50.693.312
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA, MA I TAGLIAGOLE ISIS

giovedì 5 novembre 2015

Dopo aver dedicato per oltre un anno tutta la sua attenzione e le sue energie alla inesistente "minaccia russa" in risposta alla crisi ucraina, la Nato ammette oggi di non poter piu' ignorare le vere minacce provenienti dall'area del Mediterraneo.

"L'instabilita' e i rischi del fronte meridionale sono gia' molto vicini ai confini della Nato", ha riconosciuto ieri a Saragozza il suo segretario generale, il norvegese Jens Stoltenberg, ma la notizia pur rilevante non ha interessato i mezzi di informazione italiani. Tant'è che non è stata data.

In ogni caso, rimanendo alla Nato, l'Alleanza Atlantica conclude proprio oggi in Spagna, Italia e Portogallo la sua piu' grande esercitazione militare in un decennio, e se da un lato accelera i suoi piani per la sorveglianza aerea nel Mediterraneo, dall'altro il conflitto siriano e il caos libico costituiscono un fattore di preoccupazione sempre piu' importante nei piani dell'Alleanza. C'è da aggiungere: finalmente.

Le esercitazioni Trident Juncture 2015 sono iniziate lo scorso 3 ottobre. Con 36 mila soldati provenienti da 30 paesi, 140 aerei e 60 navi, quella che si conclude oggi e' stata la piu' grande manovra di addestramento condotta dalla Nato negli ultimi dieci anni.

L'instabilita' diffusa in Nordafrica e il Medio Oriente - dopo la primavera araba, la guerra civile in Siria, il radicamento di Al Qaeda in Mali e la comparsa dello Stato islamico (Isis) in Libia - dimostra che i rischi al sud sono molto gravi e certamente meno prevedibili di quelli che interessano il versante orientale, dove per altro la guerra civile in Ucraina sembra terminata dopo gli accordi di Minsk.

Per questo la vigilanza ai confini sud dell'area Nato sara' rafforzata tramite il programma Ags (Alliance Ground Surveillance), un progetto che sconta due anni di ritardo a causa non tanto del suo costo elevato, ma per evidenti ragioni politiche.

Comunque, la Nato ora si è "svegliata" e vuole dare una spinta definitiva con il dispiegamento di cinque droni Global Hawk nella base italiana di Sigonella. Il programma sara', secondo le parole di Stoltenberg, "un elemento chiave per proteggere il sud" da potenziali minacce terroristiche dal Medio Oriente e dal Nord Africa.

Trident Juncture ha messo alla prova la capacita' dei paesi Nato di adattarsi a uno scenario mutevole e ad una vasta gamma di minacce. Lo scenario delineato dalle manovre condotte nei giorni scorsi, ha spiegato Stoltenberg, "non e' del tutto reale, ma i benefici offerti sotto forma di esperienze e preparazione sono molto importanti". Importante e' anche il messaggio che l'organizzazione vuole inviare ai potenziali nemici, siano essi Mosca o l'Isis: "La Nato e' pronta a difendere qualsiasi alleato da qualsiasi minaccia", ha affermato il segretario generale.

Che nel linguaggio di Stoltenberg sta a significare che l'Isis è entrato nel mirino.

Redazione Milano


LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA, MA I TAGLIAGOLE ISIS


Cerca tra gli articoli che parlano di:

NATO   USA   MINACCIA   RUSSIA   ISIS   STOLTENBERG   MOSCA   MINSK   SPAGNA   ITALIA   PORTOGALLO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA ORA HA PAURA DEL BREXIT: SE IL REGNO UNITO LASCIA LA UE, EFFETTO DOMINO E IN PIU' LA LE PEN SARA' PRESIDENTE

LA GERMANIA ORA HA PAURA DEL BREXIT: SE IL REGNO UNITO LASCIA LA UE, EFFETTO DOMINO E IN PIU' LA LE
Continua

 
GERMANIA TRAVOLTA DAI MIGRANTI: 1.000.000 A DICEMBRE, 1.500.000 A FEBBRAIO 2016, 3.000.000 NEL 2017 (BAVIERA SI RIBELLA)

GERMANIA TRAVOLTA DAI MIGRANTI: 1.000.000 A DICEMBRE, 1.500.000 A FEBBRAIO 2016, 3.000.000 NEL 2017
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!