54.081.832
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DIETRO LE CHIACCHIERE DI RENZI, LO SCONTRO APERTO TRA ITALIA E UE SUL SALVATAGGIO DELLE BANCHE: CHI METTE 200 MILIARDI?

lunedì 28 dicembre 2015

Nessuna tregua natalizia tra Bruxelles e Roma sull'esplosivo dossier del salvataggio delle banche in difficolta': la Commissione europea non ha fatto alcun regalo al governo italiano in particolare sulla Banca Tercas.

Ed ha decretato che l'aiuto concesso nel luglio del 2014 dal Fondo di garanzia dei depositi costituisce un "aiuto di Stato incompatibile" con le regole europee:

Banca Tercas aveva allora ricevuto 265 milioni di euro in vista della sua acquisizione da parte della Banca Popolare di Bari, ed ora dovra' restituirli; il Tesoro italiano ha fatto sapere che la restituzione avverra' tramite un intervento su base volontaria dei membri del sistema bancario, e la soluzione e' stata giudicata "positiva" da Bruxelles.

Ma questo "accordo" cade in un clima di scontro tra Roma e Bruxelles dopo le polemiche scoppiate in Italia, e tra il governo italiano e gli esecrati "euroburocrati", sul salvataggio di quattro banche regionali: l'Italia infatti negli anni peggiori della crisi finanziaria non ha fatto alcun ricorso a fondi pubblici per sostenere i suoi istituti di credito, al contrario di quanto invece hanno fatto la Germania e la Spagna; ed ora denuncia i "due pesi e due misure" da parte della Commissione e mostra insofferenza per il prolungarsi delle discussioni con Bruxelles sull'istituzione di una "bad bank".

L'Italia quindi chiede che le regole siano applicate a tutti e soprattutto "in modo ragionevole", come ha detto il governatore della Banca d'Italia.

Tuttavia, nel caso della cosiddetta "bad bank" dentro la quale far finire tutti i crediti marci delle banche itaoiane, la vera questione è la sua mole. Per l'Italia, si tratterebbe di "garantire" in qualche modo da parte dello Stato qualcosa come 200 miliardi di euro, circa l'8% del debito pubblico, che si andrebbero ad aggiungere ai già mostruosi 2.200 miliardi di euro esistenti. Sarebbe una massa tale da distruggere, se non venisse rifinanziata ogni mese dai mercati, non solo l'Italia, ma l'intera eurozona.

Da qui, lo scontro con la Ue: chi copre la voragine di 200 miliardi di euro diventati di fatto perdite di tutte le banche italiane, non una esclusa? 

Intanto dopo Germania ed Italia e' il momento della Francia di applicare il principio europeo di "bail in", che dal 1 gennaio 2016 vieta di utilizzare fondi pubblici per il salvataggio delle banche in difficolta': il ministero dell'Economia francese nella serata di domenica 27 dicembre ha reso noto come intende modificare la gerarchia dei creditori di un istituto; la direttiva europea infatti lascia alla legislazione nazionale in materia di fallimento la prerogativa di regolamentare la questione.

L'idea avanzata dalla Francia e' in parte simile a quanto deciso dalla Germania: opera un distinguo tra i creditori senior di una banca in difficolta', i detentori di obbligazioni semplici ed i titolari di conti correnti, che sarebbero meglio protetti.

A differenza della Germania, pero', la soluzione proposta da Parigi riguardera' solo le nuove emissioni di debito da parte degli istituti di credito: da quanto si evince dall'articolo pubblicato oggi dal quotidiano economico "Les Echos", dunque, non e' chiaro come il governo francese intenda affrontare le criticita' che potrebbero emergere dallo stock gia' esistente di debiti a rischio. 

Redazione Milano.


DIETRO LE CHIACCHIERE DI RENZI, LO SCONTRO APERTO TRA ITALIA E UE SUL SALVATAGGIO DELLE BANCHE: CHI METTE 200 MILIARDI?


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BANCHE   SALVATAGGIO   UE   BRUXELLES   ROMA   RENZI   GOVERNO   FONDO   FRANCIA   EUROBUROCRATI   GERMANIA   BANKITALIA   BAD BANK    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DATI SHOCK DIVULGATI DAL PREFETTO DI MILANO: ABBIAMO RESPINTO 2.700 DOMANDE D'ASILO SU 4.673 (60%).ERANO SENZA REQUISITI

DATI SHOCK DIVULGATI DAL PREFETTO DI MILANO: ABBIAMO RESPINTO 2.700 DOMANDE D'ASILO SU 4.673
Continua

 
ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE (MIGRANTI RESTERANNO QUI)

ITALIA ISOLATA: TUTTI GLI STATI CONFINANTI HANNO REINTRODOTTO SEVERI CONTROLLI ALLE FRONTIERE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!