50.685.648
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'IRAQ DECIDE DI ALLEARSI CON PUTIN CONTRO L'ISIS: APRE A BAGHDAD CENTRO STRATEGICO DI COORDINAMENTO (OBAMA SCONFITTO)

lunedì 28 settembre 2015

Il primato strategico statunitense in Medio Oriente ha subito ieri un colpo durissimo: il governo iracheno ha annunciato che entro poche settimane sorgera' a Baghdad un centro strategico con l'obiettivo di coordinare la guerra allo Stato islamico con Iran e Russia. Il nuovo centro strategico "aprira' nell'arco di settimane, forse meno", ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa iracheno, Nasir Nouri Mohammed, nel corso di una conferenza stampa che ha introdotto un piano di cooperazione d'intelligence e per la sicurezza tra i tre paesi.

La notizia "rischia di marginalizzare ulteriormente gli Stati Uniti nella lotta contro il gruppo estremista islamico", ammette la "Washington Post", mentre per il "Wall Street Journal" Mosca sta "rivaleggiando con gli Stati Uniti per l'influenza in Medio Oriente". Il "New York Times" sottolinea come ufficialmente, l'accordo sia stato giustificato da Baghdad con l'esigenza di arginare il flusso di volontari che si uniscono ai ranghi dell'Isis dalle regioni caucasiche, ma lo smacco per Obama è evidentissimo.

Il segretario di Stato Usa, John Kerry, imbarazzato, ha commentato la notizia con circospezione: "Credo che il fattore fondamentale (nella lotta allo Stato islamico) sia la coordinazione", ha dichiarato il segretario prima di incontrare a New York il suo omologo russo, Sergeij Lavrov.

La stampa russa e' concorde pero' nel sottolineare come Mosca stia gradualmente assemblando una coalizione anti-Isis alternativa, se non rivale, a quella guidata dagli Stati Uniti, che conta tra i suoi membri l'Iran e le forze regolari siriane, oltre a Hezbollah e, a giudicare dagli ultimi sviluppi, forse anche il governo iracheno, senza scordare l'avallo ottenuto dalla potente cancelliera tedesca Angela Msrkel, l'aiuto d'intelligence da Israele e perfino l'appoggio inaspettato del presidnete turco Erdogan.

La strategia russa, che Putin dovrebbe rivendicare oggi nel suo intervento di fronte all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, lo pone non soltanto nelle condizioni di sostenere il suo principale alleato nella regione, il presidente siriano Bashar al Assd, ma anche di espandere significativamente l'influenza politica e militare russa nell'area.

In Iraq il quadro e' complesso: Baghdad ospita sul suo territorio 3.500 militari statunitensi in ruoli di addestramento e coordinamento delle operazioni; il premier iracheno Haider al Abadi si e' imposto quale figura di primo piano nella coalizione a guida statunitense contro il sedicente califfato, ma ultimamente ha tacitamente avvallato l'assembramento militare russo in territorio siriano, concedendo a Mosca il sorvolo del suo spazio aereo.

Ora, con l'apertura a Baghdad del Centro di coordinamento strategico per la guerra all'isis con Russia e Iran, o la Casa Bianca decide di schierarsi con Putin per distruggere definitivamente l'isis, oppure nella capitale irachena inizierà un confronto militare Russia-Usa dagli esiti imprevedibili.

Redazione Milano


L'IRAQ DECIDE DI ALLEARSI CON PUTIN CONTRO L'ISIS: APRE A BAGHDAD CENTRO STRATEGICO DI COORDINAMENTO (OBAMA SCONFITTO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PUTIN   IRAQ   IRAN   USA   OBAMA   ONU   MOSCA   BAGHDAD   KERRY   ISIS   RUSSIA   MEDIO   ORIENTE   NEW YORK   TIMES   WASHINGTON   POST   WALL STREET   JOURNAL    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE INDUSTRIA DELLA BAVIERA SCENDE IN CAMPO CON UNA RICHIESTA BOMBA: ''LE SANZIONI ALLA RUSSIA ORA DEVONO FINIRE''

LA GRANDE INDUSTRIA DELLA BAVIERA SCENDE IN CAMPO CON UNA RICHIESTA BOMBA: ''LE SANZIONI ALLA
Continua

 
PROTESTE DI PIAZZA IN POLONIA CONTRO ARRIVO DI MIGLIAIA DI FALSI RIFUGIATI, IL GOVERNO CHIEDE SIANO CHIUSE FRONTIERE UE

PROTESTE DI PIAZZA IN POLONIA CONTRO ARRIVO DI MIGLIAIA DI FALSI RIFUGIATI, IL GOVERNO CHIEDE SIANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!