60.794.767
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME VODAFONE E WESTERN UNION

martedì 15 settembre 2015

L'esodo dei "migranti", la maggior parte dei quali spinti da ragioni economiche, verso l'Europa sta dando forma a un'industria dell'accoglienza che attrae ogni sorta di soggetto economico: dai piccoli esercenti sino alle private equity, per non dire dei colossi della telefonia mobile.

Dallo scorso anno - scrive il "Wall Street Journal" - oltre un milione di persone ha richiesto asilo all'interno dell'Unione Europea: la sola Germania prevede per quest'anno 800 mila richieste, e da tragedia umanitaria, questo esodo si tra trasformando "in una vera e propria industria dell'accoglienza" alimentata dai fondi pubblici: si tratta di un'industria "dai margini di profitto per singolo migrante assai ridotti - spiega Willy Koch, ex manager del fondo svizzero Ors Services Ag, che tra le sue attivita' conta ora un campo per rifugiati in Austria - ma la cui chiave e' certamente il volume": piu' aumenta il flusso di migranti e richiedenti asilo, dunque, piu' le attivita' "collegate" all'accoglienza diventano redditizie per i soggetti economici che le ottengono in gestione dalle autorita' pubbliche.

In molti casi - scrive il quotidiano Usa nella sua documentata inchiesta - "le aziende private vedono in queste attivita' la possibilita' di conquistare il favore di quello che prevedono diventera' un nuovo e numeroso gruppo di consumatori".

In molti casi, gli operatori economici svolgono attività di business che "scatenano le proteste di chi li accusa di lucrare sulle tragedie umane".

Le occasioni di profitto non mancano: In Germania, ad esempio, Air Berlin Plc ha ottenuto lo scorso anno 350 mila dollari per il rimpatrio per via aerea dei migranti la cui richiesta d'asilo e' stata negata dalle autorita' di Berlino.

In Svezia, il governo ha pagato una societa' di analisi linguistica 900 mila dollari per verificare la veridicita' delle generalita' fornite dai richiedenti asilo.

Ad Atene, una filiale di Western Union ha incassato 20 mila dollari al giorno grazie alle commissioni sulle transazioni effettuate dai migranti, e in molti casi si sarebbe tratatto del pagamento estero su estero agli "scafisti". 

In alcune isole dell'Egeo, come in altre localita' dell'Europa meridionale, il business dell'accoglienza dei migranti e i fondi pubblici stanziati a tal fine sono andati a compensare la crisi nelle attivita' del settore turistico, senza mai tenere conto del disagio delle popolazioni locali. 

A Lesbo - uno dei crocevia del flusso di migranti in arrivo dalla Siria - i richiedenti asilo pagano di tasca loro il soggiorno in albergo, e persino extra come la colazione, mentre attendono di veder evase le loro pratiche burocratiche.

A competere per la fornitura dei servizi ai migranti, pero', sono anche compagnie internazionali come i colossi della telefonia mobile: gruppi come Vodafone hanno cominciato a vendere schede sim per i telefoni cellulari direttamente ai migranti o ai governi che le forniscono gratuitamente a chi arriva, come quello italiano.

Altri business adottano una visione di piu' lungo termine: in Italia Extrabanca, una banca specializzata in servizi ai non-europei, sta vivendo un boom di pari passo con la popolazione extra-comunitaria nel paese, esplosa dal 2 al 9 per cento in meno di 15 anni.

Insomma, secondo il Wall Street Journal i "migranti" sono un gran bell'affare, per chi sa sfruttarlo. 

Redazione Milano


INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME VODAFONE E WESTERN UNION


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MIGRANTI   VODAFONE   TELEFONI   SCHEDE   CELLULARI   BUSINESS   WESTERN   BANCHE   ALBERGO   LESBO   ISOLA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA UE STA PER FINIRE.

LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA
Continua

 
FINLANDIA E NORVEGIA SBARRANO LA STRADA AI ''MIGRANTI'' CHE ARRIVANO DALLA SVEZIA, DOVE L'ACCOGLIENZA VACILLA.

FINLANDIA E NORVEGIA SBARRANO LA STRADA AI ''MIGRANTI'' CHE ARRIVANO DALLA SVEZIA, DOVE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!