43.361.961
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PUGNO DI FERRO RUSSO CONTRO L'ISIS. LANCIATI ANCHE MISSILI ''DA CROCIERA'' DAL MAR CASPIO, A 1.500 CHILOMETRI DALLA SIRIA

mercoledì 7 ottobre 2015

MOSCA - L'esercito siriano annuncia il lancio di una nuova "vasta operazione di terra" nel centro del Paese e, in contemporanea, il presidente Vladimir Putin ordina di sostenerla con i raid dei caccia in azione da giorni in Siria.

Mentre dal mar Caspio le navi di Mosca hanno iniziato, per la prima volta dall'inizio del conflitto, a lanciare missili crociera contro le basi dell'Isis.

Mosca dunque intensifica le sue operazioni militari in Siria, malgrado le tensioni con Usa, Nato - Turchia in particolare - e le accuse di non colpire solo obiettivi del sedicente Stato Islamico.

E lo fa proprio nel giorno del compleanno del leader del Cremlino, che in un incontro trasmesso dalla tv pubblica si è complimentato con il ministro della Difesa Sergej Shoigu: "Il fatto che abbiamo organizzato l'offensiva dal Mar Caspio a una distanza di 1.500 chilometri, con armi ad alta precisione, e abbiamo saputo colpire tutti gli obiettivi fissati, certamente dimostra una buona preparazione del complesso difensivo-industriale, e la buona formazione del personale", ha dichiarato Putin.

Intanto, il quotidiano briefing informa che gli aerei russi hanno colpito 112 obiettivi dall'inizio delle operazioni in Siria contro l'Isis, sferrando colpi significativi e costringendo migliaia di jihadisti a fuggire in Giordania per provare a salvarsi. E ora, mentre sul campo la battaglia si fa ancora più intensa, con l'offensiva da terra e dal cielo sulla provincia di Hama, Putin rilancia sul piano diplomatico, affermando che il fine ultimo resta una soluzione politica, facendo comunicare dal ministero della Difesa che Mosca è disposto a mettere in atto le proposte del Pentagono sulla cooperazione nella lotta contro lo Stato islamico e che "può essere stabilito" un coordinamento con gli Stati Uniti.

Nonchè ipotizzando la possibilità di unire l'esercito di Bashar Assad e l'Esercito libero siriano per combattere i jihadisti.

"I conflitti di questo tipo devono terminare con soluzioni politiche" ha affermato. "Questa mattina ho parlato di questo tema con il ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergey Lavrov. Durante l'ultima visita a Parigi, il presidente francese, il signor Francois Hollande ha espresso un'idea interessante: sarebbe necessario, secondo lui, in ogni caso, cercare di unire gli sforzi di truppe governative dell'esercito - l'esercito governativo fedele al presidente Assad - e la cosiddetta Free Syrian Army (l'Esercito Libero Siriano, ndr). Tuttavia non sappiamo dove si trovi e da chi sia diretta", ha dichiarato.

Un resoconto smentito subito dopo in modo imbarazzato dalla Francia. Come da Roma, il segretario alla Difesa Usa, Ashont Carter, ha stoppato l'idea di una collaborazione russo-americana. "Gli Stati Uniti ritengono che la Russia stia seguendo una "strategia sbagliata" in Siria, colpendo "obiettivi che non sono dell'Isis. E' un errore, non collaboriamo" ha dichiarato il capo del Pentagono.

Putin però mostra soddisfazione, oltre a sicurezza. Il suo intervento si è concluso con un ringraziamento alle truppe: "Naturalmente, un pensiero speciale è dovuto ai piloti, che operano in Siria. E ai marinai della Flottiglia Caspio, per la precisione dimostrata", ha detto il presidente in un incontro con il ministro della Difesa a Sochi, dove il capo di stato si trova.

In effetti, è la prima volta che le forze armate russe mettono in campo una trategia d'attacco che veda l'utilizzo di missili "da crociera" lanciati da migliaia di chilometri di distanza. Fino ad ora, solo gli Stati Uniti hanno usato tali armi in quel modo.

Redazione Milano.


PUGNO DI FERRO RUSSO CONTRO L'ISIS. LANCIATI ANCHE MISSILI ''DA CROCIERA'' DAL MAR CASPIO, A 1.500 CHILOMETRI DALLA SIRIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RUSSIA   SIRIA   ASSAD   MISSILI   CROCIERA   MOSCA   PUTIN   FRANCIA   USA   GIORDANIA   CASPIO   CREMLINO   ISIS   FUGA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE STA PER DECIDERE ESPULSIONI DI MASSA DI CLANDESTINI (400.000) SENZA DIRITTO D'ASILO. CHE FARA' L'ITALIA RENZIANA?

LA UE STA PER DECIDERE ESPULSIONI DI MASSA DI CLANDESTINI (400.000) SENZA DIRITTO D'ASILO. CHE
Continua

 
SONDAGGI MORTALI PER HOLLANDE-SARKOZY: 70% DEI FRANCESI NON VUOLE NESSUNO DEI DUE PRESIDENTE: E' L'ORA DI MARINE LE PEN!

SONDAGGI MORTALI PER HOLLANDE-SARKOZY: 70% DEI FRANCESI NON VUOLE NESSUNO DEI DUE PRESIDENTE: E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »