44.156.814
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GERMANIA ABOLISCE SCHENGEN E LA CDU DELLA MERKEL VUOLE ''IDENTIFICARE'' I MIGRANTI PRIMA CHE VARCHINO I CONFINI TEDESCHI

martedì 13 ottobre 2015

BERLINO - La Germania ha deciso di prorogare le misure straordinarie di controllo e presidio dei confini nazionali fino all'inizio di novembre: lo hanno riferito ieri il ministro dell'Interno tedesco Thomas de Maizière (Cdu) e il commissario europei agli Affari Interni Dimitris Avramopoulos. Di fatto, il Trattadi Schengen non esiste più.

De Maizière intende prolungare di altri 20 giorni, e cioe' fino al 1 novembre, i controlli introdotti a meta' settembre per tentare di arginare "l'ininterrotto afflusso di migranti dai paesi terzi".

Intanto a Berlino si intensifica lo scontro politico sull'ipotesi di istituire centri di identificazione per l'espulsione ai confini del paese: una parte della Cdu della cancelliera Angela Merkel chiede infatti la realizzazione di centri lungo i confini del paese dove i migranti economici e i profughi senza documenti possano essere respinti dalla Germania prima ancora di entrare nel territorio del paese.

Ma il progetto di creare delle "zone di transizione" ha incontrato la dura opposizione dell'Spd. Dopo un iniziale tentennamento, infatti, ieri i Socialdemocratici hanno respinto fermamente la proposta di verificare lo "status" di ogni profugo direttamente alle frontiere, trattenendo in apposite strutture i migranti che non hanno diritto all'asilo in vista dell'espulsione.

Il ministro della Giustizia Heiko Maas (Spd) ha dichiarato che spostando queste procedure di transito ai confini del paese non si farebbe che creare "accampamenti di massa in una terra di nessuno".

Il capo della Cancelleria Peter Altmaier (Cdu) e il governatore della Baviera Horst Seehofer (Csu) vedono invece in questa proposta una risposta al soverchiante numero dei richiedenti asilo che ha ormai messo in crisi i meccanismi di accoglienza predisposti in terra bavarese.

Secondo Seehofer, i partiti dell'Unione di centro-destra sarebbero uniti nella richiesta di queste zone di transizione, anche se la cancelliera tedesca, Angela Merkel, non si e' ancora espressa con chiarezza in proposito.

"Era scontato che l'Spd si sarebbe detta contraria alla creazione di 'aree di transizione' lungo i confini tedeschi per arginare il flusso di migranti", commenta l'editorialista Jasper von Altenbockum sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung". Il veto dell'Spd e l'opposizione dei Verdi al Bundesrat (la Camera dei Lander, ndr) - scrive il giornalista - hanno costretto il governo a rimuovere i relativi passaggi all'interno della bozza sul "nuovo diritto di asilo", che dovra' essere approvata questa settimana alle due Camere del Parlamento e prevede un drastico ridimensionamento dei benefit e delle politiche sociali a favore di profughi e rifugiati nel tentativo di disincentivare il loro arrivo nel paese.

Secondo von Altenbockum, pero', l'opposizione e la titubanza di una parte della maggioranza della cancelliera Merkel non potranno arginare all'infinito l'adozione di misure di ulteriore irrigidimento dei controlli ai confini. E certamente, questo terreno di scontro potrebbe produrre fratture insanabili all'interno della maggioranza che sorregge la Cancelliera Merkel, fino alle estreme conseguenze di elezioni anticipate nel 2016.

Redazione Milano.


GERMANIA ABOLISCE SCHENGEN E LA CDU DELLA MERKEL VUOLE ''IDENTIFICARE'' I MIGRANTI PRIMA CHE VARCHINO I CONFINI TEDESCHI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   MERKEL   SCHENGEN   CONFINI   CONTROLLI   MIGRANTI   PROFUGHI   CDU   CSU   BERLINO   BAVIERA   UE   SPD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE UE BOCCIA LA SPAGNA, MA SCARICA SUL NUOVO GOVERNO (DOPO LE ELEZIONI) IL COMPITO D'IMPORRE 10MLD DI TASSE

LA COMMISSIONE UE BOCCIA LA SPAGNA, MA SCARICA SUL NUOVO GOVERNO (DOPO LE ELEZIONI) IL COMPITO
Continua

 
CLAMOROSA PROTESTA DELLA POLIZIA FRANCESE: TUTTI IN PIAZZA CONTRO I GIUDICI DI SINISTRA E IL GOVERNO SOCIALISTA

CLAMOROSA PROTESTA DELLA POLIZIA FRANCESE: TUTTI IN PIAZZA CONTRO I GIUDICI DI SINISTRA E IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!