44.326.069
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTI CONTRO MARINE LE PEN! IL PRIMO MINISTRO SOCIALISTA VUOLE LA ''GRANDE AMMUCCHIATA'' PER BATTERLA ALLE REGIONALI

venerdì 13 novembre 2015

PARIGI - Stanno suscitando vivaci polemiche - a dire poco - nell'opinione pubblica francese le dichiarazioni del primo ministro, Manuel Valls, che in una intervista televisiva - ieri - ha detto di ritenere necessaria una "fusione" delle liste di destra e di sinistra al secondo turno delle elezioni regionali di dicembre per sbarrare la strada al Front National di Marine Le Pen.

A nulla è valso lo "stop" imposto a Valls dai vertici del Partito socialista francese nel corso di una cena di lavoro al palazzo presidenziale dell'Eliseo. Durante quella cena riservata, secondo quanto ha riferito un "convitato" citato anonimamente dal quotidiano progressista "Libèration", Valls si sarebbe detto d'accordo con la linea imposta dal presidente Hollande e dal segretario nazionale del Partito Socialista  Cambadèlis; e cioè che la maggioranza governativa - data per spacciata alle urne - farà campagna elettorale per tentare di fare il pieno dei voti dei propri sostenitori al primo turno del 6 dicembre e dopodiche' si pensera' al da farsi per il secondo turno concedendo al massimo qualche "desistenza".

Valls infatti, benchè abbia dato l'impressione di voler accettare "gli ordini del partito", subito dopo e' tornato a ribadire la sua convinzione - per di più in televisione - che al secondo turno del 1 dicembre possa essere necessaria una "fusione" di tutti i partiti "repubblicani".

"Bando alle ipocrisie, -  ha detto testualmente Valls davanti alle telecamere - gia' la sera del primo turno bisognera' prendere in considerazione tutte le ipotesi per non far vincere il Front National".

Unica concessione di Valls al duo Hollande-Cambadèlis, è stata quella di aver minimizzato la possibile opzione della "fusione" delle liste destra-sinistra dicendo che "la questione si potrebbe porre in una, due o al massimo tre delle 13 nuove maxi-regioni metropolitane in ci si voterà".

La presa di posizione del primo ministro ha fatto salire la febbre a sinistra, gia' alta a causa degli aspri scontri sul tema del fisco, della questione del trasferimento delle dotazioni finanziarie ai Comuni e di vicende locali come l'avvio dei lavori per il contestato aeroporto a Notre-Dame-des-Landes.

"Ad ogni passo falso", confida a "Libèration" un anonimo e desolato dirigente socialista, "perdiamo elettori a pacchetti di 400", che è un'espressione come quella in italiano del "perdere i capelli a ciuffi".

Inoltre, la stampa francese condanna senza appello Valls non tanto per la miserabile posizione politica di mettere assieme gli elettorati di sinistra e dei gollisti pur di battere Marine Le Pen, posizione che è definita "suicida" sia perchè non produrrà il risultato sperato, sia perchè in un colpo solo, Marine Le Pen configgerebbe tutti, spianando la strada per diventare Presidente della Repubblica (se vincesse le regionali contro socialisti+repubblicani uniti, non avrebbe più avversari da battere) bensì perchè Marine Le Pen non è "suo padre" e il 52% dei francesi, lo dice l'ultimo sondaggio, non avrebbe nulla da obiettare, sul piano della democrazia.

Insomma, Valls ancora una volta ha fatto un drammatico errore politico tutto a vantaggio della destra di Marine Le Pen.

Redazione Milano.


TUTTI CONTRO MARINE LE PEN! IL PRIMO MINISTRO SOCIALISTA VUOLE LA ''GRANDE AMMUCCHIATA'' PER BATTERLA ALLE REGIONALI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MARINE   LE PEN   ELEZIONI   FRANCESI   REGIONALI   SOCIALISTI   SONDAGGI   HOLLANDE   VALLS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PER IL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG ''IL GOVERNO MERKEL E' SUL BARATRO'' NON SA NEMMENO QUANTI SONO I MIGRANTI ARRIVATI

PER IL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG ''IL GOVERNO MERKEL E' SUL BARATRO'' NON SA NEMMENO QUANTI
Continua

 
GUERRIGLIA A CALAIS TRA POLIZIA E 6.000 CLANDESTINI AFRICANI MENTRE LE NAZIONI UE CHIUDONO FRONTIERE (TRANNE L'ITALIA)

GUERRIGLIA A CALAIS TRA POLIZIA E 6.000 CLANDESTINI AFRICANI MENTRE LE NAZIONI UE CHIUDONO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!