPECIALI   EUROPA   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE (MIGRANTI RESTERANNO QUI)

ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE
Continua

 
SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI ITALIANI (E RENZI TACE)

SPECIALE LIBIA / SCONTRO FRONTALE TRA ITALIA E FRANCIA PER LA LIBIA: LO DENUNCIANO GENERALI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!