50.710.329
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

TUTTI CONTRO MARINE LE PEN! IL PRIMO MINISTRO SOCIALISTA VUOLE LA ''GRANDE AMMUCCHIATA'' PER BATTERLA ALLE REGIONALI

venerdì 13 novembre 2015

PARIGI - Stanno suscitando vivaci polemiche - a dire poco - nell'opinione pubblica francese le dichiarazioni del primo ministro, Manuel Valls, che in una intervista televisiva - ieri - ha detto di ritenere necessaria una "fusione" delle liste di destra e di sinistra al secondo turno delle elezioni regionali di dicembre per sbarrare la strada al Front National di Marine Le Pen.

A nulla è valso lo "stop" imposto a Valls dai vertici del Partito socialista francese nel corso di una cena di lavoro al palazzo presidenziale dell'Eliseo. Durante quella cena riservata, secondo quanto ha riferito un "convitato" citato anonimamente dal quotidiano progressista "Libèration", Valls si sarebbe detto d'accordo con la linea imposta dal presidente Hollande e dal segretario nazionale del Partito Socialista  Cambadèlis; e cioè che la maggioranza governativa - data per spacciata alle urne - farà campagna elettorale per tentare di fare il pieno dei voti dei propri sostenitori al primo turno del 6 dicembre e dopodiche' si pensera' al da farsi per il secondo turno concedendo al massimo qualche "desistenza".

Valls infatti, benchè abbia dato l'impressione di voler accettare "gli ordini del partito", subito dopo e' tornato a ribadire la sua convinzione - per di più in televisione - che al secondo turno del 1 dicembre possa essere necessaria una "fusione" di tutti i partiti "repubblicani".

"Bando alle ipocrisie, -  ha detto testualmente Valls davanti alle telecamere - gia' la sera del primo turno bisognera' prendere in considerazione tutte le ipotesi per non far vincere il Front National".

Unica concessione di Valls al duo Hollande-Cambadèlis, è stata quella di aver minimizzato la possibile opzione della "fusione" delle liste destra-sinistra dicendo che "la questione si potrebbe porre in una, due o al massimo tre delle 13 nuove maxi-regioni metropolitane in ci si voterà".

La presa di posizione del primo ministro ha fatto salire la febbre a sinistra, gia' alta a causa degli aspri scontri sul tema del fisco, della questione del trasferimento delle dotazioni finanziarie ai Comuni e di vicende locali come l'avvio dei lavori per il contestato aeroporto a Notre-Dame-des-Landes.

"Ad ogni passo falso", confida a "Libèration" un anonimo e desolato dirigente socialista, "perdiamo elettori a pacchetti di 400", che è un'espressione come quella in italiano del "perdere i capelli a ciuffi".

Inoltre, la stampa francese condanna senza appello Valls non tanto per la miserabile posizione politica di mettere assieme gli elettorati di sinistra e dei gollisti pur di battere Marine Le Pen, posizione che è definita "suicida" sia perchè non produrrà il risultato sperato, sia perchè in un colpo solo, Marine Le Pen configgerebbe tutti, spianando la strada per diventare Presidente della Repubblica (se vincesse le regionali contro socialisti+repubblicani uniti, non avrebbe più avversari da battere) bensì perchè Marine Le Pen non è "suo padre" e il 52% dei francesi, lo dice l'ultimo sondaggio, non avrebbe nulla da obiettare, sul piano della democrazia.

Insomma, Valls ancora una volta ha fatto un drammatico errore politico tutto a vantaggio della destra di Marine Le Pen.

Redazione Milano.


TUTTI CONTRO MARINE LE PEN! IL PRIMO MINISTRO SOCIALISTA VUOLE LA ''GRANDE AMMUCCHIATA'' PER BATTERLA ALLE REGIONALI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MARINE   LE PEN   ELEZIONI   FRANCESI   REGIONALI   SOCIALISTI   SONDAGGI   HOLLANDE   VALLS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PER IL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG ''IL GOVERNO MERKEL E' SUL BARATRO'' NON SA NEMMENO QUANTI SONO I MIGRANTI ARRIVATI

PER IL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG ''IL GOVERNO MERKEL E' SUL BARATRO'' NON SA NEMMENO QUANTI
Continua

 
GUERRIGLIA A CALAIS TRA POLIZIA E 6.000 CLANDESTINI AFRICANI MENTRE LE NAZIONI UE CHIUDONO FRONTIERE (TRANNE L'ITALIA)

GUERRIGLIA A CALAIS TRA POLIZIA E 6.000 CLANDESTINI AFRICANI MENTRE LE NAZIONI UE CHIUDONO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!