57.561.544
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

311.000 SBARCATI DALLA LIBIA IN ITALIA DA GENNAIO 2014 A OGGI! OLTRE L'80% VA ESPULSO, NON SONO PROFUGHI (CATASTROFE)

giovedì 5 novembre 2015

MILANO - "Abbiamo ricevuto i dati ufficiali del Ministero degli Interni: in Italia, in meno di due anni, sono sbarcati piu' di 300.000 immigrati. Un record assoluto". Queste le parole con cui Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia ha comunicato i dati relativi agli sbarchi registrati in Italia dal 1 gennaio 2014 al 2 novembre 2015.

"Per la precisione siamo a quota 311.139, di cui 170.100 nel 2014 e 141.039 nei primi 11 mesi del 2015. Questi numeri - ha aggiunto Bordonali - certificano il totale fallimento del Governo Renzi in materia di immigrazione e di gestione del problema. Soprattutto perche' e' lo stesso Governo a dire che coloro che saranno confermati come clandestini, statisticamente la maggioranza assoluta dei richiedenti asilo, non potranno essere rimpatriati per mancanza di accordi bilaterali con i Paesi d'origine e queste persone diventeranno giocoforza manovalanza per macro e microcriminalita'".

"Tra le Regioni, in termini di accoglienza, al primo posto c'e' la Lombardia. Il nostro territorio - ha concluso Bordonali - viene accusato di scarsa collaborazione dal Governo centrale, ma, nei fatti, e' il piu' penalizzato. Al momento nelle strutture lombarde sono presenti 12.932 richiedenti asilo, il 13 percento del totale nazionale. Altre Regioni tanto buone e accoglienti a parole, nei fatti ne ospitano meno della meta'. Queste persone costano ai Lombardi 452.620 euro al giorno, il che significa 14 milioni di euro al mese e 165 milioni all'anno".

"Attendiamo che il premier Matteo Renzi venga sul territorio lombardo - ha concluso l'assessore - per annunciare che investira' la stessa cifra per consentire ai Comuni e alla Regione di mettere in sicurezza il territorio e proteggere le persone da frane e alluvioni".

C'è da osservare  - inoltre - che a fronte di più di 311.000 persone sbarcate in Italia con i barconi provenienti dalla Libia, gli aventi diritto allo status di rifugiato e quindi con la concreta possibilità di ottenere asilo nell'Unione Europa della quale l'Italia fa parte, non superano il 20% - ed è una stima molto larga - di tutti gli arrivati sul suolo nazionale. Prova ne è - ad esempio - l'assenza quasi totale di profughi (solo 3) tra gli ospitati a Cara Mineo, a Catania, che risulta essere anche il più grande centro d'accoglienza italiano, con molte migliaia di presenti. 

Senza voler prendere il caso Cara Mineo come dato statistico complessivo, rimane però del tutto chiaro che di 311.000 arrivati, non meno di 250.000 dovranno essere espulsi. Da qui, anche la frenata imposta dal ministro dell'Interno Alfano alla realizzazione dei cosiddetti "hot spot" decisi in sede Ue. Infatti, una volta allestiti, avrebbero il compito di selezionare chi ha diritto all'asilo, facilitandone l'ottenimento, da chi va rimpatriato, che dovrebbe rimanere in custodia negli stessi "hot spot". E' evidente che tali stutture dovrebbero quindi essere allestite per contenere decine di migliaia di persone, numeri alla mano quasi 5 volte l'attuale popolazione carceraia italiana.

Ecco perchè è un vero fallimento la politica "migratoria" del governo Renzi. Ed ecco perchè è irrealizzabile quanto la Ue vorrebbe che l'Italia facesse. Queata è una catastrofe. Punto e basta.

Redazione Milano.


311.000 SBARCATI DALLA LIBIA IN ITALIA DA GENNAIO 2014 A OGGI! OLTRE L'80% VA ESPULSO, NON SONO PROFUGHI (CATASTROFE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REGIONE   LOMBARDIA   PROFUGHI   MIGRANTI   MINISTERO   INTERNO   ALFANO   LIBIA BARCONI   HOT SPOT   RENZI   GOVERNO   BORDONALI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
 
SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E'
Continua
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua
IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di
Continua
 
SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,

martedì 13 febbraio 2018
LONDRA - La domanda è molto semplice: qual e' il paese europeo che viola piu' norme comunitarie? Molti diranno che e' l'Italia e cosi facendo commetterebbero un colossale
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BANCA MARCHE - A UN PASSO DAL FALLIMENTO - MAGGIOR DISASTRO BANCARIO DA CALVI E SINDONA (CORRENTISTI PERDERANNO TUTTO)

BANCA MARCHE - A UN PASSO DAL FALLIMENTO - MAGGIOR DISASTRO BANCARIO DA CALVI E SINDONA
Continua

 
LUCA ZAIA: ''IL GOVERNO GESTISCE I MIGRANTI CON LA STRATEGIA DEI GHETTI, VERI BUBBONI DI CRIMINALITA' E DEGRADO. BASTA!''

LUCA ZAIA: ''IL GOVERNO GESTISCE I MIGRANTI CON LA STRATEGIA DEI GHETTI, VERI BUBBONI DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!