49.937.004
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'UNGHERIA HA BLOCCATO L'INVASIONE DI MIGRANTI, ADESSO E' LA SLOVENIA CHE STA PER ESPLODERE: CAOS, INCENDI E SCONTRI

mercoledì 21 ottobre 2015

LONDRA - La decisione del governo ungherese di costruire un muro per fermare l'afflusso di immigrati ha scatenato le ire della UE e di tanti sinistri i quali non hanno perso tempo per accusare l'esecutivo ungherese di razzismo e miopia. E ovviamente di xenofobia.

I fatti pero' dimostrano che questa decisione e' stata giusta e lungimirante.

Infatti, da quando Budapest ha chiuso anche il confine con la Croazia, dopo aver già recintato quello con la Serbia, si è registrato il minor numero di arrivi in Ungheria da più di un anno, appena 41 persone. Cifra risibile se si pensa che ormai da diversi mesi ogni giorno in Ungheria entravano fra le 4.000 e le 10.000 persone, portando il numero dei migranti totali, almeno la metà senza alcun diritto d'asilo essendo migranti economici e non profughi di guerra, per il 2015 a più di 300.000. 

Sfortunatamente pero' con la chiusura del confine il problema si è solamente spostato di qualche chilometro visto che ora è la Slovenia a subire la pressione migratoria devastante, fino al punto che migliaia di persone sono state bloccate al confine con la Croazia. Il governo di Ljubljana ha fatto sapere di non essere disponibile a fare entrare i migranti sul proprio territorio se l’Austria non garantirà la loro accoglienza. 

E la situazione in Slovenia è precipitata. Nel campo di accoglienza a Brezice i migranti, insoddisfatti della lunga attesa per il trasferimento verso l'Austria, hanno dato fuoco a 27 delle 50 tende allestite per il loro ricovero. Il flusso a Sentilj e Gornja Radgona, gli unici due valichi che l'Austria tiene aperti con la Slovenia, ha raggiunto livelli preoccupanti e nel primo pomeriggio di oggi un gruppo di circa mille ha sfondato il cordone della polizia slovena per dirigersi in modo incontrollato in Austria. Questi si sono uniti a un gruppo giunto stamane e ora, stando ai media, hanno formato una colonna di circa cinquemila persone che a piedi e senza scorta si sta dirigendo verso Graz. 

Se non è un disastro, questo, cosa sarebbe allora un disastro?

Non c'e' che dire, l'esperienza ungherese dimostra invece che costruire muri e chiudere i confini rappresentano modi efficaci per fermare l'afflusso di immigrati e chi non lo capisce come il governo sloveno e quello italiano che si ostinano a far entrare chiunque, incuranti delle conseguenze, sta gettando i rispettivi paesi nel caos.

Ovviamente i grandi mezzi di informazione italici hanno censurato queste notizie perche' vogliono tenere il popolo nell'ignoranza, ma ancora una volta noi non ci stiamo e pubblichiamo fatti che stanno accadendo esattamente mentre state leggendo questo articolo.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


L'UNGHERIA HA BLOCCATO L'INVASIONE DI MIGRANTI, ADESSO E' LA SLOVENIA CHE STA PER ESPLODERE: CAOS, INCENDI E SCONTRI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNGHERIA   MURO   FRONTIERA   CROAZIA   SLOVENIA   ORDE   CLANDESTINI   MIGRANTI   UE   BUDAPEST   AUSTRIA   GRAZ    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
 
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)

IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)

 
DOMENICA POLONIA AL VOTO: LA DESTRA ''NO ISLAM NO IMMIGRATI'' SI PREPARA AL TRIONFO NELLE URNE E BRUXELLES TREMA

DOMENICA POLONIA AL VOTO: LA DESTRA ''NO ISLAM NO IMMIGRATI'' SI PREPARA AL TRIONFO NELLE URNE E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!