44.322.994
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANGELA MERKEL E I VERTICI DEL SUO GOVERNO SAPEVANO DELLA COLOSSALE TRUFFA VOLKSWAGEN, E NON HANNO FATTO NULLA.

mercoledì 23 settembre 2015

BERLINO - I Verdi tedeschi accusano il governo di Angela Merkel di essere stato a conoscenza delle manipolazioni dei valori di emissioni inquinanti delle vetture prodotte da Volkswagen molto prima dello scandalo scoppiato pochi giorni fa negli Stati Uniti.

Gia' in luglio, infatti, il governo tedesco avrebbe ammesso - su interpellanza dei Verdi - che la procedura di misurazione delle emissioni presentava delle irregolarita', secondo quanto ha dichiarato il vice-capogruppo al Bundestag, Oliver Krischer. "Il fatto che il ministro dei Trasporti Dobrindt gridi allo scandalo, e' patetico", ha commentato Krischer. Ieri proprio il ministro Dobrindt ha annunciato l'avvio di una commissione d'inchiesta e preteso da Volkswagen "chiarimenti e trasparenza": "La nostra commissione verifichera' se i veicoli interessati siano stati costruiti e verificati conformemente alle direttive tedesche ed europee e se tutto questo e' avvenuto nel rispetto dei permessi", ha spiegato il ministro.

"E' uno scandalo che ora Dobrindt si presenti come il paladino della verita'", ha tuonato in risposta Krischer.

Stando alla risposta fornita dal governo all'interpellanza dei Verdi del 28 luglio 2015, il governo di Berlino era a conoscenza dell'impiego da parte del Gruppo Volkswagen del software che manipolava le letture delle emissioni, anche se non sarebbe stato a conoscenza dell'utilizzo di questo sistema nelle nuove vetture.

"Il governo federale sostiene lo sviluppo di una normativa europea che abbia come obiettivo principale quello di ridurre ulteriormente le reali emissioni dei veicoli", recita la risposta fornita all'interpellanza dei Verdi e ripresa dal "Die Welt", il cui contenuto, oggi, appare beffardo.

Il quotidiano tedesco avanza sospetti non soltanto nei confronti del governo tedesco, ma anche dei regolatori di Bruxelles, che sarebbero stati a conoscenza a loro volta degli artifici adottati dal costruttore tedesco, ma si sarebbero ben guardati dall'intervenire. 

L'accusa è gravissima: se fosse provata, si tratterebbe di una estesa e potente associazione a delinquere all'interno degli organi di controllo dell'Unione europea a Bruxelles, associazione a delinquere complice di una colossale truffa ai danni di milioni di persone in tutto il mondo, ingannate nell'acquisto delle auto diesel del Gruppo Volkswagen. Non meno di cinque milioni del totale dei truffati sono cittadini europei.

E oggi, appare evidente che il governo Merkel e la stessa Angela Merkel benchè a conoscenza del comportamento criminale della Volkswagen non hanno compiuto alcuna azione per impedirlo prima, fermarlo poi. Inoltre, lo stesso stato tedesco sarà chiamato a rispondere dei danni provocati nel mondo dalla Volkswagen, dato che circa il 20% della proprietà del Gruppo è pubblica. 

Redazione Milano


ANGELA MERKEL E I VERTICI DEL SUO GOVERNO SAPEVANO DELLA COLOSSALE TRUFFA VOLKSWAGEN, E NON HANNO FATTO NULLA.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   TRUFFA   GOVERNO   VOLKSWAGEN   ASSOCIAZIONE   DELINQUERE   BRUXELLES   VERDI   TEDESCHI   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RUSSIA E IRAN UNITI NELL'ATTACCO MILITARE PER DISTRUGGERE L'ISIS: RIUNIONI OPERATIVE A MOSCA, AEREI E TRUPPE IN SIRIA

RUSSIA E IRAN UNITI NELL'ATTACCO MILITARE PER DISTRUGGERE L'ISIS: RIUNIONI OPERATIVE A MOSCA, AEREI
Continua

 
IL WASHINGTON POST SVELA CHE OBAMA STA ''AIUTANDO'' INDIRETTAMENTE L'ISIS: NON RIFORNISCE PIU'DI  ARMI I COMBATTENTI CURDI

IL WASHINGTON POST SVELA CHE OBAMA STA ''AIUTANDO'' INDIRETTAMENTE L'ISIS: NON RIFORNISCE PIU'DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!