50.734.382
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CHI L'HA DETTO CHE LA GRECIA NON USCIRA' PIU' DALL'EURO? IL PIANO ''VAROUFAKIS'' E' PRONTO E IN STAND BY, NON CANCELLATO.

martedì 28 luglio 2015

ATENE - Continua a far discutere il piano segreto stilato dall'ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, per la creazione di un sistema alternativo di pagamenti che pur se non attuato potrebbe essere tenuto nel cassetto e pronto ad essere utilizzato alla bisogna, riaprendo cosi' tutti i discorsi legati ad un'uscita di Atene dalla zona euro.

Lo riporta il quotidiano ellenico "Kathimerini".

Come ammesso dallo stesso Varoufakis, il ministero avrebbe messo su un'apposita squadra incaricata per creare un sistema bancario basato su cambiali con un apposito gruppo incaricato di acquisire i dati e le password dei correntisti bancari, un piano pero' lasciato cadere dopo la vittoria del governo nel referendum dello scorso 5 luglio in merito all'accettazione delle misure imposte da Bruxelles per salvare la Grecia dal fallimento, in questo piano aveva un ruolo anche l'ex ministro dell'Energia greco Panayiotis Lafazanis pronto a requisire le riserve di liquidita' presso la zecca dello Stato.

In alcune cancellerie europee, ovviamente Berlino e Parigi le più importanti, ora il sospetto e' che questo piano non sia stato del tutto stracciato ma solo accantonato. Secondo Varoufakis e' saltato la notte del referendum, 5 luglio, quando i cittadini ha votato per respingere le proposte di Bruxelles, e da allora la Grecia ha riguadagnato tempo e terreno nelle trattative con i creditori internazionali varando anche due dei tre pacchetti di riforme concordate, il timore pero' e' che se dovessero verificarsi nuove tensioni tra le parti la Grecia potrebbe tornare a paventare un'uscita dalla zona euro.

Secondo James Galbraith, professore presso l'Universita' del Texas il piano era stato pensato solo per studiare le questioni operative legate ad un'uscita della Grecia dall'euro. La situazione comunque rimane tesa anche perche' il sistema bancario greco e' ancora fermo e il governo non ha annunciato quando revochera' le misure varate alla fine di giugno, nel frattempo i depositi bancari di imprese e famiglie sono scesi a 122 miliardi a giugno, il dato piu' basso dal 2003. E la borsa è chiusa ormai da oltre un mese, con il divieto della Bce alla riapertura.

Intanto, i creditori internazionali vogliono che la Grecia vari anche la terza ondata di riforme concordate prima di far partire il nuovo prestito da 86 miliardi in tre anni per evitare al paese la bancarotta. Ieri le parti sono tornate ad incontrasi ma le rivelazioni dell'ex ministro Varoufakis sull'ideazione di un sistema di pagamento alternativo ha aumentato le tensioni anche se le parti sono concordi nel chiudere il nuovo accordo entro il 20 agosto, scadenza della prossima rata con la Banca centrale europea, ma per farlo il governo di Alexis Tsipras dovra' portare a Bruxelles l'approvazione di tutte le misure concordate, soprattutto i due provvedimenti che maggioranza ed opposizione stanno procrastinando per non perdere i proprio bacini elettorali ovvero l'abolizione delle baby pensioni e le modifiche al sistema fiscale degli agricoltori. 

Il partito di maggioranza relativa Syriza vuole evitare di cancellare le baby pensioni, o anche solo ridurle, mentre il principale partito di opposizione, Nuova democrazia, che pure sta votando con il governo per senso di responsabilita' e' pronta a fare barricate per difendere le agevolazioni fiscali di cui godono gli agricoltori. Il premier Tsipras ha richiamato all'unita' il suo partito, Syriza, spaccato nelle ultime due votazioni con la stessa maggiora appesa ad un filo, annunciando di essere disponibile a dialogare per discutere della riforma del lavoro, per l'eliminazione graduale delle misure per gli agricoltori e per limitare il piu' possibile la riforma pensionistica, anche se questo potrebbe complicare il dialogo con la Commissione europea.

Redazione Milano


CHI L'HA DETTO CHE LA GRECIA NON USCIRA' PIU' DALL'EURO? IL PIANO ''VAROUFAKIS'' E' PRONTO E IN STAND BY, NON CANCELLATO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   VAROUFAKIS   TSIPRAS   PIANO USCITA   EURO   BRUXELLES   TROIKA   PENSIONI   RIFORME   ATENE   MAGGIORANZA   GERMANIA   FRANCIA   PAURA   GREXIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN FRANCIA LAVORI PER IL FISCO FINO AL 29 LUGLIO, IN GERMANIA 1° LUGLIO, IN BELGIO 6 AGOSTO, IN GRAN BRETAGNA 10 APRILE!

IN FRANCIA LAVORI PER IL FISCO FINO AL 29 LUGLIO, IN GERMANIA 1° LUGLIO, IN BELGIO 6 AGOSTO, IN
Continua

 
DER SPIEGEL ATTACCA FRONTALMENTE SCHAEUBLE E IL SUO PIANO DI GERMANIZZAZIONE DELLA ZONA EURO: E' MOLTO PERICOLOSO

DER SPIEGEL ATTACCA FRONTALMENTE SCHAEUBLE E IL SUO PIANO DI GERMANIZZAZIONE DELLA ZONA EURO: E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!