50.712.935
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

UN QUOTIDIANO TEDESCO LANCIA L'ALLARME: FONDO SOVRANO DELLA NORVEGIA AFFONDERA' LA GERMANIA (DISASTRO IN ARRIVO)

mercoledì 16 dicembre 2015

NORVEGIA - C'è una grave minaccia per l'intero sistema economico e finanziario della Germania che emerge per la prima volta su un quotidiano tedesco, e genera molte preoccupazioni, in ambienti sia del governo Merkel che della Borsa.

Dal fondo sovrano norvegese giunge un pericolo per l'economia tedesca, scrive il "Die Welt". Il signor Yngve Slyngstad e' uno dei piu' influenti investitori del pianeta - esordisce così l'articolo - perchè gestisce uno dei piu' grandi e importanti fondi sovrani, il norvegese "Statens Penjonsfond", con asset per quasi 900 miliardi di euro.

E' tutto denaro che la Norvegia ha guadagnato soprattutto dalla vendita delle proprie risorse petrolifere. Il crollo dei prezzi del petrolio e le dinamiche della finanza mondiale, però, hanno offuscato il futuro del fondo, precisa preoccupato il Die Welt. Il signor Slyngstad deve correre ai ripari, e potrebbe prendere decisioni molto spiacevoli anche per la Germania.

E' vero - analizza il quotidiano tedesco - che la maggior parte delle aziende trae vantaggio dal calo dei prezzi dell'energia: i produttori di auto raddoppiano i loro guadagni dato che per la produzione devono spendere meno e i consumatori comprano veicoli piu' grandi. Ma c'è anche un rovescio della medaglia: anche il sistema Germania dipende perlomeno indirettamente dal petrolio, e soffre quando le quotazioni calano, perche' negli ultimi anni i fondi dei ricchi paesi produttori hanno portato il petrodollaro in Germania sotto forma di investimenti.

Questi fondi sono progressivamente e discretamente divenuti i maggiori azionisti delle aziende tedesche e il loro volume totale d'investimento ammonta a 7.300 miliardi di dollari, quasi il doppio rispetto al 2009.

Ma il crollo del prezzo del petrolio ora sta mettendo profondamente in crisi anche i fondi sovrani: non solo in Norvegia, ma anche in Qatar, Russia e Arabia Saudita. Tutti questi fondi sovrani hanno i bilanci in rosso, e non possono continuare ad averli, perchè destabilizzano i bilanci dei loro stati. Da qui, la minaccia. Come investitore istituzionale, la Norvegia detiene partecipazioni di 9 mila aziende e dispone di piu' dell'1,3 per cento di tutte le azioni del mondo.

In Germania i norvegesi detengono partecipazioni in tutte le maggiori aziende: partecipano con quasi l'8 per cento al gruppo immobiliare Vonovia, con il 7 per cento al produttore di gas Linde, a Daimler e Basf con il 3 per cento e a Deutsche Bank con il 2 per cento. I norvegesi fanno parte anche dell'ex azienda statale Deutsche Telekom.

Le cose, pero', potrebbero presto cambiare con conseguenze tanto drammatiche quanto imprevedibili. Quando la Norvegia dovrà far quadrare i conti del suo fondo sovrano, conclude il Die Weldt, non solo non investirà più in Germania, ma certamente smobilizzerà una parte dei suoi investimenti e inizierà proprio da quelli che offorno meno garanzie di profitto. In testa, le azioni e le quote delle aziende tedesche, che in base alle previsioni sia del governo Merkel sia dei più accreditati centri d'analisi teutonici al massimo renderanno l'1,5% nel 2016 contro una forte resa di altri mercati, ad iniziare da quello americano. E i principali investimenti del fondo sovrano di Norvegia giudicati a basso reddito e con pericolo di perdite riguardano, in Germania, settori nevralgici dell'industria tedesca. 

Uno scenario da incubo.

Redazione Milano.

 


UN QUOTIDIANO TEDESCO LANCIA L'ALLARME: FONDO SOVRANO DELLA NORVEGIA AFFONDERA' LA GERMANIA (DISASTRO IN ARRIVO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   NORVEGIA   FONDO   SOVRANO   INVESTIMENTI   PETROLIO   PREZZI   CROLLO   DIE   WELDT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STERZATA DELLA CDU TEDESCA:''SIAMO DECISI A RIDURRE SENSIBILMENTE CON MISURE EFFICACI L'AFFLUSSO DI PROFUGHI IN GERMANIA''

STERZATA DELLA CDU TEDESCA:''SIAMO DECISI A RIDURRE SENSIBILMENTE CON MISURE EFFICACI L'AFFLUSSO DI
Continua

 
RIDE BENE CHI RIDE PER ULTIMO: SONDAGGI INDICANO MARINE LE PEN AL 40% AL PRIMO TURNO DELLE PRESIDENZIALI (26% A SARKOZY)

RIDE BENE CHI RIDE PER ULTIMO: SONDAGGI INDICANO MARINE LE PEN AL 40% AL PRIMO TURNO DELLE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!