48.506.023
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RUSSIA MOSTRA PROVE - FOTOGRAFICHE - DELL'ALLEANZA DELLA TURCHIA CON L'ISIS: ECCO COME VENDE IL PETROLIO DEI TAGLIAGOLE

mercoledì 2 dicembre 2015

Dalle tre vie individuate dalla Difesa russa, lungo la quali viene convogliato verso la Turchia il petrolio rubato in Siria e Iraq dall'Isis, passano 200mila barili al giorno, un quantitativo dal quale i jihadisti ricavano due miliardi di dollari l'anno.

Sono cifre diffuse in un briefing del ministero della Difesa di Mosca, nel corso del quale sono state mostrate immagini riprese grazie a droni e satelliti. "Difficile non accorgersene", hanno sottolineato commentando i filmati i rappresentanti del ministero. In senso contrario, dalla Turchia alla Siria, passano le armi destinate ai jihadisti e i combattenti che ingrossano el fila dell'Isis: solo nell'ultima settimana sono passati duemila militanti e 120 tonnellate di munizioni.

Al briefing hanno partecipato anche gli addetti militari delle ambasciate di tutto il mondo presenti a Mosca, compresi rappresentanti italiani. Particolarmente impressionanti sono state considerate le riprese che nella zona di Silopi, risalenti al 14 novembre scorso, mostrerebbero un enorme parcheggio di autocontainer (intorno ai 3.200) pronti a partire per partecipare al traffico di oro nero del sedicente Stato islamico.

In base a quanto spiegato le direzioni che il petrolio dell'Isis prenderebbe oltre il confine turco-siriano sarebbero tre. Una verso Ovest che avrebbe uno sbocco sul mare attraverso i porti di Iskenderun e Reikhandly. "Un'altra quella settentrionale, termina a Batman, a cento chilometri dal confine siriano", hanno spiegato i militari russi. E poco distante anche dal confine con l'Iraq, altra cortina particolarmente permeabile. Un'altra ancora sarebbe quella orientale.

Mosca ha inoltre presentato agli addetti militari e alla stampa immagini di 1.722 autocontainer incolonnati, in un filmato che risale al 18 ottobre scorso. "I terroristi hanno costruito delle vere e proprie isole petrolifere", hanno aggiunto. Il briefing si è tenuto nella rinnovata sede del ministero della Difesa sul lungofiume Frunzenskaja.

A queste notizie, si aggiungono altri dettagli.

Il figlio del premier turco Erdogan, Bilal Erdogan, possiede diverse compagnie di navigazione. Avrebbe firmato contratti con compagnie che operano in Europa per trasportare il petrolio rubato in Iraq verso vari paesi asiatici. Il governo turco compra il petrolio iracheno che è prodotto tramite i pozzi petroliferi controllati dall’ISIS in Iraq. Le compagnie di navigazione di Bilal Erdogan possiedono dei pontili speciali nei porti di Beirut e Ceyhan, tramite i quali trasportano il petrolio di contrabbando dell’ISIS nelle navi cisterna giapponesi.

Gürsel Tekin, vice-presidente del Partito Repubblicano Turco, il CHP, ha dichiarato durante una recente intervista che “il Presidente Erdogan afferma che secondo le convenzioni per il trasporto internazionale non ci sarebbero infrazioni riguardo le attività di Bilal, e che suo figlio sta facendo affari normalmente con delle compagnie giapponesi, ma in realtà Bilal Erdogan è complice fino al collo con il terrorismo, ma fino a che il padre è in carica sarà immune da qualsiasi procedimento giudiziario”.

Tekin ha aggiunto che la compagnia di navigazione di Bilal che fa affari con l’ISIS, la BMZ Ltd, “è un’azienda di famiglia in cui sono soci altri parenti stretti del Presidente Erdogan; l’azienda ha inoltre abusato dei fondi pubblici e ottenuto illegalmente dei prestiti da banche turche“.

Ce n'è abbastanza per poter concludere che la Nato ha il dovere di espellere la Turchia dall'Alleanza atlantica e l'Unione europea, se non vuole essere complice della Turchia e quindi dell'Isis, ha il dovere di isolare il regime corrotto e alleato dei tagliagole islamici capitanato da Erdogan.

Redazione Milano. 

 


RUSSIA MOSTRA PROVE - FOTOGRAFICHE - DELL'ALLEANZA DELLA TURCHIA CON L'ISIS: ECCO COME VENDE IL PETROLIO DEI TAGLIAGOLE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RUSSIA   TURCHIA   ISIS   ERDOGAN   BILAL   FIGLIO   PETROLIO   CONTRABBANDO   TEKIN   CHP   IRAQ   NATO   PROVE   MOSCA   UE   GIAPPONESI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SIAMO OLTRE OGNI LIMITE: 8.500 AFRICANI IN ARRIVO IN ITALIA CON LE NAVI ONG NELLE PROSSIME 24 ORE: IL PD UCCIDE L'ITALIA

SIAMO OLTRE OGNI LIMITE: 8.500 AFRICANI IN ARRIVO IN ITALIA CON LE NAVI ONG NELLE PROSSIME 24 ORE:

martedì 27 giugno 2017
Le notizie sono spaventose: una fiumana immensa di africani senza alcun diritto di asilo in Italia sta per sommergere un'altra volta il Paese. E accadrà nelle prossime 24 ore. Il governo Pd
Continua
 
IL PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA: GLI STATI UNITI SONO ARRIVATI ALL'INDIPENDENZA ENERGETICA, BASTA PETROLIO (ARABO)

IL PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA: GLI STATI UNITI SONO ARRIVATI ALL'INDIPENDENZA ENERGETICA, BASTA

martedì 27 giugno 2017
WASHINGTON - Gli Stati Uniti si apprestano a divenire esportatori netti di petrolio, gas e altre risorse naturali, liberandosi una volta per tutte dall anecessità di acquistare petrolio dagli
Continua
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE MINACCE DI BRUXELLES

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE

lunedì 12 giugno 2017
Il ministro dell'Interno polacco, Mariusz Blaszczak, ha annunciato che i governi di Polonia, repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, hanno rifiutato qualsiasi sanzione imposta da Bruxelles ai Paesi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELEZIONI FRANCESI: SOCIALISTI NEL BARATRO FRONT NATIONAL ALLE STELLE, SARKOZY RIFIUTA L'AMMUCCHIATA PER SALVARE HOLLANDE

ELEZIONI FRANCESI: SOCIALISTI NEL BARATRO FRONT NATIONAL ALLE STELLE, SARKOZY RIFIUTA L'AMMUCCHIATA
Continua

 
IL PENTAGONO ''CHIEDE'' A ERDOGAN DI SIGILLARE LA FRONTIERA CON LA SIRIA SCHIERANDO L'ARTIGLIERIA, MA LA RISPOSTA E' NO.

IL PENTAGONO ''CHIEDE'' A ERDOGAN DI SIGILLARE LA FRONTIERA CON LA SIRIA SCHIERANDO L'ARTIGLIERIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!