55.076.926
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL WALL STREET JOURNAL, IL PIU' IMPORTANTE QUOTIDIANO ECONOMICO DEL MONDO, ACCUSA DRAGHI: PORTERA' L'EUROPA ALLA ROVINA

giovedì 19 novembre 2015

Il rallentamento della gia' modestissima crescita economica dell'eurozona rischia di trasformare il quantitative easing della Banca centrale europea in una gabbia, e finira' per dimostrare la sua inefficacia e la piena portata dei suoi effetti distorsivi. E il responsabile ha nome e cognome: si chiama Mario Draghi. E' quanto scrive in prima pagina oggi il "Wall Street Journal" in un editoriale non firmato, e attribuibile pertanto alla direzione.

Tra luglio e settembre di quest'anno - sottolinea il quotidiano - la crescita economica trimestrale dell'eurozona si e' ulteriormente ridotta, dallo 0,4 per cento del trimestre precedente allo 0,3 per cento. Il rallentamento ha interessato quasi tutte le principali economie dell'area valutaria, incluse Germania, Italia e Spagna. Il Portogallo ha segnato crescita zero, mentre la Grecia e' nuovamente scivolata in recessione.

In questo contesto di estrema difficolta', dettato da un quadro economico globale sempre piu' fosco, La Banca centrale europea sta gia' scoprendo sulla propria pelle che il suo piano di alleggerimento quantitativo da mille miliardi di euro e' una gabbia che fagocitera' sempre piu' risorse e produrra' risultati sempre piu' insignificanti.

Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha gia' gettato le basi per una nuova espansione del piano di acquisto del debito sovrano, e i prossimi dati economici dell'eurozona, che si preannunciano deludenti come gli ultimi, lo costringeranno ad agire in quel senso per preservare la propria credibilita'.

Non e' nemmeno un caso - scrive il "Wall Street Journal" - che Draghi abbia riesumato al retorica della svalutazione dell'euro sotto quota 1,10 dollari. Conseguire questo obiettivo sarebbe possibile, ad esempio, abbassando ulteriormente il tasso di deposito della Bce, attualmente a -0,2 per cento. Eppure - sottolinea il quotidiano - sono gli stessi dati macroeconomici che innescheranno la reazione di Draghi a provare il fallimento delle sue politiche monetarie.

Le esportazioni calano a causa della crisi delle economie emergenti, e lo stesso fanno i consumi interni: "Continuare a deprimere il valore dell'euro significa sacrificare i consumi reali per inseguire il fantasma delle esportazioni".

La svalutazione dell'euro, infatti, non danneggia i grandi operatori economici e di borsa, che sono piu' vicini alle "stampanti" della Bce; ma e' avvertita dai piccoli e medi risparmiatori, le famiglie e i consumatori in generale, che vedono svalutati i loro salari e i loro risparmi.

La lotta alla deflazione, insomma, e' condotta a spese dei soggetti economici piu' vulnerabili. Il risultato paradossale e' che la deflazione, anziche' calare, tende ad aumentare, dal momento che non e' possibile - almeno per ora - costringere le persone a consumare, specie quando vivono uno stato di insicurezza economica. Peraltro, e sfortunatamente per Draghi - scrive il "Wall Street Journal" - ai suoi sforzi di sostegno dell'inflazione si oppone anche, nell'immediato, l'effetto deflattivo del crollo dei prezzi dei carburanti.

Una via alternativa esisterebbe, "se solo i policy maker volessero prenderla in considerazione", scrive a chiare lettere il Wall Street Journal.

"Dal momento che i prezzi dell'energia rappresentano di per se' un incentivo alla spesa, perche' non perseguire riforme tese ad abbassare anche i prezzi di altri beni, introducendo maggior competitivita' nelle economie europee soffocate dall'invasivita' dello Stato e soprattutto degli apparati normativo burocratici?".

Draghi - ammette il quotidiano - ha rivolto ai governi appelli in questo senso in diverse occasioni, ma sinora "sono in gran parte caduti nel vuoto". Senza contare che questo approccio contrasterebbe con la narrativa circa gli effetti salvifici dell'inflazione. "Sino a quando la politica continuera' a credere che le politiche monetarie possano bastare a stimolare l'economia senza il bisogno di riforme - conclude l'editoriale - l'Europa correra' il rischio di scivolare ancor piu' in basso prima di toccare il fondo". E il fondo lo toccherà presto, con questa politica monetaria di Draghi. 

Redazione Milano. 


IL WALL STREET JOURNAL, IL PIU' IMPORTANTE QUOTIDIANO ECONOMICO DEL MONDO, ACCUSA DRAGHI: PORTERA' L'EUROPA ALLA ROVINA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   WALL   STREET   JOURNAL   WASHINGTON   NEW YORK   EURO   SVALUTAZIONE   DEFLAZIONE   BCE   CRISI   ERUOZONA   QE   DOLLARO   GERMANIA   ITALIA   SPAGNA   PORTOGALLO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN FINLANDIA SI PREPARA IL REFERENDUM PER USCIRE DALL'EURO! POTREBBE ESSERE INDETTO GIA' NELLA PRIMAVERA DEL 2016

IN FINLANDIA SI PREPARA IL REFERENDUM PER USCIRE DALL'EURO! POTREBBE ESSERE INDETTO GIA' NELLA
Continua

 
IL GOVERNO RENZI ''SALVA'' QUATTRO BANCHE DI AMICI E PARENTI METTENDO A GARANZIA I SOLDI DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

IL GOVERNO RENZI ''SALVA'' QUATTRO BANCHE DI AMICI E PARENTI METTENDO A GARANZIA I SOLDI DELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!