45.244.720
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SPECIALE GRAN BRETAGNA / LABURISTI ALLO SBANDO, MA ALLEATI PERFETTI PER GLI EUROSCETTICI: CON CORBYN, BREXIT VINCERA'

venerdì 2 ottobre 2015

LONDRA - Considerando la portata della sconfitta elettorale dello scorso maggio contro i conservatori di Cameron, l'umore al congresso annuale del Labour britannico che si e' appena concluso a Brighton era sorprendentemente vivace, osserva il settimanale "The Economist".

Numerosi esponenti dell'ala moderata, compresi molti deputati, sono in disaccordo col nuovo leader, Jeremy Corbyn, espressione dell'ala radicale, eletto col 59 per cento dei consensi, ma per ora stanno tenendo i toni bassi e gli stanno concedendo una luna di miele.

C'e' da chiedersi quanto durera'.

La maggior parte dei delegati presenti al congresso e' stata scelta prima del terremoto Corbyn, ma anche tra i membri di lunga data si riscontra un certo entusiasmo; molti di loro sentivano di aver perso il partito negli ultimi due decenni e ora sentono di averlo ritrovato, seppure con il 30% degli elettori in meno.

Il neoleader ha rimesso sul tavolo la rinazionalizzazione delle ferrovie e significativamente non ha nominato ne' Tony Blair ne' Gordon Brown, i due piu' recenti primi ministri del Labour. Ha insistito molto sull'opposizione ai Tory e sulla democrazia interna, sul dibattito.

Questa tolleranza del dissenso riflette la sua storia di ribelle - scrive l'Economist - e anche ora che e' al vertice si trova nella curiosa posizione di essere in contrasto con gran parte della piattaforma del partito.

Al tempo stesso, il leader ha accuratamente evitato alcune questioni spinose, a cominciare da quella della riduzione del deficit, anche se ha ribadito la sua contrarieta' al rinnovo del programma di deterrenza nucleare Trident. Ha riassunto la sua politica economica nel rifiuto dell'austerita', cosi' come ha fatto il cancelliere ombra dello Scacchiere, John McDonnell, per il quale l'austerita' non e' una necessita' economica, ma una scelta politica.

McDonnell ha anche dichiarato che taglierebbe il disavanzo con una crescita dinamica e un'azione di contrasto all'evasione e fiscale e ha rilanciato l'idea di una banca nazionale degli investimenti.

Molti si chiedono quando ci sara' un "colpo di Stato" (da intenderci come una brutale defenestrazione politica) contro Corbyn, considerato ineleggibile come primo ministro. Giustizio pensantissimo, quello dell'Economist, ma condiviso dalla vasta maggioranza dell'elettorato britannico.

Non deve sorprendere, quindi, che il gradimento di Corbyn sia inferiore a quello di qualsiasi altro leader laburista precedente. Il partito ha bisogno di una crescita del dieci per cento in Inghilterra e di un incremento anche superiore in Scozia per essere competitivo nel 2020 e le probabilita' di un recupero del genere sembrano davvero remote.

Sotto Corbyn il Labour rimarra' "allo sbando", secondo l'autorevole periodico economico, che non fa mistero d'avere simpatie laburiste, tra l'altro.

Questa prospettiva puo' far stare meglio i conservatori, ma non il loro attuale leader e premier, David Cameron per un fatto che  "l'euroscetticismo di sinitra" manifestato da Corbyn risulterà decisivo quando si voterà - probabilmente già nel 2016 a primavera - il referendum per l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea.

Infatti, Corbyn non nasconde la propria mancanza di entusiasmo per la Ue e questo rende molto difficile a Cameron lasciarsi aperta la possibilità di portare a casa un negoziato con l'Unione favorevole al Regno Unito, dato che con l'appoggio - o forse sarebbe meglio dire col travaso di voti - sia pure di una parte degli elettori laburisti, verosimilmente quel 59% che ha eletto Corbyn capo del Labour, è praticamente certo che il Brexit avrà amplissimi consensi nelle urne indipendentemente dalla capacità negoziale del capo del governo conservatore.

Ecco che, allora, il fronte NO-UE oggi formato da quasi tutti elettori conservatori (inclusa la destra dell'Ukip di Farage) troverà un insperato e decisivo aiuto dall'avversario di sempre, i laburisti, e per di più dall'ala sinistra di cui il nuovo segretario è l'esponente.

Redazione Milano.


SPECIALE GRAN BRETAGNA / LABURISTI ALLO SBANDO, MA ALLEATI PERFETTI PER GLI EUROSCETTICI: CON CORBYN, BREXIT VINCERA'


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   CORBYN   UE   CAMERON   ELEZIONI   REFERENDUM   GRAN BRETAGNA   LONDRA   LABOUR   LABURISTI   EUROSCETTICI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE EUROPEA (VERGOGNA!)

SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE

giovedì 30 marzo 2017
Solidarieta' e unita': parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell'Ue, dove sei Paesi - Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia - nel giorno della Brexit,
Continua
 
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua
SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A UN PASSO DAL DEFAULT

SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A

venerdì 17 marzo 2017
Le ultime notizie sul Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo portata sull’orlo del baratro per opera di manager da sempre vicini al principale partito della sinistra
Continua
 
LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI E' CONTRO L'UNIONE''

LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI

martedì 14 marzo 2017
PARIGI - Il tema del rifiuto sempre più vasto e profondo da parte degli italiani nei confronti della Ue è assente dalla stampa nazionale, come fosse una questione marginale.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''IL PIANO SOROS-CIA PER DESTABILIZZARE L'EUROPA'' (STRAORDINARIO CONTRIBUTO D'ANALISI DI WAYNE MADSEN, EX NSA AMERICANA)

''IL PIANO SOROS-CIA PER DESTABILIZZARE L'EUROPA'' (STRAORDINARIO CONTRIBUTO D'ANALISI DI WAYNE
Continua

 
DIVISIONI DELL'ESERCITO IRANIANO IN SIRIA PER DISTRUGGERE L'ISIS: RUSSIA DAL CIELO, IRAN AL SUOLO, TAGLIAGOLE STERMINATI

DIVISIONI DELL'ESERCITO IRANIANO IN SIRIA PER DISTRUGGERE L'ISIS: RUSSIA DAL CIELO, IRAN AL SUOLO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!