44.199.384
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG LANCIA L'ALLARME ''BANCHE ITALIANE'': ''HANNO IN PANCIA 200 MILIARDI DI CREDITI MARCI. E' TERRORIZZANTE'' (ADDIO)

venerdì 11 dicembre 2015

NEW YORK - Il monte dei crediti deteriorati detenuti dalle banche italiane e' calato a ottobre di un miliardo di euro, dopo essere cresciuto ininterrottamente per tre anni nel corso della crisi economica che ha attanagliato il paese, ma questa non è affatto una buona notizia.

Si tratta solo di un maquillage contabile che non deve trarre in inganno.

Il calo, infatti, è dovuto alla cessione di portafogli di crediti "marci" da parte dei creditori, e cioè del sistema bancario nazionale, piu' che a una vera e propria svolta del settore. Che non c'è e non è prevista.

Ad oggi le sofferenze ammontano a circa 200 miliardi di euro (199 miliardi stando agli ultimi dati di Bankitalia), e rappresentano circa il 18 per cento del credito corporate complessivo emesso dalle banche italiane. Una cifra in assoluto gigantesca e agghiacciante dal punto di vista del rapporto percentuale col credito concesso al mercato dalle banche italiane.

Mark Gilbert, giornalista economico di lungo corso, affronta il tema delle sofferenze bancarie italiane con un editoriale di rilievo su "Bloomberg", editoriale che rappresenta il parere della testata, come tale giudizio condiviso dall'editore.

"L'Italia - scrive Gilbert - si e' trascinata faticosamente fuori dalla recessione e nel terzo trimestre di quest'anno ha conseguito una crescita del pil dello 0,8 per cento, ma si tratta comunque di un tasso di crescita dimezzato rispetto a quello dell'eurozona nel suo complesso".

"Se il governo italiano non trovera' una cura efficace per le sofferenze bancarie - prosegue Gilbert - che agiscono da palla al piede alla cinghia di trasmissione del credito l'economia del Belpaese continuera' a far peggio di quelle dei suoi vicini".

"Il monte dei crediti bancari italiani in sofferenza - si legge - e' ancor piu' terrorizzante quando lo si guarda in prospettiva all'output economico trimestrale: le sofferenze ammontano a 200 miliardi, grosso modo meta' di quanto l'economia italiana produce nell'arco di tre mesi". Parole che assomigliano a sassate tirate addosso al sistema bancario italiano.

"Il problema - sottolinea poi l'editorialista di Bloomberg -  vero è che non è solo italiano: se le banche dei paesi dell'eurozona sono appesantite dalle sofferenze, i tentativi della Banca centrale europea di stimolare la crescita e i prezzi al consumo tramite il quantitative easing sono inevitabilmente destinati al fallimento". Fallimento che per altro è già realtà, basti pensare che nè la deflazione è stata battuta, nè il valore di cambio dell'euro è disceso a livelli accettabili.

L'articolo di Bloomberg sottolinea, quindi, che la crisi bancaria riguarda tutta l'area dell'euro, ma in Italia il buco nei conti delle banche ha dimensioni spaventose. E non esistono soluzioni praticabili diverse dal bail in. Se le banche italiane non riceveranno capitali freschi per 200 miliardi di euro, questi crediti "marci" che più prima che poi dovranno essere contabilizzati come perdite, e certamente non potrà non accadere nel prossimo anno, causeranno un bail in a catena della maggior parte degli istituti di credito del Paese.

Avendo recepito - ovvero accettato e sottoscritto - le norme sul bail in, le banche italiane di fronte all'obbligo di coprire perdite col proprio capitale, si troveranno nella condizione di non poterci riuscire per mancanza di fondi. Non è vero, infatti, che le banche italiane abbiano accantonato 200 miliardi di euro per far fronte a questa tremenda emergenza. Al massimo, gli accantonamenti possono coprire il 20%. La differenza dovrà essere messa dal "mercato" oppure andando a prenderla - appunto - col bail in nelle tasche dei correntisti.

Redazione Milano


BLOOMBERG LANCIA L'ALLARME ''BANCHE ITALIANE'': ''HANNO IN PANCIA 200 MILIARDI DI CREDITI MARCI. E' TERRORIZZANTE'' (ADDIO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BLOOMBERG   CREDITI   MARCI   BANCHE   ITALIANE   GILBERT   NEW YORK   GOVERNO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PADOAN PARLA DI ''AIUTO UMANITARIO'' PER RIMBORSARE PARTE DEL FURTO AGLI OBBLIGAZIONISTI DERUBATI, MA LA UE DICE: NO!

PADOAN PARLA DI ''AIUTO UMANITARIO'' PER RIMBORSARE PARTE DEL FURTO AGLI OBBLIGAZIONISTI DERUBATI,
Continua

 
IL NEW YORK TIMES SCHIANTA RENZI: ''IL JOBS ACT NON FUNZIONA E NON HA PRODOTTO EFFETTI POSITIVI, I NUMERI NON MENTONO''

IL NEW YORK TIMES SCHIANTA RENZI: ''IL JOBS ACT NON FUNZIONA E NON HA PRODOTTO EFFETTI POSITIVI, I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!