45.229.452
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STRAORDINARIA ANALISI DEL WALL STREET JOURNAL SULL'EUROPA CHE SBAGLIA TUTTO SULL'IMMIGRAZIONE: L'UNGHERIA E' NEL GIUSTO.

mercoledì 9 settembre 2015

NEW YORK - L'era dell'abbattimento dei confini e delle barriere, dei muri e delle frontiere, del commercio e del turismo liberi, del mercato e di internet globalizzato, delle transazioni agevolate e degli scambi diretti, si sta avviando a una rapida quanto drammatica conclusione,

A scriverlo, sulle pagine del "Wall Street Journal", e' l'editorialista Bret Stephens, secondo cui la visione della "fine della storia" partorita da Francis Fukuyama e sposata dal mondo a cavallo tra il Novecento e il Nuovo millennio si e' rivelata "un'utopia, in netto contrasto con la visione drammatica di decine di migliaia di migranti mediorientali in marcia sulle strade d'Europa verso la terra promessa".

"Il mondo occidentale ha scambiato quella che era una pausa della storia per la sua conclusione", afferma l'opinionista.

"Abbiamo costruito un mondo senza barriere sulla base di assunzioni errate sul futuro. Abbiamo desiderato ardentemente un nuovo ordine liberale, ma lo abbiamo preteso assai liberale e assai poco ordinato".

L'Occidente "si e' auto-eletto civilizzazione generosa, ma non ha fatto nulla per preservare la propria prosperita'". L'attuale stato di caos politico, economico e geopolitico globale e' frutto anche e soprattutto di uno storico cambio di paradigma degli Stati Uniti, scrive Stephens, che cita il teorico politico Robert Kagan.

Secondo Kagan, Stati Uniti ed Europa hanno sempre incarnato una diversa visione filosofica del mondo: i primi abitavano "il mondo di Thomas Hobbes", dove "la vera sicurezza e la promozione dell'ordine liberale dipendono dal possesso e dal ricorso alla forza militare".

L'Europa, di contro, incarnava il mondo di Immanuel Kant, dove la "pace perpetua" era garantita dalla comune adesione a un codice condiviso di norme e convenzioni culturali, e dalla convinzione nelle virtu' della solidarieta' sociale incarnata da uno Stato redistributivo.

"Queste differenze fondamentali - scrive Stephens - non sono mai state davvero rilevanti, sino a quando sono rimaste circoscritte ai salotti di Davos". L'avvento di Barack Obama alla guida degli Stati Uniti, pero', ha portato la prima potenza globale, "ad adottare la visione del mondo kantiana tipicamente europea".

Sino ad oggi, "l'apertura europea si e' retta sulla forza degli Stati Uniti": venuta meno la seconda, con la rinuncia degli Usa al loro ruolo di leadership globale e all'intervento diretto negli scenari di crisi, si e' rapidamente giunti all'attuale "metastasi dell'ordine globale, che non potra' che peggiorare".

Per l'Europa - sostiene l'editorialista - la crisi migratoria si rivelera' un drammatico fattore deflagrante: "Quest'anno si riverseranno in Germania 800 mila persone, l'1 per cento della popolazione. Sinora l'accoglienza dei tedeschi e' stata un tributo ai valori umanistici incarnati dal Continente, ma la calda accoglienza dei migranti si rivelera' uno straordinario magnete per flussi migratori ancor piu' massicci, con gravi ed inevitabili ripercussioni politiche e di ordine sociale".

Secondo Stephens, la Germania e ancor piu' il resto dell'Europa potrebbero sopportare ordinatamente l'attuale pressione migratoria solo se disponessero di una crescita economica e demografica consistente: "Cosi' non e'. La Germania e' cresciuta in media di appena lo 0,31 per cento l'anno dal 1991, ed ha il peggior tasso di natalita' al mondo".

E il livore riservato da Berlino e dalle altre leadership nazionali europee alla politica delle barriere dell'Ungheria di Orban - avverte l'opinionista - e' un errore prospettico madornale: "L'Ungheria non e' affatto un caso di anacronismo politico, ma un araldo di quanto il prossimo futuro riserva all'Europa". L'unica alternativa al ritorno dell'era delle barriere - conclude Stephens - e' un cambio di filosofia, sia da parte dell'Europa che degli Stati Uniti, e l'intervento militare diretto a difesa dei profughi con la creazione di "zone cuscinetto" in Siria e in Iraq. In concreto, prima isolare e poi distruggere l'Isis.

Redazione Milano


STRAORDINARIA ANALISI DEL WALL STREET JOURNAL SULL'EUROPA CHE SBAGLIA TUTTO SULL'IMMIGRAZIONE: L'UNGHERIA E' NEL GIUSTO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WALL STREET JOURNAL   WSJ   NEW YORK   BERLINO   UE   EUROPA   MIGRANTI   BARRIERE   USA   OBAMA   KANT   GERMANIA   GLOBALE   BRET   STEPHENS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DANIMARCA: CONTROLLI ALLE FRONTIERE E DIMEZZATI SUSSIDI PER ''RIFUGIATI POLITICI''. NEL 2017, REFERENDUM PER ''DANEXIT''

DANIMARCA: CONTROLLI ALLE FRONTIERE E DIMEZZATI SUSSIDI PER ''RIFUGIATI POLITICI''. NEL 2017,
Continua

 
HOLLANDE HA PROMESSO D'ACCOGLIERE 24.000 ''PROFUGHI'' MA I COMUNI HANNO DETTO NO: SOLO VOLONTARIAMENTE

HOLLANDE HA PROMESSO D'ACCOGLIERE 24.000 ''PROFUGHI'' MA I COMUNI HANNO DETTO NO: SOLO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!