44.994.532
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CANCELLAZIONE TASSE SULLA CASA, TAGLI TASSE ALLE IMPRESE? ANNUNCI DI RENZI. SIAMO ANDATI A VERIFICARE, SCOPRENDO CHE...

giovedì 8 ottobre 2015

In un vortice di dichiarazioni sempre più roboanti, il premier non eletto Renzi si è lanciato nella sua personale battaglia per il taglio delle tasse. Fatta da uno che ha messo più e più volte le mani nelle tasche degli italiani, appare quanto meno singolare. Un po’ come se Dracula diventasse donatore di sangue.

Dunque, dopo aver dichiarato all’orbe terracqueo che abolirà l’IMU, il prode premier fiorentino ha annunciato che dal 2016 abolirà anche l’IRES e non solo per le aziende del sud, come annunciato in un primo tempo, ma per tutto il territorio nazionale.

Una sforbiciata di oltre sei punti percentuali di tassazione sulle imprese, significa non meno di 1,2 miliardi l’anno in meno di entrate per lo stato, che andrebbero a sommarsi ai 5 miliardi del taglio dell’IMU.

Ora, visto l’andamento disastroso dei conti pubblici, con il debito pubblico che veleggia a quota 2.200 miliardi, il rapporto defici/pil che non dovrebbe schiodarsi di molto dal 3% ci si chiede dove il premier non eletto possa trovare le risorse per effettuare un taglio di simili proporzioni.

Non dobbiamo poi dimenticare che la commissione europea ha già fatto arrivare il suo niet sul taglio delle tasse sulla casa, affermando, anzi, che essere dovrebbero essere aumentate.

Soprattutto, la flessibilità che la ue sarebbe disponibile a concedere all’ex sindaco di Firenze, sarebbe di 6,4 miliardi e non di 17 come annunciato sempre dallo stesso. Una differenza di 9 miliardi, che non sono noccioline e che non possono certo essere coperti con gli annunci su twitter.

Quanto alla flessibilità sul deficit, ricordano le fonti della Commissione, “è già stata concessa all’Italia la primavera scorsa in cambio delle riforme“. Il riferimento è alla riduzione dallo 0,5% allo 0,1% dell’aggiustamento del deficit strutturale nel 2016, concessione che vale appunto circa 6,4 miliardi ed è già “blindata” nel Documento di economia e finanza.

A meno che… a meno che il taglio delle tasse non venga in realtà coperto con i tagli allo stato sociale ed in primis alla sanità che, guarda caso, dovrebbero essere all’incirca nell’ordine dei 9 miliardi. Infatti è previsto un taglio dei fondi per le regioni di circa 4 miliardi, altri due dovrebbero arrivare dal taglio delle spese per le spese di pulizia e sanificazione (quindi negli ospedali potreste ritrovarvi con germi e batteri che vi danno il benvenuto in smoking) ed il resto da sforbiciamenti vari, tra cui 150 milioni per  le non autosufficienze, il cui fondo passerà da 400 milioni per il 2015 a 250 per il 2016.

Che dire? Come sempre siamo in presenza di annunci fini a sé stessi: si concede con la mano destra, togliendo con la sinistra, oltretutto facendolo nel modo più odioso, ovvero andando ad intaccare il bene primario per eccellenza: la sanità ed il diritto alla vita.

Sì perché, diciamocelo francamente, trasformare 208 esami preventivi in prestazioni a pagamento significa costringere una larga fetta della popolazione a giocare alla roulette russa con la propria vita. E questo solo per consentire al premier non eletto di fare la ruota del pavone vantando il taglio delle tasse.

E tutto questo mentre sulla stampa tedesca parte l’ennesima bordata nei confronti dell’Italia rea di non fare a sufficienza per rimettere a posto i propri conti con dosi massicce di austerità di stampo greco.

Su una cosa ci sentiamo di concordare con la stampa teutonica: questo governo non ha fatto nulla per rimettere in ordine i conti pubblici e soprattutto non ha fatto nulla per avvantaggiarsi di una congiuntura economica internazionale che non durerà in eterno e che nel momento in cui dovesse cambiare direzione, manderà in fumo la microscopica crescita che è riuscita a fare l’economia di questo sgangherato paese nonostante le cure del premier non eletto e del fido Padoan.

Un ultimo aspetto: che motivo ha l’ex sindaco di Firenze per fare questi annunci sul taglio delle tasse?

Probabilmente ha fiutato odore di elezioni anticipate ed ha deciso di fare campagna elettorale sulla pelle degli italiani, come da peggior copione degli anni del compromesso storico DC-PCI che, guarda caso, sono le due vecchie cariatidi, seppure con nomi e correnti diverse, che mantengono in vita questo esecutivo.

Auguri Italia, ne hai davvero bisogno, con questa ciurma al governo.

Luca Campolongo

 

http://www.huffingtonpost.it/2015/10/04/renzi-tasse-destra_n_8241088.html

http://ilmanifesto.info/debito-pubblico-italiano-da-record-2-218-miliardi/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/01/conti-pubblici-la-ue-smonta-taglio-tasse-sulla-casa-contrario-raccomandazioni/2000552/

http://www.sivempveneto.it/leggi-tutte-le-notizie/25490-manovra-senza-sconti-per-la-sanita-per-le-regioni-tagli-nel-2015-da-4-miliardi-il-testo-e-tutte-le-norme-sanitarie

http://www.ilnord.it/c-4467_FRANKFURTER_ALLGEMEINE_ZEITUNG_LA_ZONA_EURO_SI_PREPARI_A_UN_ALTRO_SCHIANTO_FORSE_LA_CRISI_NON_E_BASTATA_A_CERTI_PAESI

 


CANCELLAZIONE TASSE SULLA CASA, TAGLI TASSE ALLE IMPRESE? ANNUNCI DI RENZI. SIAMO ANDATI A VERIFICARE, SCOPRENDO CHE...


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TAGLI   TASSE   IMU   CASA   IMPRESE   TARES   TASI   COMMISSIONE   EUROPEA   UE   GRECIA   GERMANIA   LAVORO   RENZI   GOVERNO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
 
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua
 
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua
SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A UN PASSO DAL DEFAULT

SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A

venerdì 17 marzo 2017
Le ultime notizie sul Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo portata sull’orlo del baratro per opera di manager da sempre vicini al principale partito della sinistra
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL

venerdì 17 marzo 2017
ISTANBUL - Il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha minacciato di "far saltare in aria" l'Europa aprendo le porte della Turchia e inviando 15.000 migranti al mese nel Vecchio continente
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA DEUTSCHE BANK ANNUNCIA COLOSSALI PERDITE: 6,2 MILIARDI DI EURO NEL III° TRIMESTRE, UN TRACOLLO COSI' NEANCHE NEL 2008

LA DEUTSCHE BANK ANNUNCIA COLOSSALI PERDITE: 6,2 MILIARDI DI EURO NEL III° TRIMESTRE, UN TRACOLLO
Continua

 
NUOVO RECORD DELLE SOFFERENZE BANCARIE: DA AGOSTO 2014 AD AGOSTO 2015 +15%. 198 MILIARDI DI CREDITI MARCI (CRACK ITALIA)

NUOVO RECORD DELLE SOFFERENZE BANCARIE: DA AGOSTO 2014 AD AGOSTO 2015 +15%. 198 MILIARDI DI CREDITI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

+++ATTACCO TERRORISTICO IN CORSO A LONDRA DAVANTI AL PARLAMENTO+++

22 marzo - LONDRA - La polizia ha sparato ad ''un uomo che impugnava un coltello''
Continua

SCHAEUBLE ''APPREZZA IL LAVORO DI DAIJSSELBLOEM CHE DEVE CONTINUARE

22 marzo - BERLINO - Giusto per fugare ogni dubbio sulla compattezza dei giudizi
Continua

SALVINI:8 MILIARDI L'ANNO ALLA UE PER SENTIRCI DARE DEGLI UBRIACONI

22 marzo - ''Quelle parole sono la rappresentazione migliore di questa Europa di
Continua

GOVERNO VIETA ACCERTAMENTI SULLE ONG COLLUSE CON I TRAFFICANTI

22 marzo - ''Buone notizie per chi e' complice dei trafficanti di esseri umani e
Continua

ERDOGAN: NESSUN EUROPEO POTRA' CAMMINARE AL SICURO PER LE STRADE

22 marzo - ISTANBUL - ''Se l'Europa continua cosi', nessun europeo potra' camminare
Continua

LEGA PROTESTA DAVANTI A MONTECITORIO: UE? NON C'E' NULLA DA

22 marzo - ROMA - Sit in dei deputati della Lega Nord fuori Montecitorio mentre in
Continua

PADOAN SCARICA POP. VICENZA E VENETO BANCA: SARA' LA BCE A DECIDERE

21 marzo - Preparativi di un altro catastrofico bail in in Italia? Sembrerebbe di
Continua

LE FAMIGLIE DI 800 VITTIME DELL'11 SETTEMBRE FANNO CAUSA ALL'ARABIA

21 marzo - NEW YORK - Le famiglie di 800 vittime degli attacchi dell'11 settembre
Continua
6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA PRECEDENTI

6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA

21 marzo - Sono oltre 6.000 i migranti africani prelevati dai gommoni e dai barconi
Continua

LA PRIMA MINISTRO DELLA POLONIA, BEATA SZYDLO: ''POLONIA NELL'EURO?

21 marzo - VARSAVIA - Smentendo le solite fonti pro-euro che da tempo divulgano
Continua
Precedenti »