50.647.691
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL SHOCK: ''SE OBAMA NON INTERVIENE IN SIRIA PER DISTRUGGERE L'ISIS CHE MINACCIA LA UE, FINISCE LA NATO''

lunedì 23 novembre 2015

NEW YORK - Per anni, scrive Robert Kagan della Brookings Institution sul "Wall Street Journal", il presidente statunitense Barack Obama ha condotto la sua politica estera mediorientale sulla base di alcuni presupposti: anzitutto, l'inammissibilita' di un ritorno in forze delle truppe di terra Usa nella regione; e secondo, che gli Stati Uniti non hanno nessun interesse nella regione tale da giustificare un impegno militare estensivo come quello del decennio seguito agli attentati dell'11 settembre 2001.

Questi assunti - scrive Kagan - sono parsi in qualche modo validi sin quando la Casa Bianca e' riuscita a coltivare l'illusione di poter mantenere il caos mediorientale limitato entro i confini geografici di quella regione.

Il collasso istituzionale libico, le violenze estese in Siria e l'instabilita' irachena, potevano essere accettate sintantoche' non avessero costituito una minaccia sistemica alla tenuta dell'ordine globale.

Purtroppo per Obama e per l'Occidente europeo in generale - scrive l'autore del lungo editoriale - la crisi dei profughi e dei migranti nella Ue e gli attentati di Parigi hanno dimostrato in maniera plateale che quegli assunti di Obama erano sbagliati e infatti sono crollati miseramente: lo Stato islamico, e piu' in generale il caos che l'Occidente ha ignorato, se non addirittura alimentato, non puo' essere "degradato", ne' tantomeno "contenuto".

Il primo soggetto investito dalla "rottura degli argini" del caos mediorientale e' l'Europa, che "non era in ottima forma gia' prima del flusso di migranti e degli attacchi terroristici".

La crisi prolungata dell'eurozona "ha minato la fiducia e la legittimita' delle sue istituzioni e dei partiti centristi che le amministrano a favore delle destre, e la crisi dell'euro ha minato al contempo le economie delle principali potenze europee" su cui poggia la tenuta dell'intero sistema.

La crisi mediorientale si e' insomma abbattuta su un soggetto gia' in fortissima difficoltà e "rischia di minare la coesione continentale e deteriorare i legami trans-Atlantici" con gli Stati Uniti, un legame che Kagan sostiene essere vittima anche dei legami politici ed economici dei partiti europei di orientamento conservatore e nazionalistico con la Russia di Vladimir Putin.

Detto in altro modo, il Wall Street Journal, per la prima volta dal lontano 4 aprile 1949 quando fu siglato il Patto Atlantico, lancia l'allarme sulla fine della Nato.

In questo quadro - scrive ancora il quotidiano finanziario americano -  gli Stati Uniti si inseriscono come un attore "percepito come una potenza in declino, magari non oggettivamente piu' debole di quanto fosse un tempo, ma il cui leader (Obama- ndr) ha enormemente ridotto la determinazione a ricorrere alla potenza militare e geopolitica americana per difendere gli interessi tanto degli Stati Uniti quanto dell'Occidente in generale".

Per Kagan, insomma, "quel che gli Stati Uniti faranno o non faranno in Siria dettera' il futuro della stabilita' europea e la tenuta dell'asse trans-Atlantico, cioè della Nato, e percio' in prospettiva la sopravvivenza dell'ordine liberale globale".

Per questa ragione, "anche se questa e' l'ultima cosa che Obama vuole sentire", secondo l'autore dell'editoriale (e degli editori) è necessaria immediatamente una "profonda revisione delle politiche sinora attuate dalla Casa Bianca in Siria e Iraq".

Dopo gli attentati di Parigi, la Francia ha gia' compiuto questa svolta, ma i francesi e l'Europa in generale non sono attrezzati per la guerra, tanto in termini di mezzi quanto, e soprattutto, di determinazione politica.

Per questa ragione, con la via militare praticamente preclusa sin dall'inizio, "e' probabile che gli europei ripieghino sulla costruzione di muri e barriere, sia all'interno del continente che alla periferia": cosi' facendo, sottolinea Kagan, il progetto europeo verrebbe privato di quella poca essenza rimastagli.

L'unica alternativa, scrive il Wall Street Journal, e' una massiccia mobilitazione militare Usa in Siria per distruggere l'isis, con la creazione di una zona di interdizione aerea a protezione dei rifugiati che richiederebbe tra i 10 e i 20 mila militari statunitensi sul campo. Obama lo fara? Il prezzo da pagare, el caso non lo facesse, sottolinea il giornale, è la fine dell'Alleanza Atlantica.

Redazione Milano.


WALL STREET JOURNAL SHOCK: ''SE OBAMA NON INTERVIENE IN SIRIA PER DISTRUGGERE L'ISIS CHE MINACCIA LA UE, FINISCE LA NATO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WALL   STREET   JOURNAL   NEW YORK   NATO   UE   OBAMA   CASA   BIANCA   PARIGI   SIRIA   ISIS   GUERRA   CAOS   KAGAN   EDITORIALE   USA   RUSSIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE STAMPA TEDESCA: ''LA UE STA LOTTANDO PER SOPRAVVIVERE, ERRORE ENORME L'INGRESSO DI CROAZIA, BULGARIA E ROMANIA''

LA GRANDE STAMPA TEDESCA: ''LA UE STA LOTTANDO PER SOPRAVVIVERE, ERRORE ENORME L'INGRESSO DI
Continua

 
IL CENTROSINISTRA CHE GOVERNA BRUXELLES DA VENT'ANNI HA FATTO DEL BELGIO LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL TERRORISMO ISLAMICO

IL CENTROSINISTRA CHE GOVERNA BRUXELLES DA VENT'ANNI HA FATTO DEL BELGIO LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!