45.138.766
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA ORA HA PAURA DEL BREXIT: SE IL REGNO UNITO LASCIA LA UE, EFFETTO DOMINO E IN PIU' LA LE PEN SARA' PRESIDENTE

giovedì 5 novembre 2015

BERLINO - "Stay in" - restate dentro (la Ue). E' con questo appello rivolto al Regno Unito, che questa settimana il presidente di Bdi, la Confindustria tedesca,  Ulrich Grillo ha espresso l'auspicio del mondo economico della Germania e del governo di Berlino che Londra non lasci l'Unione Europea.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha gia' costruito un ponte verso i "volubili britannici", scrive l'editoriale del quotidiano tedesco "Handelsblatt": in Europa non puo' esserci solo una velocita', ha ammesso la Cancelliera, accogliendo cosi' una delle principali istanze avanzate da Londra nell'ambito dei negoziati per la riforma dell'Ue.

E sono in molti in Germania a chiedersi perche' Angela Merkel si stia impegnando tanto per evitare la concretizzazione dello scenario di una Brexit.

Secondo l'editoriale, Berlino e' consapevole che il Regno Unito e' una forza motrice insostituibile per lo sviluppo del mercato interno europeo, da cui trae profitto soprattutto la Germania.

Ma non basta. La Merkel e' soprattutto consapevole che l'Europa necessita dei britannici liberali come contrappeso allo statalismo della Francia e piu' in generale dell'intera Europa continentale.

Infine, la Gran Bretagna e' indispensabile per una politica di sicurezza europea comune, anche se questa settimana il premier britannico David Cameron ha rinunciato a chiedere l'autorizzazione del Parlamento ad effettuare attacchi aerei contro lo Stato Islamico in territorio siriano.

Nonostante tutti questi interessi comuni, la vittoria degli europeisti al referendum che si terra' a fine 2017 "e' tutt'altro che scontata": nei sondaggi effettuati lo scorso settembre, infatti, per la prima volta la maggioranza dei cittadini britannici si e' espressa a favore della Brexit, scrive l'Handelsblatt.

La conclusione lasciata intuire ai lettori del giornale è che se la Gran Bretagna davvero lascerà la Ue, da quel giorno l'Unione europea non esisterà più. Infatti, il Brexit innescherà il temutissimo - da Bruxelles - effetto domino, per il quale trovata la strada per uscire dalla (gabbia) Ue molti altri stati la percorreranno, ad iniziare dal blocco dei ribelli alle (folli) politiche migratorie volute dalla Germania e imposte all'intera Ue. 

Tra l'altro, il referendum britannico - che dovrà essere tenuto nella primavera del 2017, se il prenier Cameron non deciderà d'anticiparlo - coinciderebbe con le presidenziali in Francia, alle quali Marine Le Pen come minimo arriverà al ballottaggio finale. E' evidente che il Brexit darà un forte impulso alla sua campagna elettorale portandola alla conquista dell'Eliseo.

Questa senza dubbio è la conseguenza più temuta dalla Germania e specialmente da Angela Merkel, fa capire il grande quotidiano tedesco.

Redazione Milano


LA GERMANIA ORA HA PAURA DEL BREXIT: SE IL REGNO UNITO LASCIA LA UE, EFFETTO DOMINO E IN PIU' LA LE PEN SARA' PRESIDENTE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CINA MALATO GRAVE, DATI ECONOMICI TRUCCATI: PIL STAGNANTE, CONSUMI ED EXPORT CROLLATI, FUTURO DA INCUBO PER UE E ASIA.

CINA MALATO GRAVE, DATI ECONOMICI TRUCCATI: PIL STAGNANTE, CONSUMI ED EXPORT CROLLATI, FUTURO DA
Continua

 
LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA, MA I TAGLIAGOLE ISIS

LA NATO SI ACCORGE FINALMENTE CHE NON E' LA RUSSIA, LA MINACCIA AI PAESI DELL'ALLEANZA ATLANTICA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!