43.373.162
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL TRATTATO DI PARIGI SUL CLIMA NON SERVE PER ABBASSARE LA TEMPERATURA DEL PIANETA ED E' IL PIU' COSTOSO DELLA STORIA

lunedì 14 dicembre 2015

PARIGI - Dopo due settimane di lavori ed un'enorme quantita' di retorica politica, al termine di molti negoziati a porte chiuse la Conferenza sul clima delle Nazioni Unite (dall'inquietante sigla Cop21) è riuscita a partorire a Parigi un trattato.

Ma nonostante l'entusiasmo degli attivisti ecologisti per l'esito del summit, il Trattato di Parigi non avrà che un impatto minimo sull'aumento delle temperature medie del pianeta, mentre il costo per l'economia globale sarà gravosissimo, al limite della catastrofe economica.

Questo non è il parere di un feroce anti-ecologista, ma quello di un autorevole quanto stimato professore, Bjorn Lomborg, direttore del Copenhagen Consensus Center, espresso in un intervento pubblicato dal quotidiano economico francese "La Tribune".

Secondo il professor Lomborg, gli impegni presi dai paesi partecipanti alla Cop21 sono assai lontani dal permettere di raggiungere il dichiarato obbiettivo di limitare l'aumento delle temperature a 2° centigradi, mentre il Trattato di Parigi, secondo il parere della Copenhagen Business School, sara' straordinariamente costoso; anzi, sara' il piu' costoso della storia dell'umanita'.

Alla luce dei modelli economici individuali e collettivi approvati dalla Conferenza sul Clima di Parigi, infatti, il costo del trattato si tradurra' in un rallentamento della crescita del Pil mondiale a causa dell'aumento dei costi dell'energia, quantificabile tra i mille ed i 2 mila miliardi di dollari all'anno a partire dal 2030.

Questo perche' e' totalmente infondata la convinzione secondo cui la riduzione delle emissioni di gas serra non costerebbe nulla e anzi potrebbe persino generare una crescita economica: se cosi' fosse, non ci sarebbe neppure bisogno del Trattato di Parigi; tutti i paesi del mondo si precipiterebbero a ridurre le emissioni, arricchendosi per conseguenza.

La realta' e' invece che le attuali tecnologie per la produzione di energia rinnovabile non sono ancora competitive. E i 100 miliardi di dollari previsti in "aiuti climatici" ai paesi in via di sviluppo non sono affatto cio' che i cittadini di quei paesi considerano una priorità.

In un contesto in cui miliardi di individui mancano di cibo, cure sanitarie, acqua ed educazione, voler distribuire pannelli solari e' semplicemente immorale, afferma il professor Lomborg, secondo il quale l'unica nota positiva scaturita dalla Cop21 e' l'annuncio della creazione di un fondo per l'innovazione delle energie verdi fatto da Bill Gates in associazione con investitori privati e diversi governi: finche' non ci saranno dei progressi in grado di rendere le energie rinnovabili economicamente competitive, e' assai improbabile che il mondo possa ridurre massicciamente le emissioni nocive. 

In conclusione: la Conferenza di Parigi sul Clima è stata una colossale bolla mediatica che ha spacciato per positivo un accordo finale che è devastante sul piano economico e immorale su quello etico.

Redazione Milano.


IL TRATTATO DI PARIGI SUL CLIMA NON SERVE PER ABBASSARE LA TEMPERATURA DEL PIANETA ED E' IL PIU' COSTOSO DELLA STORIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TRATTATO   PARIGI   CLIMA   COSTOSO   STORIA   TEMPERATURE   CONFERENZA   ONU   PIL   RALLENTAMENTO   CRESCITA   LOMBORG   COPENHAGEN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INIZIA LA SPERIMENTAZIONE DI UNO STRAORDINARIO VACCINO CONTRO IL DIABETE INSULINO-DIPENDENTE (E' UNA GRANDE SPERANZA)

INIZIA LA SPERIMENTAZIONE DI UNO STRAORDINARIO VACCINO CONTRO IL DIABETE INSULINO-DIPENDENTE (E'
Continua

 
IL MIT DI BOSTON E' RIUSCITO AD ''HACKERARE'' UNA CELLULA E RIPROGRAMMARLA PER QUALSIASI COMPITO, COME UCCIDERE IL CANCRO!

IL MIT DI BOSTON E' RIUSCITO AD ''HACKERARE'' UNA CELLULA E RIPROGRAMMARLA PER QUALSIASI COMPITO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »