44.199.604
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SCONTRO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN PORTA DRITTO ALLA TERZA GUERRA MONDIALE (E DISTRUGGERA' DEFINITIVAMENTE LA UE)

martedì 5 gennaio 2016

Si aggravano le tensioni politiche nel Medio Oriente, che appare sempre piu' vicino a un disastroso conflitto regionale: l'Arabia Saudita, che dopo aver eseguito la condanna a morte di 47 dissidenti sciiti, incluso il noto chierico Sheikh Nimr al Nimr, ha reagito alle critiche dell'Iran tagliando le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica, ha convinto i suoi principali alleati sunniti a fare altrettanto.

Il Bahrein ha annunciato il taglio delle relazioni diplomatiche con l'Iran e l'espulsione dei rappresentanti diplomatici di quel paese in risposta all'assalto dei manifestanti all'ambasciata saudita di Teheran, mentre gli Emirati Arabi Uniti, importante partner commerciale dell'Iran, hanno richiamato il loro ambasciatore a Teheran.

Nel pieno di questo caos, che rischia di scatenare una escalation tra le principali potenze regionali del Medio Oriente, ovvero una guerra,  Washington ha reagito con smarrimento, limitandosi a raccomandare a Riad e Teheran di porre un freno alla loro bellicosa retorica.

Lo stesso appello e' giunto da Unione Europea e Cina, mentre la Russia si e' proposta come mediatrice tra i due paesi, presentando quindi una possibile via di negoziato prima dell'irreparabile.

Secondo il "New York Times", l'amministrazione del presidente Usa Barack Obama si sta tenendo a distanza di sicurezza dallo scontro tra le due potenze mediorientali, ma Washington si trova in difficolta' sempre maggiori nel giustificare l'alleanza con un paese, l'Arabia Saudita, noto per le sue violazioni dei diritti umani e l'appoggio all'estremismo islamico di matrice sunnita.

Che è un modo diverso di dire che l'Arabia Saudita come minimo sta dalla parte dell'Isis, come massimo lo finanzia e fa da retroterra per tutti i traffici, dal petrolio alle armi.

In un editoriale non firmato attribuibile alla direzione, il quotidiano di New York - ma bisogna aggiungere che è il più autorevole degli Stati Uniti in ambito democratico - afferma che gli Usa faticano sempre piu' a volgere lo sguardo di fronte alla repressione del dissenso da parte della casa regnante saudita: mantenere il silenzio di fronte alla "barbarica esecuzione" di quasi 50 dissidenti sciiti, sottolinea il quotidiano, e' una decisione che pesera' enormemente su Washington a livello politico e in termini di credibilita'.

Il "Wall Street Journal", invece, orientato verso i repubblicani, sottolinea come gli appelli alla deescalation pronunciati dall'amministrazione Obama siano stati accolti con una scrollata di spalle da tutti gli attori della regione: un segnale, secondo il quotidiano, che il mondo sunnita non ha alcuna fiducia negli Stati Uniti. 

Ma la vera guerra non riguarda tanto e solo delle esecuzioni dall'evidente movente politico, quanto il fatto che l'Iran sia tornato a vendere legalmente - dopo la fine delle sanzioni - il proprio petrolio, affondando definitivamente il prezzo del greggio. Questo ha prodotto violenti perdite economiche a tutti gli stati dell'Opec sunniti, primo dei quali proprio l'Arabia Saudita.

Ce n'è abbastanza per prevedere che potrebbe davvero finire con una guerra guerreggiata. Nel caso, sarebbe tutta a favore dell'Iran, che possiede un esercito forte di oltre mezzo milione tra soldati e milizie, ed è perfettamente armato dalla Russia. Non ci sarebbe partita, sul campo militare. L'aArabia Saudita sarebbe conquistata in pochi giorni, dall'Iran. Ma le potenze occidentali lo permettererebbero? 

Se vi fosse una escalation, questa volta sarebbe di dimensioni mondiali.

Ma in questo caso, la Ue finirebbe nel tritasassi: la Germania ha forti legami con l'Arabia Saudita, ma il resto d'Europa no. Anzi, nazioni come l'Italia hanno fortissimi interessi in espansione proprio in Iran. E lo stesso dicasi per la Francia, l'Olanda e la Gran Bretagna.

Redazione Milano.


LO SCONTRO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN PORTA DRITTO ALLA TERZA GUERRA MONDIALE (E DISTRUGGERA' DEFINITIVAMENTE LA UE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ARABIA   SAUDITA   UE   GUERRA   ISAN   SCIITI   SUNNITI   PETROLIO   GERMANIA   USA   CASA   BIANCA   OBAMA   NEW YORK   TIMES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ZITTI ZITTI, GLI EURO BUROCRATI SI SONO AUMENTI LO STIPENDIO ADDIRITTURA CON VALORE RETROATTIVO DA LUGLIO 2015 (LADRI)

ZITTI ZITTI, GLI EURO BUROCRATI SI SONO AUMENTI LO STIPENDIO ADDIRITTURA CON VALORE RETROATTIVO DA
Continua

 
REPORTAGE DA COLONIA / LA GENTE HA PAURA, POLIZIA OVUNQUE, IL SINDACO INVITA LE DONNE A TENERSI DA DISTANZA DAI MIGRANTI

REPORTAGE DA COLONIA / LA GENTE HA PAURA, POLIZIA OVUNQUE, IL SINDACO INVITA LE DONNE A TENERSI DA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!