48.420.824
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

QUELLA ''BESTIA'' DELLA MERKEL RIMPATRIERA' I MIGRANTI NON DI PAESI IN GUERRA, UE AUTORIZZERA' ARRESTO MIGRANTI ECONOMICI

lunedì 7 settembre 2015

BERLINO - Il premier tedesco Angela Merkel è stata molto chiara, questa mattina in conferenza stampa a Berlino: "Quei migranti arrivati anche in Germania che non hanno necessita' di protezione, in quanto non provengono da Paesi in stato di guerra e quindi non sono profughi, dovranno tornare indietro".

La conferenza stampa ha avuto come tema l'emergenza immigrazione. E Angela Merkel ha fatto anche un esempio: "La Serbia in quanto Paese candidato ad entrare nell'Ue e' un Paese sicuro. E non e' giustificato per i serbi in Germania chiedere il diritto di asilo. Bisogna offrire prospettive ai giovani serbi nel loro Paese", ha tenuto a sottolineare. Per poi precisare ancora: "E' evidente che qualsiasi migrante provenga da stati che hanno chiesto l'adesione alla Ue deve essere respinto - aggiungendo: - anche la Turchia è un Paese sicuro e quindi anche chi proviene dalla Turchia non ha diritto d'asilo nell'Unione Europea".

E nel piano che la Commissione Ue si preparara a sottoporre agli Stati membri per la crisi migranti, c'e' anche un passaggio per velocizzare le procedure di rimpatrio: secondo una fonte Ue, la Commissione prevede di inserire la Turchia e tutti i Paesi balcanici non europei nella lista delle nazioni "sicure", in modo che si possano velocizzare le procedure per i richiedenti asilo e si possano rimpatriare nei loro Paesi quelli che non abbiano i requisiti per vedersi riconosciuto lo status. Nell'elenco sono incluse Bosnia e Kosovo.

Ma non basta: il governo danese ha comprato spazi pubblicitari di alcuni giornali libanesi per scoraggiare i profughi siriani dal partire per la Danimarca con annunci che ricordano le nuove politiche restrittive di Copenaghen in materia di rifugiati. L'iniziativa e' partita dopo l'arrivo di 400 migranti nel Paese scandivano nell'ultimo fine settimana. "La Danimarca ha deciso di rendere piu' severe le regole per i rifugiati sotto diversi aspetti", e' il testo dell'annuncio pubblicato dal governo del premier Lars Lokke Rasmussen, eletto anche sulla base della sua piattaforma anti-immigrazione.

Copenaghen inoltre si e' chiamata fuori dal programma europeo per l'accoglienza dei rifugiati siriani, "programma" che volontario, è bene ricordare . La scelta dei giornali libanesi non e' casuale: il Libano ospita gia' piu' di un milione di profughi siriani. L'annuncio e' apparso in almeno tre quotidiani a lingua araba e in uno in lingua inglese e ricorda anche che le nuove misure del governo prevedono il taglio di almeno la meta' dei fondi per il sostegno garantito agli immigrati.

Il testo ricorda inoltre che un immigrato alla ricerca di una residenza permanente deve essere in grado di capire e parlare la lungua danese: "I richiedenti asilo la cui richiesta sara' respinta saranno rimpatriati rapidamente", avverte l'annuncio. Lo stesso premier danese Rasmussen, peraltro, ha respinto la richiesta dello xenofobo Partito del Popolo di reintrodurre i controlli alla frontiera con la Germania, aboliti con Schengen, affermando che non e' una soluzione all'attuale emergenza. 

Inoltre, la stessa Unione europea sta precisando - nella bozza di accordo sull'emergenza immigrazione che dovrà essere votata e approvata all'unanimità da tutti i capi di stato e di governo della Ue per diventare regola obbligatoria - che in cambio della richiesta di solidarieta', saranno inasprite le norme sull'espulsione dei migranti senza diritto di asilo, arrivando anche a esortare - cioè a rendere più che consentito, praticamente obbligatorio - lo "stato di fermo detentivo" se c'e' il rischio che i migranti da espellere violino l'ordine di rimpatrio.

E' esatamente questo, quello che prevede il nuovo piano migratorio della Ue, anticipato oggi dal quotidiano spagnolo El Pais. E sul fronte delle sanzioni, la Commissione vorrebbe introdurre multe ai Paesi che non intendono accettare rifugiati, ma altrettante multe anche ai Paesi che vengono meno all'obbligo di "adottare e rafforzare le procedure di rimpatrio", ovvero che non rimpatriano i clandestini senza alcun diritto d'asilo nell'Unione Europea.

Quindi, se per il premier Renzi "sono bestie" quelli che si oppongono ai "migranti", nell'elenco delle "bestie" sulla base di queste notizie devono essere iscirtti sia Angela Merkel sia la stessa Commissione Europea.

Max Parisi


QUELLA ''BESTIA'' DELLA MERKEL RIMPATRIERA' I MIGRANTI NON DI PAESI IN GUERRA, UE AUTORIZZERA' ARRESTO MIGRANTI ECONOMICI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   UE   MIGRANTI   ECONOMICI   CLANDESTINI   DANIMARCA   COMMISSIONE   BRUXELLES   MULTE   TURCHIA   BALCANI   RENZI   ITALIA   SERBIA   BESTIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DONALD TRUMP E' APPOGGIATO DALLA MAGGIORANZA DEGLI ELETTORI AFROAMERICANI: ORA PUO' VINCERE LA CORSA ALLA CASA BIANCA

DONALD TRUMP E' APPOGGIATO DALLA MAGGIORANZA DEGLI ELETTORI AFROAMERICANI: ORA PUO' VINCERE LA
Continua

 
BAMBINI UCCISI NON SONO TUTTI UGUALI, PER GIORNALI E TELEVISIONI: MASSACRI DI BAMBINI NELL'EST UCRAINA NON FANNO NOTIZIA

BAMBINI UCCISI NON SONO TUTTI UGUALI, PER GIORNALI E TELEVISIONI: MASSACRI DI BAMBINI NELL'EST
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!