61.591.992
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GERMANIA TRAVOLTA DAI MIGRANTI: 1.000.000 A DICEMBRE, 1.500.000 A FEBBRAIO 2016, 3.000.000 NEL 2017 (BAVIERA SI RIBELLA)

venerdì 6 novembre 2015

BERLINO - Dopo settimane di scontri e litigi, i vertici della Grande coalizione tedesca hanno concordato un pacchetto di misure per far fronte al massiccio afflusso di profughi e richiedenti asilo in Germania. I processi di riconoscimento di asilo politico dovranno essere velocizzati, ha dichiarato la cancelliera Angela Merkel (Cdu) al termine di un incontro con il segretario dell'Spd Sigmar Gabriel e con il segretario della Csu Horst Seehofer.

Lo strumento centrale per rispondere a questa emergenza sara' l'organizzazione di centri di accoglienza speciali per i migranti che hanno scarse probabilita' di ottenere l'asilo politico: in queste strutture il processo di valutazione delle domande di asilo dovra' durare al massimo tre settimane: un compromesso che almeno per il momento mette fine anche al dibattito sulle zone di transito richieste inizialmente dall'Unione di centro-destra al confine del paese con l'Austria.

In questi centri, una volta condotti, i "migranti" avranno solo due possibilità: vedersi riconosciuto il diritto di asilo e quindi poter uscire e seguire i vari percorsi d'accoglienza predisposti dal governo tedesco per i profughi, oppure rimanere nei centri ed essere espulsi dalla Germania verso i paesi d'origine con ponti aerei o via ferrovia, nel caso dei falsi profughi provenienti dai Balcani.

Gabriel si e' detto soddisfatto dell'accordo: "Sono contento che non si sia arrivati alle zone di transito, alle strutture extraterritoriali e alla reclusione dei richiedenti asilo", ha spiegato il vicecancelliere.

Seehofer, che e' anche governatore della Baviera. il land piu' esposto alla crisi, e' parso invece assai meno entusiasta, per usare un eufemismo.

E il forte malumore della Baviera e' condiviso anche dal "Frankfurter Allgemeine Zeitung" sul quale l'editorialista Jasper von Altenbockum ricorda gli ultimi, preoccupanti dati relativi alla crisi migratoria.

Ieri, prima del vertice di coalizione tra Merkel, Gabriel e Seehofer, sono stati resi noti "dati spaventosi", scrive la Faz: entro la fine dell'anno i profughi arrivati in Germania saranno piu' di un milione, ed entro febbraio 2016, piu' di mezzo milione di rifugiati avanzera' verso la Germania. La Commissione europea parla di 3 milioni di profughi entro il 2017. Gia' si puo' prevedere da dove arriveranno: il numero dei migranti dall'Afghanistan sta crescendo in modo repentino.

"Cosa sara' di questa marea umana - scrive von Altenbockum - e' prospettato gia' oggi dal presidente dell'Ufficio federale per la migrazione e i profughi, Frank-Juergen Weise: solo un decimo di queste persone trovera' lavoro entro cinque anni, uno su due solo tra dieci anni". Questo vuol dire che i lavoratori specializzati che mancano in Germania - piu' di mezzo milione - "dovranno essere cercati in altri Paesi". E la Germania - conclude il più autorevole dei quotidiani tedeschi - si troverà a dover gestire una marea umana senza capavità di lavoro e d'inserimento nella società. E' facile purtroppo prevedere che questo provocherà nel 2016 uno stato di enorme difficoltà per tutti, la popolazione tedesca e la massa gigantesca di profughi mediorientali. 


GERMANIA TRAVOLTA DAI MIGRANTI: 1.000.000 A DICEMBRE, 1.500.000 A FEBBRAIO 2016, 3.000.000 NEL 2017 (BAVIERA SI RIBELLA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MIGRANTI   INVASIONE   GERMANIA   ALLARME   UE   FRONTIERE   ESPULSIONI   CDU   BAVIERA   CSU   FAZ   CATASTROFE   MERKEL   CLANDESTINI   PROFUGHI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA, MA I TAGLIAGOLE ISIS

LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA,
Continua

 
HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E DISOCCUPAZIONE ALLE STELLE

HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!