55.059.749
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTA EUROPA PRONTA ALLA RIBELLIONE ALLA UE: GRAN BRETAGNA, DANIMARCA, POLONIA, AUSTRIA E FRANCIA

giovedì 15 ottobre 2015

LONDRA - In una vecchia barzelletta, degna dello humor britannico, un cliente al ristorante si lamenta perche' nella sua minestra c'e' una mosca e il cameriere gli risponde di abbassare la voce, altrimenti tutti vorranno il piatto cambiato.

Ebbene, il referendum sull'appartenenza del Regno Unito all'Unione Europea, promesso dal primo ministro, David Cameron, e', secondo il quotidiano del Regno Unito "The Telegraph", come una mosca nella minestra.

L'Ue e' abituata alle sfide referendarie: una decina di anni fa, la Francia, i Paesi Bassi e l'Irlanda bocciarono la Costituzione e i trattati di Lisbona, ed entrambi finirono - fortunatamente - nel dimenticatoio. Di Costituzione Ue non s'è più sentito parlare.

Tuttavia, non e' ancora mai stata sottoposta al voto la permanenza di una Stato membro nella stessa Unione Euroepa. A Bruxelles ormai si parla del rischio di contagio: fonti diplomatiche temono che la richiesta di riforme della Gran Bretagna possa scatenarne altre.

In Danimarca, dove una coalizione di partiti di destra ha vinto le elezioni dopo una dichiarazione congiunta a sostegno della rinegoziazione di Cameron, un referendum previsto a dicembre sui nuovi accordi sulla giustizia minaccia di trasformarsi in un verdetto sull'appartenenza all'Ue.

In Olanda i blogger hanno raccolto le 300 mila firme necessarie per chiedere un voto su un accordo di associazione tra l'Ue e l'Ucraina; Geert Wilders, leader del Partito della Liberta', anti-Islam e anti-Ue, e' in testa ai sondaggi; Thierry Baudet, capo dell'istituto Forum of Democracy, sta conducendo una campagna per un'inchiesta parlamentare sul modo in cui l'Aia ha aderito all'euro.

In Polonia il partito Diritto e giustizia, dato per favorito per le prossime elezioni, ha promesso di sottoporre l'adesione alla moneta unica a un voto referendario.

In Finlandia c'e' chi chiede un referendum per abbandonare l'euro prima della prossima crisi.

In Austria il Partito della liberta', anti-immigrazione, che si sta facendo strada nelle elezioni regionali, e' per un referendum "dentro-fuori".

Infine, la Francia: tutti gli occhi sono puntati sulle elezioni presidenziali del 2017; potrebbe arrivare al ballottaggio il Fronte nazionale di Marine Le Pen, che, dopo tanto parlare di "Grexit" e "Brexit", ha avanzato l'ipotesi "Frexit".

Mai come adesso la Ue non gode di buona salute, osserva il Telegraph, e il paradosso del referendum inglese sta nel fatto che, indipendentemente dal risultato, darà la stura a una serie di altre rivendicazioni per portare a "livello britannico" l'autonomia degli stati, specialmente del nord Europa.

E' del tutto evidente, conclude il Telegraph, che l'Unione europea abbia davanti un futuro incerto con la possibilità di rapide trasformazioni verso una confederazione di stati sempre più autonomi l'un l'altro. Resta solo l'euro, come collante, sottolinea il giornale, ma è un collante dannoso anch'esso.

Redazione Milano.


TUTTA EUROPA PRONTA ALLA RIBELLIONE ALLA UE: GRAN BRETAGNA, DANIMARCA, POLONIA, AUSTRIA E FRANCIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TELEGRAPH   LONDRA   BREXIT   FREXIT   FRANCIA   DANIMARCA   OLANDA   POLONIA   REFERENDUM   BRUXELLES   CAMERON   AUSTRIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
I TEDESCHI NON NE POSSONO PIU' DI ''MIGRANTI'': PER IL 56% SONO GIA' TROPPI QUELLI ARRIVATI. SOLO 19% NE VORREBBE ANCORA

I TEDESCHI NON NE POSSONO PIU' DI ''MIGRANTI'': PER IL 56% SONO GIA' TROPPI QUELLI ARRIVATI. SOLO
Continua

 
ANGELA MERKEL NEL MIRINO: SI ALLARGA LA RIBELLIONE DENTRO IL SUO PARTITO CDU E IN QUELLO ALLEATO, LA CSU. DIMISSIONI?

ANGELA MERKEL NEL MIRINO: SI ALLARGA LA RIBELLIONE DENTRO IL SUO PARTITO CDU E IN QUELLO ALLEATO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!