56.294.176
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL WASHINGTON POST SCRIVE: ''L'ITALIA IN 16 ANNI DI EURO E' CRESCIUTA SOLO DEL 4,6%. E' IL CANDIDATO IDEALE PER USCIRNE''

venerdì 31 luglio 2015

WASHINGTON - Come definire un paese che in 16 anni, dalla sua adesione all'euro, ha visto crescere la sua economia di appena 4,6 punti percentuali? Secondo l'editorialista del "Washington Post" Matt O'Brien, quel paese - l'Italia - appare il candidato ideale all'uscita dall'euro.

"E' difficile - ha scitto in prima pagina - capire cosa sia andato storto all'Italia. L'anno della sua adesione alla moneta unica, il Belpaese e' cresciuto del 4 per cento, ma da allora e' rimasto fermo al palo. Prima della crisi del 2008 il paese e' effettivamente cresciuto a ritmi discreti, ma al contrario perfino della Grecia, non pare aver mai davvero beneficiato dalla sua adesione all'area dell'euro.

I problemi dell'Italia - sottolinea l'editorialista - vanno certamente attribuiti, in primo luogo, alle sue debolezze strutturali interne, ormai ben note: l'eccesso di tassazione, l'iperburocratismo, la farraginosita' delle istituzioni e dell'apparato amministrativo, le rigidita' del mercato del lavoro. Nel tempo, questi pesantissimi limiti si sono combinati alla pur lodevole operosita' dei privati creando un vibrante tessuto produttivo di piccole imprese, cui lo Stato ha impedito di conseguire la flessibilita' e le economie di scala necessarie a competere in un contesto sempre piu' globalizzato.

E' anche vero, pero', che "l'Italia soffriva di questi limiti anche prima dell'euro, eppure sembrava cavarsela meglio". Il contesto globale degli anni Novanta non e' certo quello attuale, e oggi l'Italia non puo' permettersi di spendere a deficit, bilanciando con la svalutazione della lira, come faceva prima del suo ingresso nell'eurozona.

E' pero' innegabile, secondo O'Brien, che l'euro costituisca almeno una parte del problema. La moneta unica "e' troppo forte per gli esportatori italiani, e troppo restrittiva per un governo che pure, in parte, e' stato costretto a ridurre il proprio bilancio piu' di quanto avrebbe fatto di sua spontanea volonta'".

Il vero problema dell'euro, secondo l'opinione di O'Brien nella quale evidentemente si riconosce il quotidiano, visto il risalto dato all'articolo, e' pero' un altro: in Italia come in Europa, la moneta unica e le istituzioni che la sostengono "hanno causato una grave dissonanza cognitiva". Quanto accaduto in Grecia nelle ultime settimane ne e' la prova: "La gente odia l'austerita', ma spesso ama alla follia l'euro e tutto cio' che lo rappresenta".

Non si rendono conto, prosegue il Washington Post, che austerita' ed euro sono due facce della stessa moneta. Questo caso di dissonanza "ha costretto i partiti euroscettici a promettere l'impossibile nel tentativo di ottenere il potere politico: la fine dei tagli alla spesa e la simultanea permanenza all'interno dell'euro. E' quanto aveva promesso ad esempio il premier greco Alexis Tsipras; com'era prevedibile, la sua illusione si e' conclusa con l'imposizione al paese di condizioni d'austerita' draconiane.

Eppure - conclude l'editoriale - in Italia lo scenario appare differente. I movimenti anti-euro italiani "hanno appreso la lezione opposta: mai scartare l'ipotesi di un'uscita dall'euro, o le cose non volgeranno mai per il meglio". Non e' un caso che Beppe Grillo, l'istrionico leader del Movimento 5 Stelle, abbia dichiarato che "il rifiuto di lasciare l'euro e' stato la condanna a morte di Tsipras". Nell'economia dell'euro, l'Italia e' una pedina assai piu' pesante della Grecia.

"Il debito italiano e' enorme e insostenibile - scrive uno dei più autorevoli quotidiani degli Stati Uniti -  a meno che il paese non torni a crescere a ritmi decenti. L'uscita dall'euro potrebbe portare piu' crescita, e dunque meno austerità. Tutto questo, pero', richiederebbe istituzioni nazionali e una cultura politica in grado di comprendere l'esigenza di riformare profondamente il paese per dotarlo della necessaria competitivita'. L'Italia, quindi, è il cadidato ideale per uscire dall'euro e prosperare".

Redazione Milano.


IL WASHINGTON POST SCRIVE: ''L'ITALIA IN 16 ANNI DI EURO E' CRESCIUTA SOLO DEL 4,6%. E' IL CANDIDATO IDEALE PER USCIRNE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WASHINGTON POST   USA   EURO   ITALIA   LIMITI   USCITA   TASSAZIONE   AUSTERITA'   FACCE   MEDAGLIA   MONETA   O'BRIEN   DRACONIANE   GRECIA   TSIPRAS   GRILLO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INFERNO A CALAIS: MIGLIAIA ASSALTANO IL TUNNEL SOTTO LA MANICA STANOTTE ANCHE UN MORTO. CLANDESTINI ARRIVATI DALL'ITALIA

INFERNO A CALAIS: MIGLIAIA ASSALTANO IL TUNNEL SOTTO LA MANICA STANOTTE ANCHE UN MORTO. CLANDESTINI
Continua

 
DATI RECORD PER CRESCITA DI POSTI DI LAVORO IN UNGHERIA E BOOM DI INVESTIMENTI ESTERI: LA POLITICA DI ORBAN E' VINCENTE.

DATI RECORD PER CRESCITA DI POSTI DI LAVORO IN UNGHERIA E BOOM DI INVESTIMENTI ESTERI: LA POLITICA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »