63.344.840
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRA POCO IN SVIZZERA IL PROCESSO A FALCIANI, ''COLPEVOLE'' D'AVERE SVELATO COLOSSALI RICICLAGGI DI 100.000 ''CLIENTI'' HSBC

martedì 6 ottobre 2015

BELLINZONA - SVIZZERA - La Svizzera non "perdona" chi ha scoperchiato uno dei più grossi verminai della finanza "segreta" elvetica fatta di riciclaggio, fondi neri, attività criminali di traffici d'armi e droga mai venuti alla luce.

L'atteso processo a Hervé Falciani, "colpevole" di quanto sopra detto, dovrebbe cominciare lunedì prossimo davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona. L'ex informatico della banca HSBC a Ginevra, accusato di aver sottratto all'istituto un gran numero di dati di clienti e di averli poi divulgati, ha già annunciato che non ci sarà, per cui è probabile un aggiornamento. Il franco-italiano Falciani, nato il 9 gennaio 1972 nel Principato di Monaco, è accusato dalla giustizia elvetica di acquisizione illecita di dati (art. 143 CP), spionaggio economico (art. 273 CP), violazione del segreto commerciale (art. 162 CP) e violazione del segreto bancario (art. 47 LBCR).

Concretamente: "di avere copiato, dal 2006 al 2008, dati bancari del suo datore di lavoro e di averli in seguito, dal 2008 al 2014, resi accessibili a diverse ditte private e agli organismi pubblici di più Paesi". Secondo il sito web del Tribunale Penale Federale, il processo dovrebbe continuare tutta la settimana e concludersi il 20 ottobre.

Il collegio di tre giudici della Corte penale dovrà decidere lunedì se aggiornarlo o proseguire con i dibattimenti nonostante l'assenza dell'imputato. Secondo le norme legali, il TPF dovrebbe normalmente disporre un rinvio e riconvocare Falciani in altra data, per poi eventualmente constatare una nuova assenza e giudicarlo in contumacia. 

Falciani era fuggito da Ginevra nel dicembre 2008 dopo un primo interrogatorio di polizia. Arrestato nel 2012 a Barcellona, si era opposto con successo all'estradizione dalla Spagna, arrivando poi a collaborare attivamente con la polizia spagnola per colpire il crimine organizzato in ambito finanziario.

Nei giorni scorsi ha inviato una e-mail al suo avvocato ginevrino Marc Henzelin in cui annunciava chiaramente "che non si presenterà al processo poiché non si fida del sistema giudiziario svizzero in questo caso particolare". E certamente non ha torto, a pensarlo.

Nel suo atto d'accusa, la procuratrice federale Laurence Boillat indica che nel febbraio 2008, durante un viaggio in Libano e nascondendosi dietro lo pseudonimo di Ruben al-Chidyak, aveva proposto a diverse banche del Paese mediorientale i dati in suo possesso.

Poi aveva avvicinato in la Direction nationale d'enquêtes fiscales (DNEF) francese, come pure altri organismi statali di Germania, Gran Bretagna, Spagna e Italia. Sempre secondo l'atto d'accusa, Falciani avrebbe divulgato almeno 13.619 "files" per un totale di 67 gigabytes, relativi al 75% di tutti conti aperti presso la filiale ginevrina della britannica HSBC Private Bank a fine 2006.

Lo straordinario valore sul piano penale di questi dati e l'implicazione di numerosi servizi statali stranieri "hanno comportato per la Svizzera difficoltà diplomatiche e pressioni da parte di Stati esteri sul segreto bancario", rileva la procuratrice federale, malcelando la stizza.

La vicenda Falciani ha avuto un impatto senza precedenti. I dati resi pubblici da Falciani hanno permesso lo scorso 9 febbraio a un consorzio di media di oltre 40 Paesi tra cui la Svizzera, in una operazione battezzata "SwissLeaks", di rivelare che non solo evasori fiscali, ma anche trafficanti di droga e finanziatori del terrorismo islamico figuravano fra i clienti della HSBC.

Secondo i dati ottenuti dl quotidiano francese "Le Monde" e poi condivisi con la rete del Consorzio internazionale dei giornalisti d'inchiesta, 180,6 miliardi di euro sarebbero transitati, a Ginevra, sui conti HSBC di oltre 100.000 persone di circa 200 Paesi e di 20.000 società offshore, fra il 9 novembre 2006 e il 31 marzo 2007.

Un periodo corrispondente a quello della cosiddetta "lista Falciani" fornita al fisco francese e poi circolata tra i servizi omologhi di mezzo mondo.

Lo scorso giugno, la HSBC ha versato 40 milioni di franchi alle autorità ginevrine, mettendo così fine a un procedimento per riciclaggio di denaro aggravato aperto contro la banca in febbraio.

Secondo la difesa di Falciani, l'imputato ha sempre affermato di non aver agito per interesse proprio, ed infatti non ha ottenuto nè mai chiesto denaro in cambio dei dati bancari che aveva trafugato.

La difesa di Falciani inoltre deplora l'assenza di una legislazione che protegga gli informatori e i cosiddetti "whistleblower", le "gole profonde" che denunciano attività illecite all'interno di governi, aziende o organizzazioni.

Ma l'aspetto più grave di questa grottesca vicenda giudiziaria è che nonostante i dati resi pubblici da Falciani abbiano provato al di là di ogni dubbio che venivano commessi reati gravissimi, secondo la giustizia svizzera - evidentemente - Falciani avrebbe dovuto disinteressarsene, rimanendo in silenzio. 

E complice di questi criminali.

Redazione Milano.


TRA POCO IN SVIZZERA IL PROCESSO A FALCIANI, ''COLPEVOLE'' D'AVERE SVELATO COLOSSALI RICICLAGGI DI 100.000 ''CLIENTI'' HSBC


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FALCIANI   LISTA   HSBC   SVIZZERA   RICICLAGGIO   FONDI   NERI   ARMI   DROGA   GINEVRA   LE MONDE   SPAGNA   POLIZIA   PROCESSO   SVIZZERA   GIUSTIZIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
 
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
 
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua
 
SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL  LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA CONCRETA FELICITA'

SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA

domenica 16 settembre 2018
"Hanno capito che il loro tempo e' finito, stanno tornando i valori veri che non sono la finanza ma il diritto alla vita, al lavoro, alla sicurezza alla felicita' ad avere piedi piantati per terra.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL FRONT NATIONAL OTTIENE LA RAPPRESENTANZA UFFICIALE AL ''SCIENCES PO'', SCUOLA D'ALTA FORMAZIONE DIRETTA DA ENRICO LETTA

IL FRONT NATIONAL OTTIENE LA RAPPRESENTANZA UFFICIALE AL ''SCIENCES PO'', SCUOLA D'ALTA FORMAZIONE
Continua

 
GOVERNO MERKEL STA PER CROLLARE, ESAUTORATO IL MINISTRO DELL'INTERNO, PARTITO IN RIVOLTA: POLITICA MIGRATORIA FOLLE!

GOVERNO MERKEL STA PER CROLLARE, ESAUTORATO IL MINISTRO DELL'INTERNO, PARTITO IN RIVOLTA: POLITICA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua

ESPLOSIONE NELLA NOTTE IN UNO STABILE DOVE RISIEDONO 24

19 settembre - VERONA - E' un passante l'unico ferito in modo non grave dell'esplosione
Continua

L'OLANDA SI ''ACCORGE'' DELL'INVASIONE AFRICANA DELLA UE... (E

19 settembre - AMSTERDAM - Il ministro dell'Interno olandese, Mark Harbers, ha scritto
Continua

L'UNGHERIA SI RIBELLA E RIGETTA LA CONDANNA UE: ACCUSE INGIUSTE E

18 settembre - BUDAPEST - L'Ungheria si ribella all'aggressione Ue. Il Parlamento
Continua

LE MONDE SI ACCORGE CHE MARINE LE PEN POTREBBE VINCERE LE ELEZIONI

18 settembre - Sottovalutare il peso politico della presidente del Rassemblement
Continua

SALVINI: EFFICACE PRIMO UTILIZZO DEL TASER. COMPLIMENTI ALLE FORZE

18 settembre - Primo utilizzo del Taser. È successo ieri sera a Reggio Emilia, quando
Continua

VERTICE DI SALISBURGO SUI MIGRANTI SARA' L'ENNESIMO BUCO NELL'ACQUA

18 settembre - BRUXELLES - Al vertice di Salisburgo il premier Giuseppe Conte
Continua
Precedenti »