44.318.204
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RUSSIA MOSTRA PROVE - FOTOGRAFICHE - DELL'ALLEANZA DELLA TURCHIA CON L'ISIS: ECCO COME VENDE IL PETROLIO DEI TAGLIAGOLE

mercoledì 2 dicembre 2015

Dalle tre vie individuate dalla Difesa russa, lungo la quali viene convogliato verso la Turchia il petrolio rubato in Siria e Iraq dall'Isis, passano 200mila barili al giorno, un quantitativo dal quale i jihadisti ricavano due miliardi di dollari l'anno.

Sono cifre diffuse in un briefing del ministero della Difesa di Mosca, nel corso del quale sono state mostrate immagini riprese grazie a droni e satelliti. "Difficile non accorgersene", hanno sottolineato commentando i filmati i rappresentanti del ministero. In senso contrario, dalla Turchia alla Siria, passano le armi destinate ai jihadisti e i combattenti che ingrossano el fila dell'Isis: solo nell'ultima settimana sono passati duemila militanti e 120 tonnellate di munizioni.

Al briefing hanno partecipato anche gli addetti militari delle ambasciate di tutto il mondo presenti a Mosca, compresi rappresentanti italiani. Particolarmente impressionanti sono state considerate le riprese che nella zona di Silopi, risalenti al 14 novembre scorso, mostrerebbero un enorme parcheggio di autocontainer (intorno ai 3.200) pronti a partire per partecipare al traffico di oro nero del sedicente Stato islamico.

In base a quanto spiegato le direzioni che il petrolio dell'Isis prenderebbe oltre il confine turco-siriano sarebbero tre. Una verso Ovest che avrebbe uno sbocco sul mare attraverso i porti di Iskenderun e Reikhandly. "Un'altra quella settentrionale, termina a Batman, a cento chilometri dal confine siriano", hanno spiegato i militari russi. E poco distante anche dal confine con l'Iraq, altra cortina particolarmente permeabile. Un'altra ancora sarebbe quella orientale.

Mosca ha inoltre presentato agli addetti militari e alla stampa immagini di 1.722 autocontainer incolonnati, in un filmato che risale al 18 ottobre scorso. "I terroristi hanno costruito delle vere e proprie isole petrolifere", hanno aggiunto. Il briefing si è tenuto nella rinnovata sede del ministero della Difesa sul lungofiume Frunzenskaja.

A queste notizie, si aggiungono altri dettagli.

Il figlio del premier turco Erdogan, Bilal Erdogan, possiede diverse compagnie di navigazione. Avrebbe firmato contratti con compagnie che operano in Europa per trasportare il petrolio rubato in Iraq verso vari paesi asiatici. Il governo turco compra il petrolio iracheno che è prodotto tramite i pozzi petroliferi controllati dall’ISIS in Iraq. Le compagnie di navigazione di Bilal Erdogan possiedono dei pontili speciali nei porti di Beirut e Ceyhan, tramite i quali trasportano il petrolio di contrabbando dell’ISIS nelle navi cisterna giapponesi.

Gürsel Tekin, vice-presidente del Partito Repubblicano Turco, il CHP, ha dichiarato durante una recente intervista che “il Presidente Erdogan afferma che secondo le convenzioni per il trasporto internazionale non ci sarebbero infrazioni riguardo le attività di Bilal, e che suo figlio sta facendo affari normalmente con delle compagnie giapponesi, ma in realtà Bilal Erdogan è complice fino al collo con il terrorismo, ma fino a che il padre è in carica sarà immune da qualsiasi procedimento giudiziario”.

Tekin ha aggiunto che la compagnia di navigazione di Bilal che fa affari con l’ISIS, la BMZ Ltd, “è un’azienda di famiglia in cui sono soci altri parenti stretti del Presidente Erdogan; l’azienda ha inoltre abusato dei fondi pubblici e ottenuto illegalmente dei prestiti da banche turche“.

Ce n'è abbastanza per poter concludere che la Nato ha il dovere di espellere la Turchia dall'Alleanza atlantica e l'Unione europea, se non vuole essere complice della Turchia e quindi dell'Isis, ha il dovere di isolare il regime corrotto e alleato dei tagliagole islamici capitanato da Erdogan.

Redazione Milano. 

 


RUSSIA MOSTRA PROVE - FOTOGRAFICHE - DELL'ALLEANZA DELLA TURCHIA CON L'ISIS: ECCO COME VENDE IL PETROLIO DEI TAGLIAGOLE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RUSSIA   TURCHIA   ISIS   ERDOGAN   BILAL   FIGLIO   PETROLIO   CONTRABBANDO   TEKIN   CHP   IRAQ   NATO   PROVE   MOSCA   UE   GIAPPONESI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX: ''QUEST'ANNO L'ITALIA DEVE ASPETTARSI DALLA LIBIA ALTRI 180.000 AFRICANI SENZA DIRITTO D'ASILO''

IL DIRETTORE DI FRONTEX: ''QUEST'ANNO L'ITALIA DEVE ASPETTARSI DALLA LIBIA ALTRI 180.000 AFRICANI

giovedì 16 febbraio 2017
PARIGI - La notizia è riportata dai principali quotidiani francesi, ma in Italia non è stata resa pubblica perchè scatenerebbe una tale ondata di proteste da travolgere il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELEZIONI FRANCESI: SOCIALISTI NEL BARATRO FRONT NATIONAL ALLE STELLE, SARKOZY RIFIUTA L'AMMUCCHIATA PER SALVARE HOLLANDE

ELEZIONI FRANCESI: SOCIALISTI NEL BARATRO FRONT NATIONAL ALLE STELLE, SARKOZY RIFIUTA L'AMMUCCHIATA
Continua

 
IL PENTAGONO ''CHIEDE'' A ERDOGAN DI SIGILLARE LA FRONTIERA CON LA SIRIA SCHIERANDO L'ARTIGLIERIA, MA LA RISPOSTA E' NO.

IL PENTAGONO ''CHIEDE'' A ERDOGAN DI SIGILLARE LA FRONTIERA CON LA SIRIA SCHIERANDO L'ARTIGLIERIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!