44.999.152
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA PARTE GIUSTA DEL PONTE SULLO STRETTO'' - Inizia la collaborazione di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.

mercoledì 16 settembre 2015

Può il ponte sullo Stretto di Messina essere un’arma contro Cosa nostra? Imbocchiamo una via diversa.E partiamo da una parola usata mille volte: antimafia. 

Spogliamola. Che c’è sotto? Troviamo una folla di significati. In prima linea troviamo l’azione dello Stato contro la criminalità organizzata; poi scorgiamo il gruppo di coloro che, nella personale attività lavorativa, operano contro la mafia diffondendo esempi e valori civili; accanto vi è il gruppone di coloro che  “ci campano”, cioè di coloro che, pur divulgando concetti costruttivi delle coscienze, hanno il limite di non avere propria identità senza la mafia e di doverla di conseguenza vedere anche quando e dove non c’è; infine, come nuova antimafia, ecco la via diversa e cioè gli elementi di rottura ideologica, che conducano da contro la mafia a senza la mafia. 

Esistono parole che possiamo definire assorbenti, il cui concetto, cioè, ne evoca e ne contiene un altro. La parola mafia evoca e contiene la Sicilia e di conseguenza la parola Sicilia proietta l’ombra permanente della mafia. Parlare di Sicilia e tralasciare la mafia, infatti, è tanto inaccettato che è ritenuto da chi “campa” di antimafia una colpa a volte grave. Due esempi paradossali tra i tanti: il primo è quello della produzione cinematografica americana che girava un film in provincia di Trapani e che finì sui giornali come vittima del “pizzo”soltanto perché tra i curiosi delle star vi era un boss locale; il secondo è quello della notizia data da un importante telegiornale  che annunciò l’archiviazione, perché “rimasti ignoti gli autori del fatto”, di un’indagine giudiziaria per un omicidio  “compiuto in provincia di Palermo dalla mafia”.  

In Sicilia, quindi, se un boss si aggira dalle parti di una bella attrice si tratta sicuramente di estorsione e se un uomo viene ammazzato si tratta di omicidio mafioso, anche se non si sa chi sia stato ad uccidere. Due esempi tra mille di mal riposto scrupolo antimafia, cioè di messa in sicurezza della coscienza ufficiale.

La parola mafia, dunque, è assorbente di ciò che avviene in Sicilia. Il che dà a Cosa nostra molti vantaggi sia in termini di potenza che di ineluttabilità. Ma così va ancora il mondo e chi non si adegua è accusato, quanto meno, di insensibilità culturale. O peggio.

Viviamo, però, sia in un tempo in cui l’attività degli inquirenti ha trovato il giusto passo ed ha assicurato alle galere i vertici criminali siciliani sia in un tempo in cui parti importanti della società hanno trovato il coraggio di schierarsi contro e resistere alle pressioni mafiose. Viviamo cioè in un tempo in cui  è lecito sperare che l’obiettivo liberatorio di Falcone, Borsellino e di altri eroi civili possa essere centrato.

S'è tornato a discutere del ponte sullo stretto di Messina, opera enorme che certamente farebbe gola ai criminali. Non vi è dubbio.

Come non vi è dubbio che uno Stato che crede in una simile intrapresa non può arrendersi dinanzi  al rischio, ma anzi deve affrontarlo e batterlo per affermare le proprie primazìa e civiltà. 

Ma che c’entra il ponte di Messina con l’antimafia? Come si collega alla rottura ideologica per transitare da contro la mafia a senza la mafia? 

Io credo che se lo Stato e la società, oggi molto più forti che in passato, manterranno questa statura, sarà utilissima la prevalenza di un’altra parola assorbente, un’altra parola che, come sino ad oggi la mafia, evochi e contenga la parola Sicilia. Una parola che divenga la sua nuova ombra e che, di conseguenza, depotenzi l’ombra precedente costituita dalla mafia: la parola “ponte”. 

Quanti sapremmo descrivere Brooklyn senza il suo ponte e quanti l’Egitto senza le piramidi? 

Parole e immagini, quindi entità pensate, che ci relazionano con un luogo e ce ne danno il sapore prevalente. Invece il sapore prevalente della Sicilia oggi è la mafia. Ma se domani fosse il ponte sullo Stretto a identificare la Sicilia in cui  lo Stato e la società seguitino ad essere sempre più forti e protagonisti, la mafia diverrebbe sempre più piccola e la Sicilia sempre più libera. 

Dunque un ponte tra le due Sicilie. Quella antimafia di oggi e quella senza mafia di domani. Nell'interesse di tutti, dal Sud al Nord.

Aldo Sarullo

 


''LA PARTE GIUSTA DEL PONTE SULLO STRETTO'' - Inizia la collaborazione di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PONTE   STRETTO   MESSINA   BROOKLYN   PIRAMIDI   EGITTO   ANTIMAFIA   SICILIA   MAFIA   NORD   SUD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN OLANDA SI VOTERA' 15 MARZO: I SONDAGGI DANNO LA DESTRA NAZIONALISTA DI WILDERS INTESTA CON UN'ASCESA IRREFRENABILE

IN OLANDA SI VOTERA' 15 MARZO: I SONDAGGI DANNO LA DESTRA NAZIONALISTA DI WILDERS INTESTA CON

sabato 4 marzo 2017
AMSTERDAM - Alla fine potrebbe uscire dalle urne un governo di grande coalizione, se non addirittura di centrosinistra, una litigiosa e fragile ammucchiata unita solo nell'impedire alla destra
Continua
 
BERLUSCONI OFFRE A RENZI DI ENTRARE IN FORZA ITALIA (CHE CORRERA' DA SOLA) E ANNUNCIA CHE LO APPOGGERA' DOPO LE ELEZIONI

BERLUSCONI OFFRE A RENZI DI ENTRARE IN FORZA ITALIA (CHE CORRERA' DA SOLA) E ANNUNCIA CHE LO

venerdì 27 gennaio 2017
In una intervista esclusiva rilasciata oggi al direttore del Foglio Claudio Cerasa, l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi spiega perche' il futuro di Renzi dipende solo da Renzi. Lei crede
Continua
ANCHE LA GERMANIA HA LA SUA ''MPS'': SI CHIAMA HSH NORDBANK, E' PUBBLICA E HA UNA VORAGINE DI 16 MILIARDI DI EURO

ANCHE LA GERMANIA HA LA SUA ''MPS'': SI CHIAMA HSH NORDBANK, E' PUBBLICA E HA UNA VORAGINE DI 16

mercoledì 25 gennaio 2017
BERLINO - Un caso identico a Mps in Germania, ma la stampa tedesca lo ignora, il governo tace, la Commissione Ue è assente, appisolata. Peggiora infatti  la crisi di Hsh Nordbank, banca
Continua
 
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
LA CDU TEDESCA LANCIA L'ALLARME DEL ''RISCHIO ITALIANO'' DI ONDATE DI AFRICANI VERSO LA GERMANIA E L'EUROPA

LA CDU TEDESCA LANCIA L'ALLARME DEL ''RISCHIO ITALIANO'' DI ONDATE DI AFRICANI VERSO LA GERMANIA E

mercoledì 23 novembre 2016
BERLINO - In Germania e' ancora fresco il ricordo - ma più che un ricordo è un presente - delle polemiche e dei disagi causati dalla politica dell'accoglienza dei rifugiati messa in
Continua
 
A FIRENZE IN PIAZZA E SUL PALCO IL ''FRONTE DELLE DESTRE TRUMPISTE ITALIANE'' CON A CAPO LA NUOVA LEGA DI MATTEO SALVINI

A FIRENZE IN PIAZZA E SUL PALCO IL ''FRONTE DELLE DESTRE TRUMPISTE ITALIANE'' CON A CAPO LA NUOVA

venerdì 11 novembre 2016
Ci sarà Giovanni Toti e ci saranno le destre, non ci sarà invece Stefano Parisi. "#iovotoNO!" è il titolo della manifestazione organizzata da Matteo Salvini e dalla sua Lega che
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UN BARBONE SI FERMA A SUONARE UN PIANOFORTE PER STRADA (MESSO LI' DAL COMUNE) E DIVENTA UNA STAR DEL WEB (FANTASTICO!)

UN BARBONE SI FERMA A SUONARE UN PIANOFORTE PER STRADA (MESSO LI' DAL COMUNE) E DIVENTA UNA STAR
Continua

 
PER RIFLETTERE / ''L'ITALIA E' MOLTO PATRIA E POCO NAZIONE'' - di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.

PER RIFLETTERE / ''L'ITALIA E' MOLTO PATRIA E POCO NAZIONE'' - di Aldo Sarullo, scrittore e
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

+++ATTACCO TERRORISTICO IN CORSO A LONDRA DAVANTI AL PARLAMENTO+++

22 marzo - LONDRA - La polizia ha sparato ad ''un uomo che impugnava un coltello''
Continua

SCHAEUBLE ''APPREZZA IL LAVORO DI DAIJSSELBLOEM CHE DEVE CONTINUARE

22 marzo - BERLINO - Giusto per fugare ogni dubbio sulla compattezza dei giudizi
Continua

SALVINI:8 MILIARDI L'ANNO ALLA UE PER SENTIRCI DARE DEGLI UBRIACONI

22 marzo - ''Quelle parole sono la rappresentazione migliore di questa Europa di
Continua

GOVERNO VIETA ACCERTAMENTI SULLE ONG COLLUSE CON I TRAFFICANTI

22 marzo - ''Buone notizie per chi e' complice dei trafficanti di esseri umani e
Continua

ERDOGAN: NESSUN EUROPEO POTRA' CAMMINARE AL SICURO PER LE STRADE

22 marzo - ISTANBUL - ''Se l'Europa continua cosi', nessun europeo potra' camminare
Continua

LEGA PROTESTA DAVANTI A MONTECITORIO: UE? NON C'E' NULLA DA

22 marzo - ROMA - Sit in dei deputati della Lega Nord fuori Montecitorio mentre in
Continua

PADOAN SCARICA POP. VICENZA E VENETO BANCA: SARA' LA BCE A DECIDERE

21 marzo - Preparativi di un altro catastrofico bail in in Italia? Sembrerebbe di
Continua

LE FAMIGLIE DI 800 VITTIME DELL'11 SETTEMBRE FANNO CAUSA ALL'ARABIA

21 marzo - NEW YORK - Le famiglie di 800 vittime degli attacchi dell'11 settembre
Continua
6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA PRECEDENTI

6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA

21 marzo - Sono oltre 6.000 i migranti africani prelevati dai gommoni e dai barconi
Continua

LA PRIMA MINISTRO DELLA POLONIA, BEATA SZYDLO: ''POLONIA NELL'EURO?

21 marzo - VARSAVIA - Smentendo le solite fonti pro-euro che da tempo divulgano
Continua
Precedenti »