45.138.775
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / SIAMO ANDATI A VEDERE A QUANTO AMMONTA IL BUCO IN CASSA DI REGIONI PROVINCE E COMUNI: BANCAROTTA DA SPAVENTO

venerdì 24 luglio 2015

Nelle fasi cruciali della vicenda greca, il premier non eletto italiano, al secolo il signor Renzi da Firenze, si è fatto vanto di “aver salvato l’euro”.

Sembrerebbe, dalle dichiarazioni trionfalistiche del diretto interessato, oltre che dei media di regime, di essere in presenza di un novello Alessandro Magno, o di un redivivo Napoleone, in grado di plasmare gli eventi e piegare politici e nazioni ai suoi voleri.

Peccato che poi si scopra che… la Grecia, anzi più di una "Grecia", ce l’abbiamo direttamente in Italia e che l’ex sindaco  al riguardo non sia in grado di cavare un ragno dal buco.

Già, perché non esiste solo il caso Sicilia: una regione, per giunta a statuto speciale e quindi con privilegi che le altre, Veneto e Lombardia in testa, si sognano col binocolo, sull’orlo del fallimento. Quello della trinacria è la punta di un iceberg immenso e terribile: sono ben 180 i comuni a rischio fallimento in quello che fu il bel paese. La sola Sicilia ha un buco in cassa di oltre 7 miliardi di euro.

Il dato, già di per sé agghiacciante, diventa semplicemente drammatico se si pensa che nel 2010, un anno prima dell’arrivo del “salvatore della patria” Mario Monti a palazzo Chigi, i comuni in dissesto economico erano solo 8, oggi 180 e nessuno ha neppure l'idea di un totale dei debiti in arretrato e non pagati. Potrebbero essere addirittura tra i 18 e 40 miliardi di euro.

Eh già, le amabili “cure” della troika europea, portate avanti dal sociopatico Monti (come ama definirlo il professor Bagnai), e dai suoi degni eredi dalla psiche instabile Letta e Renzi, hanno letteralmente distrutto il tessuto sociale del paese.

Ovviamente ci sono comuni di serie A e comuni di serie B.

Al riguardo lasciamo parlare il sindaco di Alessandria, Maria Rita Rossa: "È una questione di equità fra cittadini di città diverse non possiamo fare due pesi e due misure fra chi abita a Roma o a Napoli e chi sta ad Alessandria. I debiti del comune di Roma sono stati spostati in una bad company e Roma Capitale è potuta ripartire senza dissesto. Nel frattempo Alessandria, Caserta, Casal di Principe e decine di altri enti più piccoli sono stati costretti ad alzare le tariffe e le tasse comunali al massimo, consolidare i debiti delle società partecipate, mettere in cassa integrazione molti dipendenti, bloccare gli investimenti”.

Già, perché se ti chiami Ignazio Marino e governi Roma, puoi sempre contare sulla complicità del governo nel ripianare i debiti o nel metterli sotto il tappeto, mentre se sei un comune del nord devi ovviamente arrangiarti come puoi.

Oltre ai comuni, esistono anche province in profondo rosso e ad un passo dal disastro: secondo l’UPI sarebbero addirittura l’80% e anche qua, dati certificati sui debiti non ce ne sono, ma presumibilmente si tratta di una somma non inferiore ai 20 miliardi di euro. Che si vanno a sommare a quelli del dissesto siciliano e a quegli altri del dissesto dei 180 comuni di cui sopra. Una voragine che è incolmabile e che potrebbe arrivare a sfiorare i 100 miliardi di euro. Al minimo, più di 70. 

D’altra parte questa è la logica conseguenza della macelleria sociale messa in atto dagli ultimi 3 governi: per non assumersi le responsabilità in prima persona, cosa che i politici del palazzo odiano fare, hanno scaricato sugli enti locali il compito di mettere le mani nelle tasche degli italiani, tagliando selvaggiamente i trasferimenti e senza fornire alcun servizio in più ai cittadini.

Si tratta delle tanto amate ricette della troika ue-fmi-bci: massacrare di tasse il ceto medio e tagliare qualsiasi servizio sociale affinchè la popolazione sia portata allo stremo.

Non ci credete? Secondo uno studio del Centro Studio Einaudi, il ceto medio è sceso dal 57 al 38% della popolazione italiana, portando il bel paese a livelli da Sudamerica. D’altra parte questo è il sogno della sinistra al caviale di cui gli ultimi tre premier (nessuno scelto dai cittadini) italiani sono esponenti di spicco: una èlite (loro) ultraricca ed un massa alla soglia della povertà da governare a bacchetta, magari con la fattiva collaborazione dei flussi di immigrati che ogni giorni invade le nostre città.

Il premier non eletto Renzi, dopo i degni compari da ospedale psichiatrico Monti e Letta, ha sicuramente dato un notevole contributo alla distruzione del paese: i numeri sono lì ad inchiodarlo alle sue responsabilità, che non possono certo essere cancellate con un tweet.

Luca Campolongo

Fonti:

http://www.ternioggi.it/provincia-di-terni-verso-dissesto-finanziario-squilibrio-di-9-milioni-appello-al-governo-50378

http://www.forexinfo.it/Sono-180-i-comuni-italiani-che

Libero quotidiano del 22/07/2015, pagina 20

 


INCHIESTA / SIAMO ANDATI A VEDERE A QUANTO AMMONTA IL BUCO IN CASSA DI REGIONI PROVINCE E COMUNI: BANCAROTTA DA SPAVENTO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   LETTA   MONTI   SOCIOPATICO   TROIKA   BUCO   DISSESTO   BANCAROTTA   BILANCI   COMUNI   PROVINCE   REGIONI   CHIGI   GRECIA   SICILIA   ALESSANDRIA   ICEBERG    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRAVISSIMA DENUNCIA DELLA CNA: GOVERNO RENZI REINTRODUCE L'ANATOCISMO SUI DEBITI COL FISCO (PD VUOLE L'USURA DI STATO)

GRAVISSIMA DENUNCIA DELLA CNA: GOVERNO RENZI REINTRODUCE L'ANATOCISMO SUI DEBITI COL FISCO (PD
Continua

 
IL PIU' AUTOREVOLE QUOTIDIANO ECONOMICO DI FRANCIA FA A PEZZI IL JOBS ACT: NON PRODUCE OCCUPAZIONE, NON SERVE A NIENTE''

IL PIU' AUTOREVOLE QUOTIDIANO ECONOMICO DI FRANCIA FA A PEZZI IL JOBS ACT: NON PRODUCE OCCUPAZIONE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!