47.236.962
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME VODAFONE E WESTERN UNION

martedì 15 settembre 2015

L'esodo dei "migranti", la maggior parte dei quali spinti da ragioni economiche, verso l'Europa sta dando forma a un'industria dell'accoglienza che attrae ogni sorta di soggetto economico: dai piccoli esercenti sino alle private equity, per non dire dei colossi della telefonia mobile.

Dallo scorso anno - scrive il "Wall Street Journal" - oltre un milione di persone ha richiesto asilo all'interno dell'Unione Europea: la sola Germania prevede per quest'anno 800 mila richieste, e da tragedia umanitaria, questo esodo si tra trasformando "in una vera e propria industria dell'accoglienza" alimentata dai fondi pubblici: si tratta di un'industria "dai margini di profitto per singolo migrante assai ridotti - spiega Willy Koch, ex manager del fondo svizzero Ors Services Ag, che tra le sue attivita' conta ora un campo per rifugiati in Austria - ma la cui chiave e' certamente il volume": piu' aumenta il flusso di migranti e richiedenti asilo, dunque, piu' le attivita' "collegate" all'accoglienza diventano redditizie per i soggetti economici che le ottengono in gestione dalle autorita' pubbliche.

In molti casi - scrive il quotidiano Usa nella sua documentata inchiesta - "le aziende private vedono in queste attivita' la possibilita' di conquistare il favore di quello che prevedono diventera' un nuovo e numeroso gruppo di consumatori".

In molti casi, gli operatori economici svolgono attività di business che "scatenano le proteste di chi li accusa di lucrare sulle tragedie umane".

Le occasioni di profitto non mancano: In Germania, ad esempio, Air Berlin Plc ha ottenuto lo scorso anno 350 mila dollari per il rimpatrio per via aerea dei migranti la cui richiesta d'asilo e' stata negata dalle autorita' di Berlino.

In Svezia, il governo ha pagato una societa' di analisi linguistica 900 mila dollari per verificare la veridicita' delle generalita' fornite dai richiedenti asilo.

Ad Atene, una filiale di Western Union ha incassato 20 mila dollari al giorno grazie alle commissioni sulle transazioni effettuate dai migranti, e in molti casi si sarebbe tratatto del pagamento estero su estero agli "scafisti". 

In alcune isole dell'Egeo, come in altre localita' dell'Europa meridionale, il business dell'accoglienza dei migranti e i fondi pubblici stanziati a tal fine sono andati a compensare la crisi nelle attivita' del settore turistico, senza mai tenere conto del disagio delle popolazioni locali. 

A Lesbo - uno dei crocevia del flusso di migranti in arrivo dalla Siria - i richiedenti asilo pagano di tasca loro il soggiorno in albergo, e persino extra come la colazione, mentre attendono di veder evase le loro pratiche burocratiche.

A competere per la fornitura dei servizi ai migranti, pero', sono anche compagnie internazionali come i colossi della telefonia mobile: gruppi come Vodafone hanno cominciato a vendere schede sim per i telefoni cellulari direttamente ai migranti o ai governi che le forniscono gratuitamente a chi arriva, come quello italiano.

Altri business adottano una visione di piu' lungo termine: in Italia Extrabanca, una banca specializzata in servizi ai non-europei, sta vivendo un boom di pari passo con la popolazione extra-comunitaria nel paese, esplosa dal 2 al 9 per cento in meno di 15 anni.

Insomma, secondo il Wall Street Journal i "migranti" sono un gran bell'affare, per chi sa sfruttarlo. 

Redazione Milano


INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME VODAFONE E WESTERN UNION


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MIGRANTI   VODAFONE   TELEFONI   SCHEDE   CELLULARI   BUSINESS   WESTERN   BANCHE   ALBERGO   LESBO   ISOLA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI

martedì 23 maggio 2017
MANCHESTER - La "massiccia esplosione" avvenuta la notte scorsa nella MANCHESTER arena, proprio alla fine del concerto di Ariana Grande, sarebbe avvenuta nel foyer dell'Arena, nella zona
Continua
 
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
 
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
 
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA UE STA PER FINIRE.

LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA
Continua

 
FINLANDIA E NORVEGIA SBARRANO LA STRADA AI ''MIGRANTI'' CHE ARRIVANO DALLA SVEZIA, DOVE L'ACCOGLIENZA VACILLA.

FINLANDIA E NORVEGIA SBARRANO LA STRADA AI ''MIGRANTI'' CHE ARRIVANO DALLA SVEZIA, DOVE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!