35.772.195
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SCONTRO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN PORTA DRITTO ALLA TERZA GUERRA MONDIALE (E DISTRUGGERA' DEFINITIVAMENTE LA UE)

martedì 5 gennaio 2016

Si aggravano le tensioni politiche nel Medio Oriente, che appare sempre piu' vicino a un disastroso conflitto regionale: l'Arabia Saudita, che dopo aver eseguito la condanna a morte di 47 dissidenti sciiti, incluso il noto chierico Sheikh Nimr al Nimr, ha reagito alle critiche dell'Iran tagliando le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica, ha convinto i suoi principali alleati sunniti a fare altrettanto.

Il Bahrein ha annunciato il taglio delle relazioni diplomatiche con l'Iran e l'espulsione dei rappresentanti diplomatici di quel paese in risposta all'assalto dei manifestanti all'ambasciata saudita di Teheran, mentre gli Emirati Arabi Uniti, importante partner commerciale dell'Iran, hanno richiamato il loro ambasciatore a Teheran.

Nel pieno di questo caos, che rischia di scatenare una escalation tra le principali potenze regionali del Medio Oriente, ovvero una guerra,  Washington ha reagito con smarrimento, limitandosi a raccomandare a Riad e Teheran di porre un freno alla loro bellicosa retorica.

Lo stesso appello e' giunto da Unione Europea e Cina, mentre la Russia si e' proposta come mediatrice tra i due paesi, presentando quindi una possibile via di negoziato prima dell'irreparabile.

Secondo il "New York Times", l'amministrazione del presidente Usa Barack Obama si sta tenendo a distanza di sicurezza dallo scontro tra le due potenze mediorientali, ma Washington si trova in difficolta' sempre maggiori nel giustificare l'alleanza con un paese, l'Arabia Saudita, noto per le sue violazioni dei diritti umani e l'appoggio all'estremismo islamico di matrice sunnita.

Che è un modo diverso di dire che l'Arabia Saudita come minimo sta dalla parte dell'Isis, come massimo lo finanzia e fa da retroterra per tutti i traffici, dal petrolio alle armi.

In un editoriale non firmato attribuibile alla direzione, il quotidiano di New York - ma bisogna aggiungere che è il più autorevole degli Stati Uniti in ambito democratico - afferma che gli Usa faticano sempre piu' a volgere lo sguardo di fronte alla repressione del dissenso da parte della casa regnante saudita: mantenere il silenzio di fronte alla "barbarica esecuzione" di quasi 50 dissidenti sciiti, sottolinea il quotidiano, e' una decisione che pesera' enormemente su Washington a livello politico e in termini di credibilita'.

Il "Wall Street Journal", invece, orientato verso i repubblicani, sottolinea come gli appelli alla deescalation pronunciati dall'amministrazione Obama siano stati accolti con una scrollata di spalle da tutti gli attori della regione: un segnale, secondo il quotidiano, che il mondo sunnita non ha alcuna fiducia negli Stati Uniti. 

Ma la vera guerra non riguarda tanto e solo delle esecuzioni dall'evidente movente politico, quanto il fatto che l'Iran sia tornato a vendere legalmente - dopo la fine delle sanzioni - il proprio petrolio, affondando definitivamente il prezzo del greggio. Questo ha prodotto violenti perdite economiche a tutti gli stati dell'Opec sunniti, primo dei quali proprio l'Arabia Saudita.

Ce n'è abbastanza per prevedere che potrebbe davvero finire con una guerra guerreggiata. Nel caso, sarebbe tutta a favore dell'Iran, che possiede un esercito forte di oltre mezzo milione tra soldati e milizie, ed è perfettamente armato dalla Russia. Non ci sarebbe partita, sul campo militare. L'aArabia Saudita sarebbe conquistata in pochi giorni, dall'Iran. Ma le potenze occidentali lo permettererebbero? 

Se vi fosse una escalation, questa volta sarebbe di dimensioni mondiali.

Ma in questo caso, la Ue finirebbe nel tritasassi: la Germania ha forti legami con l'Arabia Saudita, ma il resto d'Europa no. Anzi, nazioni come l'Italia hanno fortissimi interessi in espansione proprio in Iran. E lo stesso dicasi per la Francia, l'Olanda e la Gran Bretagna.

Redazione Milano.


LO SCONTRO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN PORTA DRITTO ALLA TERZA GUERRA MONDIALE (E DISTRUGGERA' DEFINITIVAMENTE LA UE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ARABIA   SAUDITA   UE   GUERRA   ISAN   SCIITI   SUNNITI   PETROLIO   GERMANIA   USA   CASA   BIANCA   OBAMA   NEW YORK   TIMES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE MONDE IN PRIMA PAGINA: ''MAGGIORANZA DEI FRANCESI STUFA DELLA UE QUANTO I BRITANNICI. IL FREXIT VINCERA' CON LA LE PEN

LE MONDE IN PRIMA PAGINA: ''MAGGIORANZA DEI FRANCESI STUFA DELLA UE QUANTO I BRITANNICI. IL FREXIT

lunedì 27 giugno 2016
PARIGI - Si conosce molto poco questa Inghilterra profonda che ha votato per la Brexit, anche se guardando la mappa finale dei collegi emerge che solo poche "isole" hanno preferito dare la
Continua
 
SONDAGGIO IN AUSTRIA: 38% VUOLE USCIRE DALLA UE (SE DOPO I BROGLI ELETTORALI SI RIVOTA IL BALLOTTAGGIO SARA' AUSTREXIT)

SONDAGGIO IN AUSTRIA: 38% VUOLE USCIRE DALLA UE (SE DOPO I BROGLI ELETTORALI SI RIVOTA IL

lunedì 27 giugno 2016
LONDRA - La clamorosa vittoria del Brexit avvenuta pochi giorni fa sta creando un effetto domino in tutta Europa visto che adesso in diversi paesi si fa sempre piu' forte la richiesta di un
Continua
I BRITANNICI HANNO DETTO NO ALL'IMPERO UE, QUESTA E' LA VERITA'.

I BRITANNICI HANNO DETTO NO ALL'IMPERO UE, QUESTA E' LA VERITA'.

sabato 25 giugno 2016
La Gran Bretagna non ha l'euro, non aderisce al Trattato di Schengen sulla circolazione e il referendum di ieri avra' effetto solo tra due anni, come prevede l'articolo 50 del Trattato di Lisbona.
Continua
 
MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E SALVINI: ORA REFERENDUM

MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E

venerdì 24 giugno 2016
Votare anche in Italia e in Francia per far decidere al popolo se restare nell'Unione europea. In due conferenze stampa parallele, una a Milano e l'altra a Parigi, il segretario della Lega Matteo
Continua
CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT - SI PREPARA A GOVERNARE

CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT -

venerdì 24 giugno 2016
LONDRA - La reazione di David Cameron è stata immediata, dopo la vittoria del Brexit, a differenza della lentezza di altri governi sconfitti alle elezioni, come quello italiano domenica
Continua
 
CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA' E L'INDIPENDENZA

CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA'

venerdì 24 giugno 2016
LONDRA - Dopo un testa a testa nella notte, il referendum della Brexit si trasforma in quello che temevano i pro-Bruxelles con i britannici che scelgono il "Leave", scelgono cioe' di lasciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ZITTI ZITTI, GLI EURO BUROCRATI SI SONO AUMENTI LO STIPENDIO ADDIRITTURA CON VALORE RETROATTIVO DA LUGLIO 2015 (LADRI)

ZITTI ZITTI, GLI EURO BUROCRATI SI SONO AUMENTI LO STIPENDIO ADDIRITTURA CON VALORE RETROATTIVO DA
Continua

 
REPORTAGE DA COLONIA / LA GENTE HA PAURA, POLIZIA OVUNQUE, IL SINDACO INVITA LE DONNE A TENERSI DA DISTANZA DAI MIGRANTI

REPORTAGE DA COLONIA / LA GENTE HA PAURA, POLIZIA OVUNQUE, IL SINDACO INVITA LE DONNE A TENERSI DA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PER IL FINANCIAL TIMES IL PROSSIMO AD USCIRE SARA' L'ITALIA A

27 giugno - Dopo la Brexit ''l'Italia potrebbe essere il prossimo tassello di domino
Continua

LA FINANZA E LE BANCHE DELL'ASIA SONO IN FUGA DALL'EURO, CHE CADE A

27 giugno - L'Euro ancora sotto pressione sui mercati asiatici per le incertezze
Continua

BORSE UE VANNO GIU' ANCORA, MALE MILANO -4% PER COLPA DELLE BANCHE

27 giugno - Le Borse europee hanno mandato in fumo altri 282 miliardi di euro nei
Continua

ENORMI ACQUISTI DI TITOLI DI STATO BRITANNICI (MA COME, NON

27 giugno - LONDRA - Invece della fuga, c'è la corsa all'acquisto dei titoli di
Continua

EASYJET CADE IN BORSA A LONDRA: PREVISIONE -5% FATTURATO PER

27 giugno - La compagnia aerea low cost inglese EasyJet ha lanciato un profity
Continua

LA BORSA DI MILANO CHE SEGNA +1,08% PREMIA IL BREXIT: MOLTO BENE

27 giugno - MILANO - Smentiti i catastrofisti. Il mercato azionario italiano in
Continua

NONOSTANTE LA ''FINE DEL MONDO'' PER COLPA DEL BREXIT RCS SEGNA

27 giugno - MILANO - Rcs corre in Borsa a Milano in una seduta di recupero del
Continua

BORSE EUROPEE SI RIPIGLIANO, EFFETTO BREXIT GIA' FINITO

27 giugno - Le borse europee aprono in moderato calo, quasi in parità. Non e' un
Continua

STALLO IN SPAGNA: LE URNE DISEGNANO UN PARLAMENTO PRATICAMENTE

27 giugno - MADRID - Il risultato delle elezioni politiche in Spagna consegna al
Continua

ENNESIMA ORDA DI AFRICANI ARRIVA IN ITALIA DALLA LIBIA, 655

26 giugno - MESSINA - Prosegue inarrestabile l'invasione di africani in Italia. Sono
Continua

BORSA DI MILANO: UNICREDIT -22,76% UBI -23,88% INTESA -20,28%

24 giugno - MILANO - BORSA - La Borsa di Milano non e' ancora a pieno regime. Quasi
Continua

LE PRINCIPALI BANCHE UE PRECIPITANO.

24 giugno - Raffica di vendite sui bancari europei, con l'Eurostoxx di settore che
Continua

DAVID CAMERON ANNUNCIA CHE SI DIMETTERA' AL CONGRESSO TORY: UN

24 giugno - Il premier britannico, David Cameron, parlando ai giornalisti in strada
Continua

DEUTSCHE BANK (PRIMA BANCA DELLA UE) E COMMERZBANK (SECONDA DI

24 giugno - Segnali fortemente negativi per i titoli bancari nei primi scambi
Continua

CATASTROFE ALLA BORSA DI MILANO: TUTTI I TITOLI BLOCCATI, CALO

24 giugno - MILANO - Praticamente tutti i titoli principali di Piazza Affari non
Continua

MATTEO SALVINI: ''EVVIVA IL CORAGGIO DEI LIBERI CITTADINI DI GRAN

24 giugno - ''Evviva il coraggio dei liberi cittadini di Gran Bretagna! Il cuore, la
Continua

GOLDMAN SACHS: ''SIAMO PRONTI DA MESI AL BREXIT, TRANQUILLI''

24 giugno - NEW YORK - La più potente banca d'affari del mondo, Goldman Sachs,
Continua

FUTURES SULL'AVVIO DELLE BORSE EUROPEE: VA MEGLIO LONDRA DI TUTTA

24 giugno - NEW YORK - Pesanti cali per i futures sull'avvio delle Borse europee:
Continua

NIGEL FARAGE: ''VIA CAMERON, ORA UN PRIMO MINISTRO A FAVORE DEL

24 giugno - LONDRA - Il Primo ministro inglese, David Cameron, si deve dimettere.
Continua

+++UOMO ARMATO SPARA DENTRO UN CINEMA IN GERMANIA: ALMENO 50 FERITI

23 giugno - FRANCOFORTE - Secondo quanto ricostruito dalla Bild, poco dopo le 15 di
Continua
Precedenti »