59.765.423
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GERMANIA ABOLISCE SCHENGEN E LA CDU DELLA MERKEL VUOLE ''IDENTIFICARE'' I MIGRANTI PRIMA CHE VARCHINO I CONFINI TEDESCHI

martedì 13 ottobre 2015

BERLINO - La Germania ha deciso di prorogare le misure straordinarie di controllo e presidio dei confini nazionali fino all'inizio di novembre: lo hanno riferito ieri il ministro dell'Interno tedesco Thomas de Maizière (Cdu) e il commissario europei agli Affari Interni Dimitris Avramopoulos. Di fatto, il Trattadi Schengen non esiste più.

De Maizière intende prolungare di altri 20 giorni, e cioe' fino al 1 novembre, i controlli introdotti a meta' settembre per tentare di arginare "l'ininterrotto afflusso di migranti dai paesi terzi".

Intanto a Berlino si intensifica lo scontro politico sull'ipotesi di istituire centri di identificazione per l'espulsione ai confini del paese: una parte della Cdu della cancelliera Angela Merkel chiede infatti la realizzazione di centri lungo i confini del paese dove i migranti economici e i profughi senza documenti possano essere respinti dalla Germania prima ancora di entrare nel territorio del paese.

Ma il progetto di creare delle "zone di transizione" ha incontrato la dura opposizione dell'Spd. Dopo un iniziale tentennamento, infatti, ieri i Socialdemocratici hanno respinto fermamente la proposta di verificare lo "status" di ogni profugo direttamente alle frontiere, trattenendo in apposite strutture i migranti che non hanno diritto all'asilo in vista dell'espulsione.

Il ministro della Giustizia Heiko Maas (Spd) ha dichiarato che spostando queste procedure di transito ai confini del paese non si farebbe che creare "accampamenti di massa in una terra di nessuno".

Il capo della Cancelleria Peter Altmaier (Cdu) e il governatore della Baviera Horst Seehofer (Csu) vedono invece in questa proposta una risposta al soverchiante numero dei richiedenti asilo che ha ormai messo in crisi i meccanismi di accoglienza predisposti in terra bavarese.

Secondo Seehofer, i partiti dell'Unione di centro-destra sarebbero uniti nella richiesta di queste zone di transizione, anche se la cancelliera tedesca, Angela Merkel, non si e' ancora espressa con chiarezza in proposito.

"Era scontato che l'Spd si sarebbe detta contraria alla creazione di 'aree di transizione' lungo i confini tedeschi per arginare il flusso di migranti", commenta l'editorialista Jasper von Altenbockum sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung". Il veto dell'Spd e l'opposizione dei Verdi al Bundesrat (la Camera dei Lander, ndr) - scrive il giornalista - hanno costretto il governo a rimuovere i relativi passaggi all'interno della bozza sul "nuovo diritto di asilo", che dovra' essere approvata questa settimana alle due Camere del Parlamento e prevede un drastico ridimensionamento dei benefit e delle politiche sociali a favore di profughi e rifugiati nel tentativo di disincentivare il loro arrivo nel paese.

Secondo von Altenbockum, pero', l'opposizione e la titubanza di una parte della maggioranza della cancelliera Merkel non potranno arginare all'infinito l'adozione di misure di ulteriore irrigidimento dei controlli ai confini. E certamente, questo terreno di scontro potrebbe produrre fratture insanabili all'interno della maggioranza che sorregge la Cancelliera Merkel, fino alle estreme conseguenze di elezioni anticipate nel 2016.

Redazione Milano.


GERMANIA ABOLISCE SCHENGEN E LA CDU DELLA MERKEL VUOLE ''IDENTIFICARE'' I MIGRANTI PRIMA CHE VARCHINO I CONFINI TEDESCHI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   MERKEL   SCHENGEN   CONFINI   CONTROLLI   MIGRANTI   PROFUGHI   CDU   CSU   BERLINO   BAVIERA   UE   SPD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE UE BOCCIA LA SPAGNA, MA SCARICA SUL NUOVO GOVERNO (DOPO LE ELEZIONI) IL COMPITO D'IMPORRE 10MLD DI TASSE

LA COMMISSIONE UE BOCCIA LA SPAGNA, MA SCARICA SUL NUOVO GOVERNO (DOPO LE ELEZIONI) IL COMPITO
Continua

 
CLAMOROSA PROTESTA DELLA POLIZIA FRANCESE: TUTTI IN PIAZZA CONTRO I GIUDICI DI SINISTRA E IL GOVERNO SOCIALISTA

CLAMOROSA PROTESTA DELLA POLIZIA FRANCESE: TUTTI IN PIAZZA CONTRO I GIUDICI DI SINISTRA E IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!