47.218.483
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPECIALE GERMANIA / L'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA HA MESSO CON LE SPALLE AL MURO ANGELA MERKEL, LA CDU CROLLA, AFD AL 10%

martedì 10 novembre 2015

BERLINO - La scorsa settimana, la cancelliera Angela Merkel, il segretario della Csu, Horst Seehofer, e il segretario dell'Spd Sigmar Gabriel hanno concordato un "pacchetto di asilo", che prevede una procedura veloce per migliaia di profughi e limitazioni al ricongiungimento familiare.

Il segretario del gruppo parlamentare dell'Unione di centro-destra, la Cdu, Christian von Stetten, ha messo pero' subito in guardia dalle possibili conseguenze di una scelta sbagliata delle misure da adottare: "Se ora non agiamo in modo piu' deciso, finiremo per commettere l'errore del secolo, che non potremo piu' correggere", ha commentato l'esponente dello stesso partito della Cancelliera.

Gli ultimi sondaggi pubblicati in Germania, e riproposti dal quotidiano "Handelsblatt", danno l'idea della fondatezza dei timori espressi da von Stetten: in appena una settimana, la Cdu di Merkel ha perso l'1,5 per cento dei consensi, scivolando sotto il 34 per cento dei consensi; di contro, Alternativa per la Germania (Afd, partito euroscettico che esprime una linea di rigore in materia di immigrazione), ha guadagnato due punti percentuali, superando per la prima volta la soglia del 10 per cento.

Ma non è solo la stampa tedesca a criticare aspramente al Cancelliera tedesca.

"Da cinque anni ormai l'Europa balla al ritmo imposto da Angela Merkel, ma questa coreografia ben oliata rischia ora di rompersi sul dossier esplosivo dell'apertura ai rifugiati". E' questa la tesi con cui il quotidiano francese "Le Figaro" presenta i tre vertici internazionali che si svolgeranno nei prossimi giorni: il summit euro-africano di mercoledi' 11 novembre a La Valletta (Malta), il Consiglio europeo "straordinario" di giovedi' 12 a Bruxelles ed i vertice del G20 di domenica 14 novembre ad Antalya, in Turchia, al quale tra gli altri saranno present anche Barack Obama, Vladimir Putin e ovviamente Recep Tayyip Erdogan.

Ognuna di queste riunioni ha naturalmente la sua agenda, ma il "filo rosso" secondo il "Figaro" sara' lo stesso: di fonte al rischio di disarticolazione dell'Unione Europea a causa dell'eccezionale flusso migratorio e dalla conseguente questione del controllo delle frontiere, quanto tempo ancora la Merkel puo' tentare di mantenere la sua promesse di dare un asilo tedesco a tutti i profughi siriani?

Accusata a mezza bocca a Bruxelles di aver "esacerbato il problema" e di doversi "dare una regolata", la controversia sulla scena europea e' ancora felpata a differenza del regolamento di conti che si delinea a Berlino. Ma l'obbiettivo e' unico: "Tutti vorrebbero che la cancelliera torni in un modo o nell'altro sulla parola data ad agosto", afferma un responsabile coinvolto nella preparazione dei tre vertici citato dal quotidiano; il quale poi aggiunge che "la mancanza di sostegno europeo sul dossier immigrazione ha senza dubbio deluso la Merkel quanto le contestazioni che ne stanno affossando l'autorita' al Bundestag"; per poi concludere che "diverse capitali europee non vedrebbero di cattivo occhio se la supremazia tedesca si incrinasse".

Certo si tratta di affermazioni che il "Figaro" cita senza fornirne l'identita'; ma questa sorta di "omerta'" e' stata rotta in pubblico al piu' alto livello dal presidente del Consiglio europeo, il polacco Donald Tusk, il quale ha direttamente chiesto alla Merkel di mostrarsi piu' ferma con i rifugiati: "Come paese-motore dell'Europa, la Germania ha la responsabilita' di controllare le frontiere esterne dell'Ue anche in maniera energica se necessario" ha scritto in un intervento pubblicato sul settimanale tedesco "Welt am Sonntag".

Gli appuntamenti di questa settimana, secondo il "Figaro", rischiano insomma di portare altre cattive notizie alla Cancelliera: mentre infatti non sono certo per domani le due soluzioni di emergenza da lei proposte (la mobilitazione della Grecia per il controllo delle rotte del Mar Egeo e l'arruolamento della Guardia costiera turca al servizio dell'Europa), il premier greco Tsipras e' tentato di rendere pan per focaccia alla Germania; proprio come il presidente Erdogan e' tentato di fare con l'intera Ue. E per quais tutti gli altri, conclude il "Figaro", ora tocca alla Merkel darsi una mossa. 

Redazione Milano.


SPECIALE GERMANIA / L'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA HA MESSO CON LE SPALLE AL MURO ANGELA MERKEL, LA CDU CROLLA, AFD AL 10%


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   MERKEL   LE FIGARO   FAZ   CDU   UE CROLLO   AFD   ALTERNATIVA   VERITCE   RIFUGIATI   CLANDESTINI   MIGRANTI   FRONTIERE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua
 
ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN PARLAMENTO COME FECE FILLON)

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN

mercoledì 17 maggio 2017
Il parlamento francese potrebbe essere soprannominato il club delle mogli. Lo scandalo di François Fillon, che ha ingaggiato la sua sposa Penelope come assistente parlamentare, pagandola circa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PORTOGALLO: STA PER NASCERE UN NUOVO GOVERNO CHE SCHIANTERA' L'EURO E L'UNIONE EUROPEA (BRUXELLES NEL PANICO)

PORTOGALLO: STA PER NASCERE UN NUOVO GOVERNO CHE SCHIANTERA' L'EURO E L'UNIONE EUROPEA (BRUXELLES
Continua

 
RICORSO CONTRO DRAGHI ALLA CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA: ''HA MANIPOLATO LE FINANZE PER FAR ENTRARE L'ITALIA NELL'EURO''

RICORSO CONTRO DRAGHI ALLA CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA: ''HA MANIPOLATO LE FINANZE PER FAR ENTRARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!