47.475.308
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CAMERON BOCCIATO, POLIZIA UE BOCCIATA, REDISTRIBUZIONE MIGRATI BOCCIATA. PER CHI VUOLE LA FINE DELLA UE E' UN SUCCESSO

venerdì 18 dicembre 2015

BRUXELLES - In primo piano sul "Financial Times" il vertice europeo di Bruxelles, incentrato sull'emergenza rifugiati e sulle istanze di riforma dell'Unione avanzate dal Regno Unito. Il premier britannico, David Cameron, dovra' escogitare un piano B per salvare la faccia dopo che i partner europei hanno bocciato la sua proposta principale: la concessione di benefit sociali ai lavoratori comunitari solo dopo quattro anni di residenza.

A guidare l'opposizione e' stato il presidente della Francia, Francois Hollande. Il capo del governo di Londra, tuttavia, dopo quattro ore di colloqui, ha dichiarato di intravedere "un sentiero verso un accordo"; l'intesa potrebbe essere raggiunta a febbraio, ha detto, ma nessuno ha considerato possibile questo auspicio, a Bruxelles, se non cambierà i punti sui quali arrivare a un accordo.

La discussione ha evidenziato nel complesso una disponibilita' al compromessom anon sui punti che Cameron considera "non negoziabili". Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha confessato di sentirsi "molto piu' ottimista" ora, grazie al clima positivo e alla buona volonta' emersi al tavolo delle trattative, fermo restando che le posizioni della Gran Bretagna "vanno cambiate".

E' il teatrino dell'ipocrisia diplomatica, quello che viene rappresentato.

Ad esempio, per la cancelliera tedesca Merkel "c'e' un largo consenso sul fatto che il nuovo assetto per la Gran Bretagna non possa essere concordato ora, ma potrebbe esserlo nel prossimo futuro". 

"Noi tutti siamo d'accordo che non possa avvenire adesso, ma che potrebbe avvenire in seguito" ha detto la Merkel, ma non ha detto sull abase di cosa e perchè.

Il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, ha detto che esistono diverse opzioni possibili, incluso un "freno d'emergenza" per arrestare l'afflusso di migranti nel caso in cui i servizi pubblici fossero sovraccarichi. Alcune risatine hanno percorso la sala, mentre lo diceva.

Alcuni Stati membri della Ue hanno espresso invece preoccupazione per le altre proposte di Downing Street, sulla tutela dei paesi non appartenenti all'euro e sull'ampliamento del potere di veto dei parlamenti nazionali, ma il principale ostacolo e' stato quello dei benefit per gli immigrati.

Riguardo, poi, alla crisi rifugiati, i leader, riferisce in questo caso "The Guardian", non sono riusciti a concordare un'azione comune.

La proposta della Commissione di istituire una forza europea per il controllo delle frontiere ha ricevuto un convinto sostegno da parte della Germania e della Francia, ma e' stata accolta da altri paesi come un assalto alla sovranita' nazionale. E' stata rifiutata in blocco. I governi si sono impegnati a chiarire le loro posizioni entro l'estate, ma la questione principale è che questa "polizia Ue" potrà intervenire solo su "richiesta" di uno stato Ue. 

Il summit, il quinto consecutivo sull'immigrazione, ha passato in rassegna le misure gia' adottate ma in gran parte ancora non entrate in vigore. Undici paesi hanno rifiutato di appoggiare il programma di cooperazione con la Turchia per la redistribuzione dei profughi promosso dal governo tedesco, quindi è diventato lettera morta.

Questi, i fatti. Concludere che è un falliemnto su tutta la linea non appare una forzatura. E' la realtà.

Redazione Milano


CAMERON BOCCIATO, POLIZIA UE BOCCIATA, REDISTRIBUZIONE MIGRATI BOCCIATA. PER CHI VUOLE LA FINE DELLA UE E' UN SUCCESSO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   VERTICE   MIGRANTI   CAMERON   JUNCKER   MERKEL   TUSK   BRUXELLES   RENZI   FRANCIA   HOLLANDE   GRAN   BRETAGNA   BREXIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA'' CHE IMPORRA' LA UE

STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA''

martedì 30 maggio 2017
"Non c'e' tre senza quattro" potrebbe essere il precetto elettorale di questo anno 2017 in Europa: e' la previsione del quotidiano economico francese "Les Echos", secondo cui dopo la Francia, la Gran
Continua
 
LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA DELLA BCE DOPO DRAGHI

LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA

lunedì 29 maggio 2017
BERLINO - La politica tentata dalla cancelliera tedesca Angela Merkel nei confronti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il vertice del G7 tenutosi a Taormina, non ha avuto
Continua
SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E' CONTRO L'EURO)

SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E'

lunedì 29 maggio 2017
Nonostante la stampa di regime controllata  dalle oligarchie Ue continui a ripetere fino alla nausea - specialmrnte in Italia - che l'euro e' stato un grande successo, la realta' e' che chi ne
Continua
 
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
 
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PRIMO MINISTRO AUSTRIACO ANNUNCIA: ''SONO PRONTO A TAGLIARE IL CONTRIBUTO ECONOMICO DELL'AUSTRIA ALLA UE'' (BOOM!)

IL PRIMO MINISTRO AUSTRIACO ANNUNCIA: ''SONO PRONTO A TAGLIARE IL CONTRIBUTO ECONOMICO DELL'AUSTRIA
Continua

 
POLONIA: NUOVO GOVERNO DI DESTRA SI APPRESTA A ''RINAZIONALIZZARE'' IL SETTORE BANCARIO (LA SINISTRA DEI BANCHIERI URLA)

POLONIA: NUOVO GOVERNO DI DESTRA SI APPRESTA A ''RINAZIONALIZZARE'' IL SETTORE BANCARIO (LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!