45.102.750
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SONDAGGI MORTALI PER HOLLANDE-SARKOZY: 70% DEI FRANCESI NON VUOLE NESSUNO DEI DUE PRESIDENTE: E' L'ORA DI MARINE LE PEN!

venerdì 9 ottobre 2015

PARIGI - Il presidente socialista francese Francois Hollande e l'ex presidente Nicolas Sarkozy che ora guida il partito dell'opposizione di centrodestra, I Repubblicani (ex Ump), da ormai quasi un anno hanno ingaggiato un braccio di ferro a distanza; e sognano di ritrovarsi nel 2017, per utilizzarsi a vicenda come uno spauracchio: ma ad appena un anno e mezzo dalla scadenza presidenziale, nessuno dei due riesce a suscitare reazioni positive nell'opinione pubblica.

Anzi, e' come se i francesi non volessero affatto vedere questo match di ritorno (erano gli sfidanti alle presidenziali del 2012 vinte da Hollande). E l'ultimo sondaggio elaborato dalla societa' di rilevazione Elabe per il quotidiano "Les Echos" e per "Radio Classique" suona a questo riguardo come una severa messa in guardia.

Il livello di "fiducia" nei confronti dell'attuale capo di Stato, zavorrato dall'assenza di risultati tangibili in materia economica e sociale, si attesta ad appena il 22 per cento, cioe' al livello piu' basso registrato nel 2015, con un 78 per cento dei cittadini di Francia che lo giudica negativamente.

A nulla sono valse le molteplici apparizioni mediatiche e sul territorio; ne' gli ha ridato ossigeno l'annuncio dei bombardamenti in Siria: "Nulla sembra poter invertire la sua cronica impopolarita'" commenta il presidente di Elabe, Bernard Sananès.

Ma da questa impopolarita' non sembra trarre vantaggio il rivale di destracentro Sarkozy: solo il 26 per cento degli intervistati ha di lui un'impressione "positiva". Mentre un massiccio 74 per cento dei francesi ne ha un'opinione negativa.

Anche se i due dovessero ottenere l'investitura dai rispettivi campi per le elezioni del 2017, avrebbero torno a minimizzare l'ampiezza delle reazioni di rigetto che entrambi suscitano: il 44 per cento dei francesi non ha "nessuna fiducia" in Hollande; mentre il 43 per cento ha una immagine "assai negativa" del leader dei Repubblicani, Sarkozy.

Il gioco degli specchi in negativo tra i campioni della sinistra governativa e della destra tradizionale non finisce qui; ma e' aggravato, conclude "Les Echos", dal fatto che sulla contesa Hollande-Sarkozy incombe la figura della leader del Front national. Marine Le Pen raccoglie il 26 per cento delle opinioni positive, ma rappresenta tendenze e pulsioni che vanno aldila' del gradimento nei confronti della sua persona e della sua figura, portandola ad essere - oggi - il leader più popolare e apprezzato di Francia, con una proiezione di voti, all'atto delle presidenziali, che la colloca ampiamente davanti sia ad Hollande, sia a Sarkozy.

Redazione Milano


SONDAGGI MORTALI PER HOLLANDE-SARKOZY: 70% DEI FRANCESI NON VUOLE NESSUNO DEI DUE PRESIDENTE: E' L'ORA DI MARINE LE PEN!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SONDAGGIO   FRANCIA   PRESIDENZIALI   HOLLANDE   SARKOZY   MARINE   LE PEN   LES   ECHOS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PUGNO DI FERRO RUSSO CONTRO L'ISIS. LANCIATI ANCHE MISSILI ''DA CROCIERA'' DAL MAR CASPIO, A 1.500 CHILOMETRI DALLA SIRIA

PUGNO DI FERRO RUSSO CONTRO L'ISIS. LANCIATI ANCHE MISSILI ''DA CROCIERA'' DAL MAR CASPIO, A 1.500
Continua

 
LA BAVIERA SI RIBELLA AI MIGRANTI: FERMANO I TRENI, SCAPPANO, SCONTRI NEI CENTRI ACCOGLIENZA. BASTA, LI BUTTIAMO FUORI.

LA BAVIERA SI RIBELLA AI MIGRANTI: FERMANO I TRENI, SCAPPANO, SCONTRI NEI CENTRI ACCOGLIENZA.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!