43.435.026
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCONFITTO IL PARTITO DELLE TASSE - I DEMOCRATICI - IN AMERICA. UNA LEZIONE CHE IN ITALIA TUTTA LA DESTRA DEVE FARE SUA

lunedì 9 novembre 2015

WASHINGTON - La Camera dei rappresentanti statunitense attraversa un momento di grazia dopo l'approvazione con una maggioranza bipartisan di una proposta di legge che prevede l'investimento di 325 miliardi di dollari in sei anni per la manutenzione e modernizzazione della rete nazionale delle infrastrutture dei trasporti. "E' stata una grande settimana per la Camera", ha commentato il suo nuovo presidente, il repubblicano Pauk D. Ryan.

In effetti - scrive la "Washington Post" - l'approvazione della proposta di legge era in sospeso da anni, ed e' stata conseguita al termine di un processo piuttosto aperto, con la libera discussione e votazione di oltre un centinaio di emendamenti.

Eppure, secondo il quotidiano da sempre vicino al Partito Democratico, il disegno di legge "incarna la disfunzione delle istituzioni democratiche statunitensi e se possibile la aggrava pure": tradizionalmente, infatti, le infrastrutture dei trasporti sono state finanziate grazie ai proventi delle accise federali sui carburanti, secondo l'assunto che chi usufruisce delle autostrade - gli automobilisti- deve anche farsi carico della loro manutenzione.

Le accise, pero', sono ferme a 18,4 centesimi di dollaro al gallone dal 1993, e non generano piu' entrate sufficienti a garantire il mantenimento della rete autostradale del paese.

"Per ragioni politiche" scrive il Washington Post - che ovviamente sono il disprezzo per il metodo di alzare le tasse a danno dei cittadini invece di trovare soluzioni alternativa -  la maggioranza repubblicana della Camera ha sbarrato la porta a un aumento delle accise sui carburanti, peraltro in un momento di calo dei prezzi dei carburanti legato al crollo dei prezzi del petrolio.

Il provvedimento ricorre invece a "espedienti finanziari" aggiunge con livore il Washington Post interpretando evidentemente il pensiero di Obama, come la vendita una tantum di petrolio dalla Riserva strategica nazionale, il computo del calo dell'evasione fiscale e - ancor piu' discutibile - "un raid al capitale della Federal Reserve (Fed)". Tutte operazioni prefettamente lecite, sia ben chiaro, e quindi diverse dal pescare denaro dalle tasche dei cittadini.

Quanto alla Federal Reserve, di solito la Fed gira gran parte degli utili generati dal suo portafoglio d'investimenti al Tesoro, ma ne trattiene una porzione ogni anno come riserva contro eventuali perdite, che per altro trattandosi della Fed sarebbero non auspicabili. I repubblicani hanno scelto di minare questa "tradizione" conclude il Washigton Post, attingendo alle riserve della banca per 29,3 miliardi di dollari che andranno a coprire le spese del provvedimento sulle infrastrutture. 

Queste scelte che sono tutte contrarie alla linea politica dei democratici e quindi di Obama, trovano invece il pieno consenso degli americani: tutti i sondaggi realizzati al riguardo premiano la strategia dei repubblicani di "spendere i soldi dello Stato" prima di andare a prenderli ai cittadini con le tasse, e in ogni caso cercando sempre vie diverse dall'aumento della pressioen fiscale.

L'esatto contrario di quanto fa il governo "dei democratici" anche il Italia. Questa è una lezione politica che la nascente alleanza di centrodestra presentatasi sul palco di Bologna in Piazza Maggiore ieri, deve con tutte le forse fare sua: c'è sempre un modo diverso per far sì che la spesa pubblica venga a trasformarsi in un immane valanga di tasse che abbatte letteralmente i cittadini, tanto in Italia quanto ovunque nel mondo. Stati Uniti compresi. La lezione americana va studiata e imparata. Perfino a memoria.

Redazione Milano.


SCONFITTO IL PARTITO DELLE TASSE - I DEMOCRATICI - IN AMERICA. UNA LEZIONE CHE IN ITALIA TUTTA LA DESTRA DEVE FARE SUA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

OBAMA   USA   TASSE   ACCISE   FED   GOVERNO   DEMOCRATICI   REPUBBLICANI   WASHINGTON   POST   AMERICA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
 
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
 
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO BOMBA IN FRANCIA: IL 52% NON SAREBBE ''DISTURBATO'' DALLA VITTORIA DEL FRONT NATIONAL, ANZI SAREBBE CONTENTO.

SONDAGGIO BOMBA IN FRANCIA: IL 52% NON SAREBBE ''DISTURBATO'' DALLA VITTORIA DEL FRONT NATIONAL,
Continua

 
PORTOGALLO: STA PER NASCERE UN NUOVO GOVERNO CHE SCHIANTERA' L'EURO E L'UNIONE EUROPEA (BRUXELLES NEL PANICO)

PORTOGALLO: STA PER NASCERE UN NUOVO GOVERNO CHE SCHIANTERA' L'EURO E L'UNIONE EUROPEA (BRUXELLES
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!