50.707.358
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

L'UNGHERIA HA DECISO DI DIFENDERSI DALL'INVASIONE DI CLANDESTINI: PRONTO L'ESERCITO, DOPPIE BARRIERE DI FILO SPINATO

giovedì 27 agosto 2015

BUDAPEST - Si aggrava la tensione scatenata dall'emergenza clandestini sulla frontiera ungherese. Il partito di maggioranza del governo magiaro intende schierare a breve anche l'esercito per fermare il flusso dei migranti dalla Serbia e il Parlamento in seduta straordinaria voterà sulla proposta la prossima settimana. Il governo intende rendere possibile l'impiego dell'esercito per compiti relativi alla difesa dei confini e per l'emergenza delle invasioni in Ungheria di migliaia di clandestini, secondo quanto dichiarato da Szilard Nemeth, vice presidente della Commissione parlamentare per la sicurezza nazionale ed esponente del partito conservatore del premier Viktor Orban.

Intanto si apre questa mattina a Vienna il vertice sui Balcani, un appuntamento il cui ordine del giorno è stato stravolto dalla crisi dei clandestini. Questa regione europea infatti è improvvisamente divenuta uno snodo cruciale del passaggio dei flussi in provenienza dal Medioriente e dall'Asia e diretti in Europa.

La cosiddetta "rotta dei Balcani occidentali", scelta da migliaia di clandestini, ha imposto al vertice priorità diverse da quelle stabilite in precedenza. In autobus, a piedi o in treno, siriani, iracheni e afgani, ma soprattutto migliaia di albanesi, kosovari o macedoni, stanno attraversando l'Europa orientale, innescando una serie di gravi tensioni con le autorità locali.

L'Ungheria, che oltre alla Grecia e all'Italia (che però a differenza dell'Ungheria che sta subendo l'invasione lo fanno volontariamente su indicazione politica dei rispettivi governi di sinistra), rappresenta una porta d'ingresso per i paesi dell'Unione europea, è sottoposta a una pressione senza precedenti.

Al confine con la Serbia, dove Budapest sta per ultimare una recinzione di 175 chilometri entro la fine di agosto, si sono verificati diversi incidenti anche ieri e la polizia ha fatto ricorso ai gas lacrimogeni per impedire ai clandestini di fuggire dai centri di accoglienza dove devono essere registrati e identificati.

Mentre l'Ungheria rafforza in tutta fretta le difese al confine serbo, i clandestini continuano ad arrivare nel Paese in numeri record, secondo la polizia. Ieri 3.241 sono arrivati in Ungheria, il numero più alto mai registrato. La maggioranza ha attraversato il confine serbo nei pressi del villaggio di Roszke. La linea ferroviaria che attraversa il confine a Roszke è uno dei pochi punti di passaggio ancora liberi dalle barriera di filo spinato che entro fine agosto chiuderà i 175 chilometri di frontiera con la Serbia. E' in costruzione anche una seconda barriera di filo spinato alta quattro metri.

Il capo della polizia ungherese Karoly Papp ha annunciato che oltre duemila dei cosiddetti "cacciatori di confine", con cani, cavalli ed elicotteri, si recheranno aul confine da settembre per rafforzare la già massiccia presenza delle forze di sicurezza. Il partito di governo Fidesz ha anche annunciato che intende proporre di schierare l'esercito per fermare il flusso di migranti, dopo i disordini scoppiati al centro di registrazione di Roszke, dove la polizia come detto ha lanciato lacrimogeni sui clandestini.

"I migranti illegali diventano sempre più aggressivi, non possiamo tollerare ciò che è accaduto a Roszke, non possiamo accettare questa aggressione" ha detto Szilard Nemeth, dirigente del partito e vicepresidente della commissione parlamentare per la sicurezza nazionale. La proposta dell'invio dell'esercito verrà discussa dal parlamento in una seduta straordinaria mercoledì prossimo nella quale verrà proposto anche di rendere un reato penale l'attraversamento illecito del confine e il sabotaggio della barriera alla frontiera.

Redazione Milano.

 


L'UNGHERIA HA DECISO DI DIFENDERSI DALL'INVASIONE DI CLANDESTINI: PRONTO L'ESERCITO, DOPPIE BARRIERE DI FILO SPINATO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNGHERIA   ORBAN   CLANDESTINI   FILO   SPINATO   UE   ORDE   BARRIERA   ESERCITO   CANI   BALCANI   KOSOVARI   ALBANESI   MACEDONI   ROM   SERBIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SEI MESI DI GALERA PER I CLANDESTINI E POI ESPULSIONE COATTA: NUOVA LEGGE DEL GOVERNO CAMERON DALL'AUTUNNO

SEI MESI DI GALERA PER I CLANDESTINI E POI ESPULSIONE COATTA: NUOVA LEGGE DEL GOVERNO CAMERON
Continua

 
LA ROMANIA BLINDA IL CONFINE CON LA SERBIA PER IMPEDIRE L'INVASIONE DI CLANDESTINI. IL GOVERNO: DIFENDIAMO LA NAZIONE!

LA ROMANIA BLINDA IL CONFINE CON LA SERBIA PER IMPEDIRE L'INVASIONE DI CLANDESTINI. IL GOVERNO:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!