45.096.245
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DIETRO LE CHIACCHIERE DI RENZI, LO SCONTRO APERTO TRA ITALIA E UE SUL SALVATAGGIO DELLE BANCHE: CHI METTE 200 MILIARDI?

lunedì 28 dicembre 2015

Nessuna tregua natalizia tra Bruxelles e Roma sull'esplosivo dossier del salvataggio delle banche in difficolta': la Commissione europea non ha fatto alcun regalo al governo italiano in particolare sulla Banca Tercas.

Ed ha decretato che l'aiuto concesso nel luglio del 2014 dal Fondo di garanzia dei depositi costituisce un "aiuto di Stato incompatibile" con le regole europee:

Banca Tercas aveva allora ricevuto 265 milioni di euro in vista della sua acquisizione da parte della Banca Popolare di Bari, ed ora dovra' restituirli; il Tesoro italiano ha fatto sapere che la restituzione avverra' tramite un intervento su base volontaria dei membri del sistema bancario, e la soluzione e' stata giudicata "positiva" da Bruxelles.

Ma questo "accordo" cade in un clima di scontro tra Roma e Bruxelles dopo le polemiche scoppiate in Italia, e tra il governo italiano e gli esecrati "euroburocrati", sul salvataggio di quattro banche regionali: l'Italia infatti negli anni peggiori della crisi finanziaria non ha fatto alcun ricorso a fondi pubblici per sostenere i suoi istituti di credito, al contrario di quanto invece hanno fatto la Germania e la Spagna; ed ora denuncia i "due pesi e due misure" da parte della Commissione e mostra insofferenza per il prolungarsi delle discussioni con Bruxelles sull'istituzione di una "bad bank".

L'Italia quindi chiede che le regole siano applicate a tutti e soprattutto "in modo ragionevole", come ha detto il governatore della Banca d'Italia.

Tuttavia, nel caso della cosiddetta "bad bank" dentro la quale far finire tutti i crediti marci delle banche itaoiane, la vera questione è la sua mole. Per l'Italia, si tratterebbe di "garantire" in qualche modo da parte dello Stato qualcosa come 200 miliardi di euro, circa l'8% del debito pubblico, che si andrebbero ad aggiungere ai già mostruosi 2.200 miliardi di euro esistenti. Sarebbe una massa tale da distruggere, se non venisse rifinanziata ogni mese dai mercati, non solo l'Italia, ma l'intera eurozona.

Da qui, lo scontro con la Ue: chi copre la voragine di 200 miliardi di euro diventati di fatto perdite di tutte le banche italiane, non una esclusa? 

Intanto dopo Germania ed Italia e' il momento della Francia di applicare il principio europeo di "bail in", che dal 1 gennaio 2016 vieta di utilizzare fondi pubblici per il salvataggio delle banche in difficolta': il ministero dell'Economia francese nella serata di domenica 27 dicembre ha reso noto come intende modificare la gerarchia dei creditori di un istituto; la direttiva europea infatti lascia alla legislazione nazionale in materia di fallimento la prerogativa di regolamentare la questione.

L'idea avanzata dalla Francia e' in parte simile a quanto deciso dalla Germania: opera un distinguo tra i creditori senior di una banca in difficolta', i detentori di obbligazioni semplici ed i titolari di conti correnti, che sarebbero meglio protetti.

A differenza della Germania, pero', la soluzione proposta da Parigi riguardera' solo le nuove emissioni di debito da parte degli istituti di credito: da quanto si evince dall'articolo pubblicato oggi dal quotidiano economico "Les Echos", dunque, non e' chiaro come il governo francese intenda affrontare le criticita' che potrebbero emergere dallo stock gia' esistente di debiti a rischio. 

Redazione Milano.


DIETRO LE CHIACCHIERE DI RENZI, LO SCONTRO APERTO TRA ITALIA E UE SUL SALVATAGGIO DELLE BANCHE: CHI METTE 200 MILIARDI?


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BANCHE   SALVATAGGIO   UE   BRUXELLES   ROMA   RENZI   GOVERNO   FONDO   FRANCIA   EUROBUROCRATI   GERMANIA   BANKITALIA   BAD BANK    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DATI SHOCK DIVULGATI DAL PREFETTO DI MILANO: ABBIAMO RESPINTO 2.700 DOMANDE D'ASILO SU 4.673 (60%).ERANO SENZA REQUISITI

DATI SHOCK DIVULGATI DAL PREFETTO DI MILANO: ABBIAMO RESPINTO 2.700 DOMANDE D'ASILO SU 4.673
Continua

 
ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE (MIGRANTI RESTERANNO QUI)

ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!