44.168.870
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COLDIRETTI: AGRICOLTURA E PASTORIZIA ITALIANE DISTRUTTE: 172.000 STALLE E FATTORIE CHIUSE, IMPORT DA PAESI SCHIAVISTI.

lunedì 7 settembre 2015

Dall'inizio della crisi nel 2007 sono state chiuse in Italia oltre 172mila stalle e fattorie a un ritmo di oltre 60 al giorno, con effetti drammatici sull'economia, sulla sicurezza alimentare e sul presidio ambientale. E' quanto emerge dal dossier presentato dalla Coldiretti al valico del Brennero dove sono giunti migliaia di agricoltori per fermare i traffici di una Europa che chiude le frontiere ai profughi e le spalanca alle schifezze mentre a Bruxelles si sono mobilitati i giovani della Coldiretti per chiedere un cambiamento delle politiche europee.

Su twitter la mobilitazione puo' essere seguita con l'hastag #bastaschifezze. Occorre fermare chi fa affari sulle spalle degli agricoltori e dei consumatori con le speculazioni sui prodotti favorite - sottolinea la Coldiretti - dalla mancanza di trasparenza sulla reale origine e sulle caratteristiche degli alimenti, che stanno provocando l'abbandono delle campagne, sulla base dei dati Unioncamere relativi ai primi sei mesi del 2015 rispetto all'inizio della crisi nel 2007.

Sono oggi meno di 750mila le aziende agricole sopravvissute in Italia ma se l'abbandono continuera' a questo ritmo in 33 anni non ci sara' piu' agricoltura lungo la Penisola, con conseguenze devastanti sull'economia e sull'occupazione e sull'immagine del Made in Italy nel mondo ma anche sulla sicurezza alimentare ed ambientale dei cittadini. Bisogna cambiare verso anche in agricoltura dove la chiusura di un'azienda significa maggiori rischi sulla qualita' degli alimenti che si portano a tavola e minor presidio del territorio, lasciato all'incuria e alla cementificazione. 

Sono questi - ricorda Coldiretti - i drammatici effetti di quelli che sono i due furti ai quali e' sottoposta giornalmente l'agricoltura: da una parte il furto di identita' e di immagine che vede sfacciatamente immesso in commercio cibo proveniente da chissa' quale parte del mondo come italiano; dall'altra il furto di valore aggiunto che vede sottopagati i prodotti agricoli senza alcun beneficio per i consumatori per colpa di una filiera inefficiente.

"Rischiamo di perdere un patrimonio del nostro Paese sul quale costruire una ripresa economica sostenibile e duratura che faccia bene all'economia all'ambiente e alla salute" afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel denunciare che "l'invasione di materie prime estere spinge prima alla svendita agli stranieri dei nostri marchi piu' prestigiosi e poi alla delocalizzazione delle attivita' produttive". Oggi anche a causa della concorrenza sleale che fa chiudere le aziende agricole l'Italia e' gia' costretta ad importare il 40 per cento del latte e carne, il 50 per cento del grano tenero destinato al pane, il 40 per cento del grano duro destinato alla pasta, il 20 del mais e l'80 della soia. Il tutto, da Paesi extra Ue rispetto i quali, invece di imporre dazi per impedire concorrenze sleali basate sullo sfruttamento dei lavoratori al limite della schiavitù, al contrario la Ue e l'Italia hanno spalancato le porte facilitando addirittura l'importazione.

Ma l'invasione riguarda anche prodotti dove l'Italia e' praticamente autosufficiente dall'olio di oliva con l'Italia che si classifica come il principale importatore mondiale dal Nord Africa per realizzare miscele di bassa qualita' da "spacciare" come Made in Italy fino all'ortofrutta, dove il frutteto italiano che si e' ridotto di un terzo (-33 per cento) negli ultimi quindici anni con la scomparsa di oltre 140mila ettari di piante di mele, pere, pesche, arance, albicocche e altri frutti, oggi coltivati da contadini-schiavi pagati una miseria, soprattutto in Marocco e Tunisa.

Questo, senza dimenticare il settore delle carni, a partire da quelle bovine, spesso preda di traffici illeciti con l'importazione di animali privi dei necessari documenti e marchi auricolari, soprattutto dall'Est Europeo e segnatamente da Paesi balcanici come Albania, Serbia, Macedonia, Bulgaria, tutte nazioni dove il costo del lavoro, in assenza di qualsiasi tutela sanitaria, infortunistica, e pensionistica, è infinitamente più basso che in Italia. A rischio per l'Italia e' - conclude la Coldiretti - il primato europeo nella produzione di una delle componenti base della dieta mediterranea per il crollo dei compensi pagati agli agricoltori che non riescono piu' a coprire neanche i costi di produzione mentre al dettaglio i prezzi aumentano.

Questo, è il quadro desolante del settore agricolo italiano, abbandonato dal governo Renzi e devastato dalle folli politiche dell'Unione europea, che non difendono in alcun modo i lavoratori della Ue, in nome del liberismo sfrenato alla base della globalizzazione che sta "globalizzando" la povertà e la miseria.

Redazione Milano.


COLDIRETTI: AGRICOLTURA E PASTORIZIA ITALIANE DISTRUTTE: 172.000 STALLE E FATTORIE CHIUSE, IMPORT DA PAESI SCHIAVISTI.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
 
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CORTE DEI CONTI ACCUSA IL SINDACO RENZI DI ''GRAVI IRREGOLARITA' NELLA GESTIONE DEL DENARO DEL COMUNE DI FIRENZE''

LA CORTE DEI CONTI ACCUSA IL SINDACO RENZI DI ''GRAVI IRREGOLARITA' NELLA GESTIONE DEL DENARO DEL
Continua

 
CARNE GONFIATA OLIO SCADENTE VINO IN POLVERE PARMIGIANO FINTO MOZZARELLE DA INCUBO CIOCCOLATO FALSO: SCHIFEZZE DALLA UE

CARNE GONFIATA OLIO SCADENTE VINO IN POLVERE PARMIGIANO FINTO MOZZARELLE DA INCUBO CIOCCOLATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!