45.237.246
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'UNGHERIA DI ORBAN A FIANCO DELLA SLOVACCHIA: COMMISSIONE UE DENUNCIATA ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

venerdì 6 novembre 2015

L'Ungheria guidata da Viktor Orban e' pronta a presentare una mozione contro il piano di distribuzione dei rifugiati della Commissione europea e appoggiare la denuncia Slovacca alla Corte di giustizia dell'Ue contro le quote profughi. Lo riporta il sito di informazione "EurActiv France".

Si tratterebbe della prima azione concreta di sostegno del governo ungherese alle posizioni espresse dalla Slovacchia contro la gestione europea della crisi dei rifugiati. Il ministero della Giustizia slovacco sta infatti preparando una denuncia contro il Consiglio Ue che presentera' alla Corte di giustizia dell'Unione europea (Cgue). Robert Fico, primo ministro della Slovacchia e un membro del Partito del socialismo europeo (Pse), aveva annunciato questa mossa gia' ad ottobre.

La decisione di distribuire i rifugiati attualmente in Italia e in Grecia, grazie all'aiuto degli altri 26 paesi dell'Unione europea, era stata presa dalla maggioranza degli Stati membri, dopo un lungo e complesso negoziato. Ma la Slovacchia si e' subito dichiarata contraria sostenendo che la decisione necessitava l'ok unanime dei paesi.

Secondo una fonte diplomatica ungherese, Budapest starebbe seriamente considerando di aggiungersi alla denuncia slovacca, o di presentarne una propria. I due paesi membri hanno tempo fino al 18 dicembre per decidere la loro linea di condotta. Il Partito del socialismo europeo ha minacciato di espellere il premier Robert Fico se andra' avanti con la sua linea di sfida all'Ue. Ma con le elezioni nazionali, che si terranno la prossima primavera in Slovacchia, il leader slovacco potrebbe scegliere di ignorare le minacce.

Budapest, intanto, continua a mostrarsi determinata: il 3 novembre il parlamento ungherese ha approvato a larga maggioranza una mozione che chiede alla Commissione europea di annullare il piano di distribuzione dei rifugiati, perche' di fatto violerebbe il principio di sussidiarieta'. Gli stati europei, sulla base del trattato di Lisbona, possono chiedere alla Commissione di rivedere le proprie decisioni solo se riescono a dimostrare che la questione potrebbe essere gestita in modo piu' efficiente.

A sostenere un tale processo devono essere i parlamentari di almeno dieci paesi, per questo motivo la mozione dell'Ungheria ha poche possibilita' di influenzare l'esecutivo europeo, tuttavia causare una profonda crepa nella Ue, questo sì. Ma per il governo di Viktor Orban si tratta comunque di una dimostrazione di forza: la risoluzione e' stata infatti approvata con 141 voti favorevoli, 27 contrari e un'astensione.

Il presidente della Slovacchia Fico, parlando delle soluzioni migratorie proposte dalla Commissione europea, recentemente ha detto: "Il meccanismo di divisione obbligatoria dei profughi, a cui da tempo la Slovacchia e i paesi del gruppo Visegrad (Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia - V4) si oppongono, si e' rivelato fallimentare secondo le nostre previsioni. La sua approvazione non ha fatto altro che aumentare il flusso. Al contrario la creazione di infrastrutture di protezione al confine tra Ungheria, Croazia e Serbia, controllate da membri di forze dell'ordine V4, ha prodotto ottimi risultati". A fine ottobre Fico aveva anche dichiarato che il paese era pronto a erigere barriere di protezione lungo i propri confini nel caso la sorveglianza di frontiera dovesse fallire.

Secondo Fico l'istituzione di tali infrastrutture sarebbe fondamentale per la soluzione dei problemi migratori. "Simili barriere sarebbero un aiuto fondamentale per i controlli volti a distinguere i migranti economici dai rifugiati politici veri e propri. La Slovacchia si e' sempre dichiarata disponibile ad offrire aiuto ai profughi politici, ma solamente a questi ultimi" ha dichiarato Fico. 

Redazione Milano.


L'UNGHERIA DI ORBAN A FIANCO DELLA SLOVACCHIA: COMMISSIONE UE DENUNCIATA ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNGHERIA   SLOVACCHIA   FICO   ORBAN   MIGRANTI   PROFUGHI   CONFINI   UE   CLANDESTINI   INVASIONE.  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE EUROPEA (VERGOGNA!)

SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE

giovedì 30 marzo 2017
Solidarieta' e unita': parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell'Ue, dove sei Paesi - Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia - nel giorno della Brexit,
Continua
 
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua
 
SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A UN PASSO DAL DEFAULT

SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A

venerdì 17 marzo 2017
Le ultime notizie sul Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo portata sull’orlo del baratro per opera di manager da sempre vicini al principale partito della sinistra
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL

venerdì 17 marzo 2017
ISTANBUL - Il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha minacciato di "far saltare in aria" l'Europa aprendo le porte della Turchia e inviando 15.000 migranti al mese nel Vecchio continente
Continua
 
LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI E' CONTRO L'UNIONE''

LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI

martedì 14 marzo 2017
PARIGI - Il tema del rifiuto sempre più vasto e profondo da parte degli italiani nei confronti della Ue è assente dalla stampa nazionale, come fosse una questione marginale.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E DISOCCUPAZIONE ALLE STELLE

HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E
Continua

 
LA CROAZIA VIRA A DESTRA: VINCE LE ELEZIONI IL FRONTE DEL CENTRODESTRA CONTRO L'INVASIONE DI MIGRANTI E L'AUSTERITA' UE

LA CROAZIA VIRA A DESTRA: VINCE LE ELEZIONI IL FRONTE DEL CENTRODESTRA CONTRO L'INVASIONE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!