48.337.711
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DICHIARAZIONE BOMBA DI SCHAEUBLE: ''QUINDICI PAESI SU DICIOTTO DELL'EUROZONA VOGLIONO IL GREXIT, NON SOLO NOI TEDESCHI''

mercoledì 21 ottobre 2015

BERLINO - Lo scontro sul futuro della Grecia all'interno dell'eurozona risale a quasi tre mesi fa: all'inizio di luglio il governo greco ha accettato le condizioni avanzate dai creditori europei per la concessione di nuovi prestiti, e il paese e' rimasto all'interno dell'unione monetaria prima di recarsi alle urne, riconfermando Alexis Tsipras alla guida del governo. E la Grecia è rimasta nell'area dell'euro.

Tutto risolto, quindi? Neanche per idea.

Durante una trasmissione televisiva mandata in onda ieri sera dal canale franco-tedesco Arte, il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble e' tornato a chiedere l'uscita "temporanea" di Atene dal club dalla moneta unica, svelando anche un retroscena shock.

Secondo il ministro del governo Merkel, non ci sarebbe stato "alcun diktat tedesco", e lo stesso Schaeuble non sarebbe mai stato isolato dall'eurogruppo per le sue posizioni in merito alla crisi del debito greco: "L'opinione che per i greci sarebbe meglio uscire dall'euro per un determinato tempo - la cui durata però è indefinita - e' condivisa da 15 ministri dell'eurozona su 18,  Grecia esclusa ovviamente" ha affermato il falco tedesco, secondo cui "solo il ministro francese, quello italiano e quello cipriota sono di parere contrario.

"Questa e' la verita', tutto il resto e' propaganda", ha tuonato Schaeuble, rivolgendosi indirettamente al collega francese Michel Sapin che all'inizio di agosto aveva criticato duramente la posizione del ministro tedesco.

Sapin aveva detto: "Per quanto riguarda la Grexit, mi trovo in netto disaccordo con Wolfgang Schaeuble: Schaeuble sbaglia sulla questione Grexit e alcuni di noi vedono la sua come una presa di posizione testarda, quando invece servono proposte concrete". E affinchè le sue parole non fossero disperse nel chiacchiericcio televisivo, il ministro francese lo aveva dichiarato al quotidiano "Handelsblatt".

Sempre ad agosto, Schaeuble non aveva risposto alle dichiarazioni di Sapin. Il ministro tedesco ha voluto aspettare qualche mese, quindi, per riaprire lo spinoso dibattito sulla "Grexit" e averlo fatto in questo modo, mostrando quanto sia ampio il fronte interno al "club dell'euro" favorevole alla cacciata della Grecia, sta a significare che per Atene la permanenza nella valuta unica europea potrebbe terminare nel volgere di pochi mesi. Forse, settimane.

Di sicuro, Schaeuble non intende cambiare idea e l'uscita allo scoperto di ieri sera segnala che dietro di lui, silenziosi, stanno tutti gli altri Paesi dell'euro, salvo la Francia già ai ferri corti con la Ue per la questione del rapporto debito-Pil ben oltre il limite del 3% e l'Italia, il cui debito, invece, ha dimensioni esplosive. Quanto a Cipro, meglio non dimenticare che neppure due anni fa fece bancarotta.

Redazione Milano.


DICHIARAZIONE BOMBA DI SCHAEUBLE: ''QUINDICI PAESI SU DICIOTTO DELL'EUROZONA VOGLIONO IL GREXIT, NON SOLO NOI TEDESCHI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GREXIT   GERMANIA   SCHAEUBLE   UE   EURO   EUROZONA   MERKEL   ITALIA   CIPRO   ATENE   TSIPRAS   SAPIN   FRANCIA   BANCAROTTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN ITALIA NON E NE SA NIENTE, MA IL GOVERNO RENZI APPOGGIA CAMERON IN DIFESA DEGLI STATI UE CHE NON VOGLIONO L'EURO.

IN ITALIA NON E NE SA NIENTE, MA IL GOVERNO RENZI APPOGGIA CAMERON IN DIFESA DEGLI STATI UE CHE NON
Continua

 
IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)

IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!