50.734.367
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CAMERON BOCCIATO, POLIZIA UE BOCCIATA, REDISTRIBUZIONE MIGRATI BOCCIATA. PER CHI VUOLE LA FINE DELLA UE E' UN SUCCESSO

venerdì 18 dicembre 2015

BRUXELLES - In primo piano sul "Financial Times" il vertice europeo di Bruxelles, incentrato sull'emergenza rifugiati e sulle istanze di riforma dell'Unione avanzate dal Regno Unito. Il premier britannico, David Cameron, dovra' escogitare un piano B per salvare la faccia dopo che i partner europei hanno bocciato la sua proposta principale: la concessione di benefit sociali ai lavoratori comunitari solo dopo quattro anni di residenza.

A guidare l'opposizione e' stato il presidente della Francia, Francois Hollande. Il capo del governo di Londra, tuttavia, dopo quattro ore di colloqui, ha dichiarato di intravedere "un sentiero verso un accordo"; l'intesa potrebbe essere raggiunta a febbraio, ha detto, ma nessuno ha considerato possibile questo auspicio, a Bruxelles, se non cambierà i punti sui quali arrivare a un accordo.

La discussione ha evidenziato nel complesso una disponibilita' al compromessom anon sui punti che Cameron considera "non negoziabili". Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha confessato di sentirsi "molto piu' ottimista" ora, grazie al clima positivo e alla buona volonta' emersi al tavolo delle trattative, fermo restando che le posizioni della Gran Bretagna "vanno cambiate".

E' il teatrino dell'ipocrisia diplomatica, quello che viene rappresentato.

Ad esempio, per la cancelliera tedesca Merkel "c'e' un largo consenso sul fatto che il nuovo assetto per la Gran Bretagna non possa essere concordato ora, ma potrebbe esserlo nel prossimo futuro". 

"Noi tutti siamo d'accordo che non possa avvenire adesso, ma che potrebbe avvenire in seguito" ha detto la Merkel, ma non ha detto sull abase di cosa e perchè.

Il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, ha detto che esistono diverse opzioni possibili, incluso un "freno d'emergenza" per arrestare l'afflusso di migranti nel caso in cui i servizi pubblici fossero sovraccarichi. Alcune risatine hanno percorso la sala, mentre lo diceva.

Alcuni Stati membri della Ue hanno espresso invece preoccupazione per le altre proposte di Downing Street, sulla tutela dei paesi non appartenenti all'euro e sull'ampliamento del potere di veto dei parlamenti nazionali, ma il principale ostacolo e' stato quello dei benefit per gli immigrati.

Riguardo, poi, alla crisi rifugiati, i leader, riferisce in questo caso "The Guardian", non sono riusciti a concordare un'azione comune.

La proposta della Commissione di istituire una forza europea per il controllo delle frontiere ha ricevuto un convinto sostegno da parte della Germania e della Francia, ma e' stata accolta da altri paesi come un assalto alla sovranita' nazionale. E' stata rifiutata in blocco. I governi si sono impegnati a chiarire le loro posizioni entro l'estate, ma la questione principale è che questa "polizia Ue" potrà intervenire solo su "richiesta" di uno stato Ue. 

Il summit, il quinto consecutivo sull'immigrazione, ha passato in rassegna le misure gia' adottate ma in gran parte ancora non entrate in vigore. Undici paesi hanno rifiutato di appoggiare il programma di cooperazione con la Turchia per la redistribuzione dei profughi promosso dal governo tedesco, quindi è diventato lettera morta.

Questi, i fatti. Concludere che è un falliemnto su tutta la linea non appare una forzatura. E' la realtà.

Redazione Milano


CAMERON BOCCIATO, POLIZIA UE BOCCIATA, REDISTRIBUZIONE MIGRATI BOCCIATA. PER CHI VUOLE LA FINE DELLA UE E' UN SUCCESSO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   VERTICE   MIGRANTI   CAMERON   JUNCKER   MERKEL   TUSK   BRUXELLES   RENZI   FRANCIA   HOLLANDE   GRAN   BRETAGNA   BREXIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PRIMO MINISTRO AUSTRIACO ANNUNCIA: ''SONO PRONTO A TAGLIARE IL CONTRIBUTO ECONOMICO DELL'AUSTRIA ALLA UE'' (BOOM!)

IL PRIMO MINISTRO AUSTRIACO ANNUNCIA: ''SONO PRONTO A TAGLIARE IL CONTRIBUTO ECONOMICO DELL'AUSTRIA
Continua

 
POLONIA: NUOVO GOVERNO DI DESTRA SI APPRESTA A ''RINAZIONALIZZARE'' IL SETTORE BANCARIO (LA SINISTRA DEI BANCHIERI URLA)

POLONIA: NUOVO GOVERNO DI DESTRA SI APPRESTA A ''RINAZIONALIZZARE'' IL SETTORE BANCARIO (LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!