64.832.269
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE / ECCO L'INVASIONE DI CLANDESTINI IN AUSTRIA, REPUBBLICA CECA, SLOVACCHIA. NOTIZIE DI CUI NON PARLA NESSUNO.

martedì 28 luglio 2015

PRAGA - La situazione nell'Est Europa, parliamo delle nazioni che fanno parte dell'Unione europea, è a dir poco drammatica, riferita alle continue e massicce ondate d'invasione di clandestini.  Il ministro dell'Interno della Repubblica Ceca Milan Chovanec è disperato ed e' pronto a dare sostegno perfino all'Austria, nel tentativo di bloccare il flusso di clandestini, attraverso il dispiegamento delle forze di polizia ceche lungo il confine tra Ungheria e Serbia. E' infatti questa una delle zone di passaggio maggiormente utilizzate dai clandestini che si spingono verso l'Austria per entrare illegalmente nella Ue.

Lo ha dichiarato ieri sera il ministro dopo l'incontro con l'omologo austriaco Johanna Mikl-Leitner, secondo quanto riporta l'agenzia stampa "Ctk". La proposta di Chovanec prevede l'impiego di gruppi di venti agenti della polizia ceca per il pattugliamento del confine serbo-ungherese a partire dal mese di agosto. "Il governo ungherese non appoggia pero' la proposta. A fine luglio saranno i presidenti dei corpi di polizia europei a discutere dell'intervento", ha dichiarato Chovanec. 

Il ministro ceco ha sottolineato che la capacita' ricettiva austriaca e' ormai al limite. "Non vogliamo trovarci nella loro situazione, abbiamo quindi bisogno di aumentare la capacita' delle strutture di ricezione. Stiamo cercando altri mille posti, ma dobbiamo anche contemporaneamente pensare a come far tornare i clandestini senza diritto di accoglienza nei loro paesi.

Questo problema - ha sottolineato - devono risolverlo Italia e Grecia, ma anche l'Ungheria della quale invece non si parla mai", ha precisato Chovanec, aggiungendo che ogni giorno entrano in Ungheria circa 1.500 clandestini, ma riesce a mandarne indietro solamente 30 al giorno.

Chovanec ha gia' fatto sapere di aver pronta una richiesta al governo per aumentare il bilancio ministeriale di un miliardo di corone (circa 37 milioni di euro) e di incrementare di 400 unita' il numero degli agenti di polizia in servizio.

"In Ungheria verrebbero mandati solamente agenti specializzati e con competenze linguistiche in modo da potersi facilmente integrare e coordinare con gli altri colleghi impegnati su quel fronte. Non verranno a crearsi problemi", ha detto il presidente della polizia Tomas Tuhy.

L'Austria sta vivendo un periodo di afflusso eccezionale di clandestini, principalmente provenienti dal Medio oriente e dal nord Africa, e la stragrande maggioranza non ha alcun diritto d'asilo.

La Slovacchia settimana scorsa ha promesso di fornire alloggio temporaneo a 500 rifugiati che cercavano d'entrare in Austria. Dovrebbero venire ospitati nel paese di Gabcikovo, a sud della capitale. Gli abitanti del paese però hanno gia' espresso i loro forti risentimenti contro la decisione del governo.

Anche la maggior parte dei cittadini cechi si e' espressa contro l'accoglienza ai clandestini. Un sondaggio effettuato a giugno ha mostrato come sia del 70 per cento la percentuale della popolazione ceca che si e' dichiarata contro l'ospitalita' sul territorio.

La polizia ha fermato venerdi' scorso un totale di 91 persone che tentavano di entrare illegalmente nella Repubblica Ceca, il numero piu' alto mai raggiunto. Durante il primo semestre di quest'anno sono stati fermati in totale 3.081 clandestini, quasi il 50 per cento in piu' rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. E' un disastro. 

Redazione Milano.


REPORTAGE / ECCO L'INVASIONE DI CLANDESTINI IN AUSTRIA, REPUBBLICA CECA, SLOVACCHIA. NOTIZIE DI CUI NON PARLA NESSUNO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CLANDESTINI   INVASIONE   REPUBBLICA   CECA   AUSTRIA   UNGHERIA   POLIZIA   RIMPATRI   RIBELLIONE   PRAGA   VIENNA   BUDAPEST    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
 
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL ATTACCA FRONTALMENTE SCHAEUBLE E IL SUO PIANO DI GERMANIZZAZIONE DELLA ZONA EURO: E' MOLTO PERICOLOSO

DER SPIEGEL ATTACCA FRONTALMENTE SCHAEUBLE E IL SUO PIANO DI GERMANIZZAZIONE DELLA ZONA EURO: E'
Continua

 
IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE POLACCA: ''MEGLIO RIMANERE FUORI DALL'EUROZONA, PERICOLOSO FARNE PARTE'' (ADDIO EURO)

IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE POLACCA: ''MEGLIO RIMANERE FUORI DALL'EUROZONA, PERICOLOSO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!